Keystone
SIRIA
13.10.19 - 10:470
Aggiornamento : 12:57

Tenere in carcere i foreign fighter dell'Isis «non è più una priorità»

Lo comunicano le forze curde siriane, impegnate a contrastare l'offensiva turca: «Chi voglia trovare una soluzione è il benvenuto»

DAMASCO - Impegnati a contrastare l'offensiva turca nel loro Paese, i curdi siriani non assicurano di poter continuare a trattenere in carcere le migliaia di miliziani dell'Isis, anche europei, che sono rinchiusi nel nord est della Siria.

«Fare la guardia alle prigioni dell'Isis non è più una priorità», ha dichiarato un ufficiale delle Forze democratiche siriane (SDF), Redur Xelil, come riporta la BBC. «Chiunque tenga ad assicurare la detenzione dei carcerati è il benvenuto qui per trovare una soluzione», ha aggiunto. L'SDF ha dovuto spostare le proprie forze «per proteggere le nostre città e il nostro popolo».

Le Forze democratiche siriane detengono più di 12mila sospetti membri dell'Isis, 4'000 dei quali sono cittadini stranieri, anche europei. Le forze curde in loco chiedono da tempo supporto ai Paesi d'origine per trattare i loro casi. All'inizio del suo attacco in Siria, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan aveva annunciato che avrebbe preso in consegna ed estradato nei Paesi di provenienza  i jihadisti stranieri.

I curdi mettono in guardia sulla riattivazione di cellule islamiste a Qamishli e Hassakeh in seguito all'offensiva di Ankara, che ha stimolato una nuova campagna dell'Isis per la liberazione dei suoi miliziani detenuti nelle prigioni curde. In entrambe le località si sono registrati attentati con autobomba e almeno cinque detenuti dello Stato islamico sono evasi venerdì a Qamishli.

Scappati 800 affiliati dell'Isis - E intanto, i curdi siriani fanno sapere che, oggi, quasi 800 affiliati dell'Isis sono scappati da uno dei campi nel nord est della Siria dove sono in corso i bombardamenti turchi.

Le autorità curde hanno annunciato la fuga dei jihadisti stranieri dal campo di Ayn Issa, nel nord della Siria, circa 35 km a sud del confine turco.

L'amministrazione semiautonoma della regione curda ha detto che i detenuti hanno attaccato le guardie e travolto le recinzioni. «Il campo di Ayn Issa è ormai senza controllo», hanno riferito i curdi.

Timori per la sorte di 10mila sfollati ad Ayn Issa - Circa 10 mila sfollati siriani, tra cui familiari di jihadisti dell'Isis, ammassati nel campo di Ayn Issa, tra Raqqa e il confine turco sono esposti all'avanzata militare turca e delle milizie cooptate da Ankara.

Lo riferisce stamani l'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria, che afferma che la polizia curdo-siriana, nota come Asayesh, ha abbandonato il compito di mantenere la sicurezza attorno al campo profughi lasciando di fatto gli sfollati al loro destino.

Sequestrati quattro soccorritori - Quattro soccorritori umanitari siriani sono stati sequestrati nel nord-est della Siria da milizie arabo-siriane cooptate dalla Turchia. Lo riferisce la Mezzaluna rossa curdo-siriana affermando che i quattro rapiti sono membri della stessa organizzazione medica curda.

Il sequestro è avvenuto nella zona di Tall Abyad, al confine tra Turchia e Siria. Non è possibile verificare in maniera indipendente le informazioni sul terreno.

Papa Francesco invoca il dialogo - «Il mio pensiero va ancora una volta al Medio Oriente». Si è espresso Papa Francesco all'Angelus. In particolare, «all'amata e martoriata Siria da dove giungono nuovamente notizie drammatiche sulla sorte delle popolazioni del nord-est del Paese, costrette ad abbandonare le proprie case a causa delle azioni militari: tra queste popolazioni vi sono anche molte famiglie cristiane».

«A tutti gli attori coinvolti e alla Comunità Internazionale, per favore, rinnovo l'appello ad impegnarsi con sincerità, con onestà e trasparenza, sulla strada del dialogo per cercare soluzioni efficaci», ha aggiunto il Pontefice.


 
 

 

  

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
ITALIA
22 min
Acqua alta a Venezia: per le 13 atteso un picco di +160 cm
La città si appresta ad affrontare una nuova marea straordinaria: negli ultimi 147 anni se ne contano solo tre oltre questo valore, tutte dopo il 1966
STATI UNITI
3 ore
Uccide la moglie e tre figli, poi si spara
Solo 24 ore prima della strage, la donna aveva ottenuto un'ingiunzione restrittiva nei confronti del marito. Che però non ha fermato l'uomo. Gravissimo anche il quarto figlio
ITALIA
15 ore
Non solo Venezia, il maltempo flagella la Penisola
Neve, mareggiate, acqua alta. Le condizioni meteo hanno fatto scattare l'allerta per rischio idrogeologico in undici Regioni
FOTO
INDIA
16 ore
Una sosta al bar per una... boccata di ossigeno
L'Oxygen bar di New Delhi offre ristoro dall'intenso inquinamento urbano. Il suo menu propone aria pura con un'ampia scelta di aromi
STATI UNITI
17 ore
Bill Gates si riprende lo scettro, è lui il più ricco del mondo
Per l'indice Bloomberg il fondatore di Microsoft vale 110 miliardi di dollari. Superato Jeff Bezos. Terzo sul podio Bernard Arnault, patron di LVMH
FOTO
ITALIA
22 ore
I turisti infastidiscono Venezia: «Ci vorrebbe un po' di rispetto»
L'allarme acqua alta - almeno per oggi - è rientrato, ma i danni subiti restano e per tornare alla normalità serve tempo. Alcuni veneziani non ci stanno: «Ci voleva una tregua, non c'è più educazione»
STATI UNITI
1 gior
Trump grazia tre militari accusati di crimini di guerra
E lo fa nonostante l'opposizione del Pentagono
ITALIA
1 gior
40 anni di Capitan Harlock, Matsumoto ha un malore
Il disegnatore giapponese, a Torino per i festeggiamenti, sarà sottoposto a una tac. Forse un ictus
CINA
1 gior
Hong Kong: la polizia arresta due studenti tedeschi
I due sono nell'ex colonia per uno scambio di studi con la Lingnan University. A entrambi è stata concessa l'assistenza consolare
STATI UNITI
1 gior
Ex ambasciatrice Usa: «Mi sentii minacciata da Trump». Lui twitta
Lo sdegno per le intimidazioni in diretta da parte del presidente americano è bipartisan
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile