Immobili
Veicoli
DEPOSIT
CANTONE
15.12.21 - 15:190

«Sul superamento dei livelli non serve un approccio ideologico»

Il PLR boccia la proposta messa in consultazione dal DECS e rilancia con la propria proposta di riforma

di Redazione

BELLINZONA - È una sostanziale bocciatura quella che arriva dal PLR che interviene nella “consultazione sul superamento dei corsi A e B in III media”. Un coinvolgimento che lo stesso Partito liberale radicale definisce «poco chiaro negli obiettivi, soprattutto perché si concentra su un aspetto puntuale d’intervento, anziché affrontare – sulla base di dati concreti e oggettivi – la necessaria riforma dell’insegnamento medio, che anche il PLR ritiene urgente». 

Un percorso di riforma che viene anche definito «monco», perché privo di una visione complessiva. «Ciò - continua la presa di posizione - rischia di andare a discapito della qualità dell’insegnamento e della formazione dei giovani poiché non c’è ombra dell’importante funzione orientativa del secondo biennio della scuola media».

Secondo il PLR è senz’altro necessario intervenire sul sistema dei livelli: «Al contempo, però, è fondamentale avere in chiaro le necessità delle ragazze e dei ragazzi nell’ottica delle loro differenze positive, senza cadere nella tentazione di uniformare la scuola media considerando la differenziazione dei percorsi come un problema e non un’opportunità».

All’inclusivismo «a tratti largamente ideologico» il PLR oppone la propria visione di scuola, sviluppata dal Gruppo di lavoro “Formazione e cultura”. Di cui, in sintesi, ecco l’elenco dei punti cardine: ampliare l’offerta a moduli (o a opzioni) in più materie in terza e soprattutto in quarta media, assicurando la permeabilità tra i percorsi; possibilità per gli allievi di seguire anche solo alcuni moduli – in gruppi omogenei – con maggiori occasioni di approfondimento o di orientamento professionale; verificare gli effetti della recente introduzione dei laboratori nel primo biennio; creazione di un “profilo attitudinale” che accompagni o sia integrato nella pagella degli allievi di scuola media; nuove modalità d’orientamento che contemplino anche un incremento dei periodi di approfondimento all’esterno della scuola media (da svolgere nel settore professionale o degli studi) e il coinvolgimento di professionisti del settore; maggiore avvicinamento del mondo delle aziende pubbliche e private alla scuola.

«Questa presa di posizione - è il commento finale del presidente PLR Alessandro Speziali - è critica ma propositiva: vogliamo suggerire alcuni elementi cardine e di un progetto che andrà discusso con il mondo della scuola. L’obiettivo è di giungere a una riforma solida, attuale e concentrata sulle potenzialità degli allievi in vista del loro futuro».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
GIORNATA DELLA BUONA AZIONE
1 ora
La ventiduenne ticinese che sta costruendo una scuola in Kenya
Il primo viaggio in Africa di Elisa risale a quando aveva 17 anni. Poi ha dato tutto per poter portare il suo aiuto
MENDRISIO
10 ore
Veicolo in fiamme, chiusa la A2 in direzione sud
Lo comunica la polizia cantonale su Twitter.
FOTO
CANTONE
11 ore
Ecco chi sono i nuovi laureati dell'USI
La Facoltà di comunicazione, cultura e società ha celebrato i neolaureati durante la cerimonia ufficiale di questa sera.
LUGANO
14 ore
Pandemia e autogestione, spina nel fianco per la polizia
Secondo le statistiche 2021, Lugano resta comunque il centro urbano più sicuro della Svizzera
FOTO
MELIDE
16 ore
Carpa gigante pescata nel Ceresio
Il pesce è stato catturato ieri dal 23enne Roberto Pacia nell'area del ponte-diga di Melide.
CANTONE
21 ore
Altri 173 contagi e un decesso nel fine settimana
Gli ospedali ticinesi accolgono attualmente 68 pazienti.
LUGANO
21 ore
Dopo l'accoltellamento, l'arresto
È finito in manette un cittadino svizzero di 32 anni residente nella regione
LUGANO
1 gior
«A Lugano non c'è mai niente da fare!»
Hai tra i 14 e i 25 anni e abiti in riva al Ceresio? Allora partecipa al sondaggio promosso per “rianimare” la città
CANTONE
1 gior
In Ticino "per sbaglio", sono in un limbo
Il caso di un nucleo famigliare ucraino ospitato a Lamone-Cadempino. E l'appello del padrone di casa Giuseppe Akbas.
FOTO
LUGANO
1 gior
Grande giornata di festa per Raiffeisen Walking Lugano
Tra i vari percorsi non è mancato l'appuntamento tradizionale con il City Trail fino al Monte Bré
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile