Keystone
SIRIA
10.10.19 - 07:300
Aggiornamento : 08:55

Sanzioni contro la Turchia, il Senato statunitense si è attivato

Nel frattempo Ankara ha dichiarato che le forze armate «hanno colpito 181 postazioni dei terroristi»

DAMASCO - L'aviazione turca ha ripreso stamani a bombardare aree nel nord-est della Siria a ridosso della frontiera, dove sono presenti forze curde definite terroriste da Ankara.

Secondo la TV panaraba al Arabiya, che cita i propri corrispondenti nella zona, è stata colpita l'area di Tall Abyad e di Ras al Ayn, epicentro dell'offensiva turca.

Il ministero della difesa turco ha riferito che i militari di Ankara ieri hanno colpito almeno 181 postazioni delle forze curde.

Stando alle Forze Democratiche Siriane (SDF, dominate dalle milizie curde YPG) ieri "l'offensiva terrestre delle forze turche è stata respinta dai combattenti dell'SDF a Tal Abyad".

Sempre secondo fonti curdo-siriane vicine all'amministrazione autonoma curda del nord-est siriano, anche miliziani affiliati all'ISIS hanno attaccato nelle ultime ore le forze curdo-siriane nella zona di confine dove è in corso l'offensiva turca.

Intanto al senato americano è partita un'iniziativa bipartisan per imporre sanzioni alla Turchia se non ritira il suo esercito dalla Siria nella sua operazione contro le forze curde. L'obiettivo è di imporre all'amministrazione Trump di congelare i beni in USA dei più alti dirigenti turchi, compreso il presidente Erdogan e i suoi ministri degli esteri, della difesa, delle finanze, del commercio e dell'energia. Le misure punitive colpirebbero anche le entità straniere che vendono armi ad Ankara, come pure il settore energetico turco.

Dal canto suo Donald Trump ha detto che i curdi «non hanno aiutato» gli USA nella Seconda guerra mondiale e nello sbarco in Normandia. «I curdi si battono per la loro terra», ha affermato il presidente americano, sottolineando che comunque gli Stati Uniti hanno fornito loro una grande quantità di soldi, munizioni ed armi. «Detto questo, amiamo i curdi», ha aggiunto.

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Dal Mondo
REGNO UNITO
56 min
Stupratore e pedofilo seriale, condannato "l'orco di Harrow"
Joseph McCann è stato riconosciuto colpevole di 37 episodi criminali
FOCUS
2 ore
La «sporca decina»: quei crimini contro l'ambiente
Alcuni dei più gravi incidenti che hanno ferito mortalmente Madre Natura e, quindi, la salute pubblica. Colpe e conseguenze dei più grandi disastri ambientali
SLOVACCHIA
2 ore
Esplosione in un condominio, i morti sono almeno cinque
È successo a Presov a causa di una fuga di gas. Alcuni inquilini sarebbero intrappolati sul tetto dell'edificio, che rischia di crollare
AUSTRALIA
3 ore
Il cielo di Sydney è "in fiamme": siccità, venti e incendi dolosi
Nella capitale del Nuovo Galles del Sud è emergenza, così come nei territori circostanti
REGNO UNITO
5 ore
Grenfell Tower, lascia la comandante dei pompieri di Londra
Il primo rapporto ha puntato il dito contro «la grave impreparazione» mostrata dai vigili del fuoco
FOTO
SPAGNA
8 ore
Greta è arrivata a Madrid
La giovane attivista parteciperà allo sciopero globale per il clima che partirà dalla stazione Atocha
REGNO UNITO
10 ore
Tutte quelle tasse che Amazon & Co. non pagano
I colossi dell'hi-tech sono cinture nere della “finanza creativa“. Ma l'Unione Europea e il Regno Unito vogliono che le cose cambino
STATI UNITI
10 ore
Uber: oltre 3000 aggressioni sessuali in un anno
Il dato è stato comunicato dall'azienda californiana
CROAZIA / BOSNIA
12 ore
Il caso dei due giocatori di ping pong estradati (per sbaglio) in Bosnia
Una vicenda assurda, quella che ha coinvolto due 18enni nigeriani
STATI UNITI
21 ore
Vendere una banana scotchata al muro per 120'000 dollari
E dopo quella, pure una seconda. Lo ha fatto l'artista e provocatore Maurizio Cattelan ad Art Basel Miami
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile