agenda
Filtra per

Regione Bellinzonese Locarnese Luganese
Categoria Conferenze Appuntamenti Teatro Arte Sport Musica
Il caso Moro. Una tragedia che non smette di parlarci
Biblioteca cantonale Bellinzona, Bellinzona
18.30

A più di quarant’anni dai tragici avvenimenti del sequestro, della reclusione e dell’uccisione di Aldo Moro, avvenuta il 9 maggio 1978, quei fatti non smettono di suscitare discussioni ed emozioni. L’Istituto propone una serata di approfondimento interdisciplinare sul caso Moro, partendo dalla recente pubblicazione di Stefano Biancu e Alberto Bondolfi Perdono: negazione o compimento della giustizia? (Trento, FBK Press, 2015) e dal dottorato di ricerca di Baldassare Scolari Martire di Stato. Rappresentazione e performatività della violenza politica.

Interverranno:
Roy Garré, giudice del Tribunale penale federale di Bellinzona;
Alberto Bondolfi, professore onorario di Etica nell’Università di Ginevra;
Bruno Balestra, già procuratore generale;
Baldassare Scolari, docente di Etica dei media presso la Hochschule der Technik und Wirtschaft di Coira.

Modererà la serata Stefano Vassere, direttore della Biblioteca cantonale di Bellinzona.

LuogoBiblioteca cantonale Bellinzona
Indirizzo / ViaViale Stefano Franscini, 30 a, Bellinzona
EtàPer tutti
Droga e psiche - Doppia diagnosi Condizionamenti reciproci tra dipendenza da sostanze e disagio psic
PalaCinema, Locarno
Ore 9.30 - 17

Convegno organizzato dal Servizio per le dipendenze da sostanze dell'Associazione Comunità familiare

Crediti riconosciuti SSPS: 5 e SGAIM/SSMIG/SSGIM: 5

Il costo per la partecipazione al Convegno è di 90.- CHF (per soci Associazione Comunità familiare, membri SSPS e studenti: 50.- CHF)  ed è comprensivo dello standing lunch preparato da Laboratorio21. Il pagamento è da effettuarsi in loco in contanti al momento della registrazione.

Iscrizioni: Per iscriversi inviare entro il 2 maggio 2019 una e-mail con Nome, Cognome, Professione, eventuale Ente, e-mail e numero telefonico di contatto all’indirizzo: formazione@comfamiliare.org. 

Informazioni:Servizio per le dipendenze da sostanze

formazione@comfamiliare.org

www.comfamiliare.org

Tel.+41 (0)91 923 30 94

La doppia diagnosi è definita dall'Organizzazione mondiale della sanità come la coesistenza nel medesimo individuo di un disturbo dovuto al consumo di sostanze psicoattive e di un altro disturbo psichiatrico.

Il rapporto causale tra disturbi psichiatrici e disturbi derivanti da sostanze stupefacenti sottolineano come i sintomi dei disturbi mentali e dei problemi legati alla tossicodipendenza interagiscono l’uno con l’altro e si influenzano vicendevolmente.

L’importante rilevanza epidemiologica della comorbilità psichiatrica in disturbi correlati all'uso di sostanze sta determinando un progressivo e crescente interesse verso un atteggiamento diagnostico, terapeutico e progettuale adeguato alla complessità che distingue tale condizione patologica.

Sono numerose le insidie legate ad un trattamento separato della doppia diagnosi (errori diagnostici, equivoci terapeutici, incongruenze di intervento, non chiarezza nelle finalità dell’approccio).

Partendo da questa consapevolezza e dalle criticità del percorso di cura abbiamo organizzato questo convegno che si rivolge a medici psichiatri, medici di famiglia, psicologi, assistenti sociali e a tutti gli addetti ai lavori e alle persone interessate.

Il convegno si propone come un luogo di incontro di esperienze e di competenze specifiche, nel tentativo di dare delle risposte ai numerosi quesiti che emergono nei vari ambiti coinvolti.

LuogoPalaCinema
Indirizzo / ViaVia Dottor Giovanni Varesi 1, Locarno
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
Scuola & Cultura
Sala Multiuso Scuola Cantonale di Commercio (SCC), Bellinzona
14.00

TASI (Teatri Associati Scena Indipendente), in collaborazione con l'Osservatorio culturale del Cantone Ticino del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS), è lieta di annunciare l’importante incontro sul tema “Scuola e Cultura”.

Presentato (in italiano) da:    
Beat Krebs Responsabile dell’intero ufficio di coordinamento e del settore danza di “Scuola & Cultura” del Canton Zurigo (www.schuleundkultur.zh.ch)    


Silvano Mozzini Ass. GenerArTI che promuove in Ticino progetti culturali intergenerazionali e membro del Comitato TASI (www.generarti.ch - www.carambole-dance.ch)    

Con interventi di:
Roland Hochstrasser Osservatorio culturale del Cantone Ticino  Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS) 

Hans-Henning Wulf Resp. del settore Teatro Educazione dell'Accademia Teatro Dimitri

Vania Luraschi Artista indipendente - Direzione artistica Teatro Pan - Membro Comitato TASI

Stefania Mariani  Artista indipendente - StagePhotography

Isabella Lenzo Massei Resp. Mediazione culturale LAC Lugano Arte e Cultura


Organizzazione: TASI (Teatri Associati Scena Indipendente) in collaborazione con l’ Osservatorio Culturale del Cantone Ticino (DSCU-DECS)    


Si prega di confermare la presenza entro il 30 aprile scrivendo a: teatri@tasi.ch

LuogoSala Multiuso Scuola Cantonale di Commercio (SCC)
Indirizzo / Viavia S. Franscini 32, Bellinzona
Info0763059942
EtàPer adulti
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
"Solo quando rido" di profonda superficialità.
Teatro Foce, Lugano
18.00

Personaggi che sono pesi leggeri e che compiono movimenti su un palco, discutono di maschere. In un intreccio di relazioni, essi considerano il valore di un traguardo di ascolto e messa in comune di punti di vista che, fra incoerenza e leggerezza, osservano da vicino una screanzata, un girasole, del pollo e una sottiletta.
Interpretando il primo atto (di tre) della pièce comica “Solo quando rido” di Neil Simon, gli allievi del gruppo di teatro del Liceo di Lugano 1 hanno riso e arricchito il testo, sia lavorando sulla “sfacciatezza” di una società in vetrina, sia considerando il calore o l'asciuttezza di legami quotidiani, in un universo costituito di crateri.

Credits
LICEO LUGANO 1
Di: Neil Simon e allievi e allieve del liceo Lugano 1
Regia: Lea Ticozzi
Fotografia: Michou Manzolini Bühring

Informazioni extra
Ingresso gratuito con offerta libera.
Informazioni e prenotazioni: www.liceolugano.ch

Promotori
Liceo Lugano 1 
Viale Cattaneo 21 
6900 Lugano 
Tel. +41 (0)91 815 47 11 
www.liceolugano.ch 
liceo@liceolugano.ch

 

LuogoTeatro Foce
Indirizzo / ViaVia Foce 1, Lugano
Sito webVai al sito
Ex libris - The New York public library. Agorateca Presenta
Studio Foce, Lugano
18.30

Proiezione documentario con Chiara Fanetti, giornalista culturale

Il sistema bibliotecario di New York, cuore pulsante della vita culturale cittadina, è un apparato complesso, costituito da novantadue sedi. Sostenuto grazie a una gestione mista di fondi pubblici e privati, è nato per garantire a tutti i cittadini accesso gratuito alle proprie raccolte. È questo l'ultimo mondo scandagliato, nei suoi diversi aspetti e ordini di significato, da Ex Libris, l'ultimo film del documentarista statunitense Frederick Wiseman (classe 1930), con all'attivo oltre quaranta titoli a partire dalla fine degli anni Sessanta, con il metodo e il ritmo che (purtroppo solo) il pubblico dei festival europei ha imparato a riconoscere negli ultimi quindici anni.

Versione originale inglese con sottotitoli in francese

Credits
Regia di Frederick Wiseman
Documentario | USA | 2017 | 197’

Promotori
Divisione Eventi e Congressi 
Via Trevano 55 
6900 Lugano 
Tel. +41 (0)58 866 48 00 
www.luganoeventi.ch 
eventi@lugano.ch

LuogoStudio Foce
Indirizzo / ViaVia Foce 1, Lugano
Prezzo5 CHF
EtàDai 13 anni
Sito webVai al sito
Vernissage della mostra Textile. Crippa, Dorazio, Melotti, Munari, Ponti, Sottsass.
De Primi Fine Art, Lugano
18.00

Nel pieno del moto di ricostruzione che marca gli spiriti dell’Italia del Dopoguerra, l’industria tessile vive un forte rilancio e decide di far capo al fervente mondo artistico. Nascono così delle interessanti e poco note collaborazioni tra arte e design tessile. In mostra vengono presentati svariati progetti e disegni per la stampa su stoffa, realizzati da rinomati artisti italiani in occasione dei concorsi indetti dalle aziende tessili e presentati al pubblico durante le IX, X e XI edizione de La Triennale di Milano (1951, 1954, 1957).

In parte ispirandosi all’Oriente e ad altre antiche e remote civiltà slave e americane, Gio Ponti, Bruno Munari, Fausto Melotti, Ettore Sottsass, Piero Dorazio e Roberto Crippa, hanno prodotto progetti grafici per tessuti e altri materiali. In Gio Ponti osserviamo il recupero dei colori mediterranei: colori vivi, brillanti, accesi; toni del Sud sapientemente calibrati sull’ampio compasso del razionalismo architettonico degli anni ’50 e ’60. In Munari e Melotti il recupero dell’infanzia è un aspetto centrale: un universo totalmente libero dagli schemi logici e razionali, un mondo lirico ampiamente aperto alla felicità, ai sorrisi di un vivere liberato da gravosi pensieri. In Sottsass e Dorazio osserviamo decorazioni apparentemente più schematiche, più geometriche, che tuttavia sanno sempre trovare una luce lirica e aerea. Così anche in Crippa, ricordi di Malevic e di Kandinskij si aprono felicemente su prospettive e segni più caldamente mediterranei.

La mostra vuole far conoscere nuove sfaccettature di artisti noti, mettendone in evidenza la sperimentazione artistica avvenuta nel campo del tessile, quale testimonianza di un periodo storico di rinascita creativa che è andato a toccare tutti gli ambiti del quotidiano: tessile, architettura e design.

LuogoDe Primi Fine Art
Indirizzo / ViaPiazza Cioccaro 2, 3° piano, Lugano
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
Meditazioni guidate per tutti
Centro Menla, Locarno
20.00

Proponiamo delle meditazioni adatte anche ai principianti e a chi intende confrontarsi con questa antica pratica. Sono state pensate per guidarci alla pace interiore e alla chiarezza mentale.

LuogoCentro Menla
Indirizzo / ViaVia Cittadella 8, Locarno
PeriodoDal 02.05.2019 al 16.05.2019
GiorniGi
Info0795066968
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Mostra Eric Walsky: Genuine Paintings alla Wolf Gallery Locarno
Wolf Gallery, Locarno
Ore 20

Eric Walsky – Genuine Paintings

Dipinti dell'ex-giocatore HC Lugano

23.4.–18.5.2019

Eric Walsky è originario dell'Alaska e ha giocato per l’HC Lugano e altre squadre in Svizzera e negli Stati Uniti, ma smonta tutti gli stereotipi sul giocatore professionista di hockey. Il poliedrico svizzero-americano non solo ha studiato filosofia e storia dell'arte, ma ha anche una laurea in sociologia. Eric Walsky si è anche fatto un nome come scultore e pittore, già prima della sua ritirata per infortunio nel 2018. 

Ora una mostra nella Wolf Gallery Locarno rende possibile l'incontro con le opere di Walsky. I dipinti, spesso di grande formato, si svolgono con gesti grezzi e determinati. I temi di fondo sono "equilibrio" e "tensione", sia sotto forma di costruzioni tecniche o di radicali astrazioni di colore. Si viene direttamente indirizzato emotivamente, più sottili vedute vengono in seguito alla luce. Eric Walsky ci permette di capire la dicotomia che sta alla base delle cose e di noi stessi - tutto è complesso, ma semplice.

 

Wolf Gallery Locarno

Via Balestra 1a

Martedi-Venerdi 12.00-18.30

Sabato 10.00-16.00

 

www.wolfgallery.ch 

LuogoWolf Gallery
Indirizzo / ViaVia Balestra 1a, Locarno
PeriodoDal 23.04.2019 al 18.05.2019
GiorniMa Me Gi Ve Sa
Info0797447536
EtàPer adulti
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
Opere di Franco Fanelli in mostra
Porticato della Biblioteca Salita dei Frati, Lugano
18.00

La stagione espositiva 2019 dell’Associazione Amici dell’Atelier Calcografico (AAAC) di Novazzano si apre con una mostra dedicata a Franco Fanelli, figura di spicco nel panorama dell’incisione contemporanea. Nel Porticato della Biblioteca Salita dei Frati a Lugano l’artista piemontese, nato a Rivoli nel 1959, presenterà 27 opere, sei delle quali inedite, eseguite con le differenti tecniche proprie alla tradizione incisoria – dall’acquaforte alla puntasecca, dal bulino all’acquatinta e alla vernice molle. L’esposizione si inaugura alla presenza dell’artista sabato 13 aprile alle ore 18.00 e si chiuderà sabato 18 maggio.

La mostra primaverile proposta dall’Associazione Amici dell’Atelier Calcografico (AAAC) di Novazzano è dedicata all’artista Franco Fanelli, tra i principali incisori italiani contemporanei. L’esposizione si terrà, come di consueto, nel Porticato della Biblioteca Salita dei Frati a Lugano, da anni sede deputata e rinomata per la presentazione della stampa d’arte svizzera e internazionale. Tra le opere in mostra figura l’incisione n. 104 edita dall’AAAC, Litofania (2018), realizzata da Franco Fanelli appositamente per i membri dell’Associazione e stampata nell’atelier calcografico di Gianstefano Galli a Novazzano.

La mostra presenta in sintesi i temi fondanti della produzione di Fanelli, improntata a una visione dell’incisione calcografica come “atto scultoreo”, di scavo e abrasione delle matrici. Riferimenti alla tradizione incisoria ed elementi di ispirazione archeologica, architettonica e letteraria si fondono in un gioco di ibridazione, osmosi e stratificazione che affascina per la potenza e la visionarietà delle immagini, e al tempo stesso per la loro raffinatezza. Cronologicamente, la mostra si apre con alcuni rari fogli della metà degli anni Ottanta: ...Per fretum frebris, ispirata a una poesia di John Donne, oppure Sentinel, raramente esposta, e L'abitatore del buio, tappe di viaggi immaginari in geografie fantastiche.

Tra i campi in cui si esplica la ricerca di Fanelli vi è l’“archeogeologia", che costituisce una delle sue principali “ossessioni tematiche”. L’autore vi fa confluire la sua passione per le epoche di transizione – il tardo Impero romano o l’autunno del Manierismo – e per le diverse temporalità delle metamorfosi: dalle catastrofi generatrici di morfologie preistoriche alla lenta consunzione delle memorie architettoniche, anche attraverso il loro “ritorno” alla primarietà geologica da cui sono state generate. Appare esemplare, in tal senso, la tormentata erosione della cava in cui è ambientato Il sogno dell’archeologo, opera del 2010-11 inclusa in mostra, dalle cui pareti emergono le stratificate testimonianze di una civiltà antica.

Il tema della metamorfosi è tuttavia già presente nelle opere che cronologicamente aprono la mostra: vi appartengono i paesaggi “ipogei” de Il sogno di Gordon Pym (1985) e Cumana (1987-88), una testa di balena megattera che si tramuta in scudo e caotico emblema.

Talora il reperto archeologico assume forma simbolica, unendosi a presenze zoologiche, come in Urna cinocefala (2005), in cui un vaso rinascimentale è sormontato da un babbuino. Ancora babbuini, scimmie che per l'autore esemplificano il concetto di ibridazione a lui molto caro (primati che hanno morfologia canina) diventano elementi ornamentali di vasi antichi o autonome presenze (come nella monumentale Baboon).

Poeti di epoche diverse (Luigi Tansillo, John Donne, Paul Celan), filosofi e visionari (da Giordano Bruno e Tommaso Campanella a Louis-Auguste Blanqui) ispirano alcune opere più recenti, come il libro d’artista Polvere, sassi, oli (con versi di Alberto Toni, pubblicato da Il Bulino di Roma nel 2012), il trittico di grandi acqueforti ottenuto da tre angolature diverse di uno stesso minerale, e la Litofania concepita appositamente per questa mostra, laddove una pietra assume forma di cuore. Giovanni Battista Piranesi, che con Hercules Seghers è uno dei modelli ideali di Fanelli, si riaffaccia invece in un’incisione del 2019, Campo dei miracoli, dedicata all’amatissima Roma.

Nota biografica

Nato nel 1959 a Rivoli, Franco Fanelli studia Lettere all’Università di Torino, laureandosi con una tesi in storia dell’arte. Vive e lavora a Torino, dove dal 1987 è titolare della prestigiosa cattedra di Tecniche dell’Incisione presso l’Accademia Albertina di Belle Arti. Il suo articolato percorso espositivo, iniziato nel 1984, è segnato dalla partecipazione ad alcune fra le più importanti rassegne dedicate all’incisione. Fra le personali più recenti, si segnalano quelle alla Galleria Simone Aleandri Arte Moderna di Roma (2012), alla Galleria Carte d’Arte di Catania (2013), all’Istituto Centrale per la Grafica di Roma (2016), al cui catalogo si rimanda anche per l’antologia critica, e alla Fondazione Federica Galli di Milano (2018). Sue opere sono in collezione presso la Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea e il Museo Internazionale di Arti Applicate di Torino, il Museum of Modern Art di New York, il Museo d’arte contemporanea “Villa Croce” di Genova e l’Istituto Centrale per la Grafica di Roma. All’attività artistica e di docenza affianca quella in campo giornalistico, quale vicedirettore de Il Giornale dell’arte e curatore della rivista Vernissage. È autore di numerosi saggi critici e di monografie dedicati ad artisti moderni e contemporanei.

Titolo della mostra

Incisioni di Franco Fanelli 

Inaugurazione
Sabato 13 aprile 2019, ore 18.00, alla presenza dell’artista, seguirà un rinfresco

Chiusura
Sabato 18 maggio 2019, ore 12.00

Sede
Porticato della Biblioteca Salita dei Frati, Lugano, Salita dei Frati 4 A, CH-6900 Lugano

Orari
Mercoledì, giovedì e venerdì: 14 – 18 / Sabato: 9 – 12

Entrata
Gratuita

Organizzazione
Associazione Amici dell’Atelier Calcografico (AAAC), Novazzano
in collaborazione con l’Associazione Biblioteca Salita dei Frati, Lugano

Contatti e informazioni
Associazione Amici dell’Atelier Calcografico, Via Torraccia 3, CH-6883 Novazzano
Per il Comitato AAAC, Anita Guglielmetti, 0041 (0)79 835 42 65
e-mail: aaacnovazzano@gmail.com; sito web: www.aaac-ticino.ch

 

LuogoPorticato della Biblioteca Salita dei Frati
Indirizzo / ViaSalita dei Frati 4 A, Lugano
PeriodoDal 13.04.2019 al 18.05.2019
GiorniMe Gi Ve Sa
Info0798354265
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Into the Pink, la nuova mostra a cura di Artrust dal 1 aprile a Melano (CH)
Artrust , Melano
14.00

Into the Pink, la nuova mostra a cura di Artrust dal 1 aprile a Melano 

Il prossimo 1 aprile apre al pubblico, presso gli spazi espositivi di Artrust a Melano, Into the Pink, mostra d’arte collettiva curata dalla galleria ticinese. Protagonista unico della mostra il colore rosa, in tutte le sue declinazioni. Il visitatore potrà all’interno dell’allestimento compiere un viaggio alla scoperta delle molteplici applicazioni di questo colore nell’arte moderna e contemporanea, in epoche e stili differenti. 

«Visitare questa mostra sarà come leggere un breve manuale di storia dell’arte contemporanea indossando un paio di lenti rosa. ­­–  afferma Patrizia Cattaneo Moresi, Direttrice di Artrust SA – È un’immersione in questo colore, per esplorarne le sue infinite declinazioni artistiche. Un colore che porta con sé tanti significati, e anche tante contraddizioni, che ha rivestito e riveste un ruolo importante nella storia dell’arte. E forse non solo in quella, considerato che recenti scoperte scientifiche lo indicano come il pigmento delle prime forme di vita sulla terra: sembra, infatti, che i primi batteri a fare la loro comparsa sul nostro pianeta fossero rosa». 

Le opere in mostra permettono di esplorare l’utilizzo del rosa nel paesaggio, nella figura, nel nudo, passando dalle riproduzioni realistiche a quelle espressioniste, dalle visioni impressioniste sino a quelle puramente astratte.

In dialogo tra loro artisti di movimenti, stili, epoche distanti e differenti: si va da Castelli a Le Corbusier e Legér, dagli esponenti del gruppo CoBrA a quelli del gruppo Rot Blau, dai Nouveau Réalistes Tinguely, Spoerri e Niki De Saint Phalle, al re della Pop Art Andy Warhol, per arrivare fino alla Street Art con le opere di Banksy.

La mostra, a ingresso gratuito, sarà aperta al pubblico fino al 29 giugno, dal lunedì al sabato, dalle 14.00 alle 18.00.

 Opere di: Banksy | Blade | Bernard Buffet | Alexandre Calder | Paul Camenisch | Luciano Castelli | Robert Combas | Mario Comensoli | Corneille | Niki De Saint Phalle | Christian Esctal | Fang-Xing Chen | François Gall | Claude Gilli | André Lanskoy | Charle Lapicque | Le Corbusier | Fernand Léger | Carl Walter Liner | Marino Marini | André Masson | Albert Müller | Gen Paul | Quik | A.R. Penck | Raul33 | Ravo | Walter Ropele | Daniel Spoerri | Jean Tinguely | Italo Valenti | Ting Walasse | Andy Warhol | Waner | Peter Wiederkehr

 

 

LuogoArtrust
Indirizzo / ViaVia Pedemonte di sopra, 1, Melano
PeriodoDal 01.04.2019 al 29.06.2019
GiorniLu Ma Me Gi Ve Sa
Info41916493336
EtàPer tutti
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
Yoga bambini
La Sala, Locarno
Ore 17 - 18

Tutti i giovedì, yoga per bambini che frequentano la scuola elementare. Proposto attraverso giochi, danze, narrazioni e momenti di attività creative.

A cura di Rosa Roca - Insegnante diplomata Ayuryoga e specializzazione bambini Il piccolo Yogi.

LuogoLa Sala
Indirizzo / ViaVia Serafino Balestra, 25, Locarno
PeriodoDal 28.03.2019 al 06.06.2019
GiorniGi
Info0788166309
Etàda 6 a 10 anni
Sito webVai al sito
Facebook Vai al link di facebook
Youtube Vai al link di YouTube
Vamos - Il giovedì latino!
Temus Club, Agno
Ore 22

In consolle Dj Albertigo! Animazione by Ritmo y Pasion latina!

LuogoTemus Club
Indirizzo / ViaVia Campagna 24, Agno
PeriodoDal 14.03.2019 al 14.05.2019
GiorniGi
EtàMaggiorenni
Facebook Vai al link di facebook
Inaugurazione della mostra Ricordando Dome
Ospedale Regionale di Locarno, La Carità, Locarno
Ore 18

Inaugurazione della mostra “Ricordando Dome” visibile fino al 31 maggio lu-do dalle 8 alle 20.

 

LuogoOspedale Regionale di Locarno, La Carità
Indirizzo / ViaVia dell'Ospedale 1, Locarno
PeriodoDal 07.03.2019 al 31.05.2019
GiorniGi
Sito webVai al sito
Corsi di nuoto invernali 2018/2019 presso Nuoto Sport Locarno
Centro sportivo nazionale della gioventù, Tenero
14.00

I corsi si svolgono presso le piscine di:

  • - Minusio (Scuola Vignascia) il lunedì ed il giovedì,
  • - Ascona (Collegio Papio) il mercoledì,
  • - Brissago (Clinica Hildebrand) il venerdì,
  • - Gerra Piano (CPE) il mercoledì.

Per maggiori informazioni potete consultare il nostro sito web (sezione CORSI), vedi link sotto, contattarci al nostro indirizzo e-mail: corsi@nuotosportlocarno.ch , oppure al numero 079/207.14.65.

 

LuogoCentro sportivo nazionale della gioventù
Indirizzo / ViaVia Brere , Tenero
PeriodoDal 10.09.2018 al 31.05.2019
GiorniLu Ma Me Gi Ve
Età4 anni e +
Sito webVai al sito
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report