tipress
CANTONE
09.06.21 - 18:470
Aggiornamento : 19:30

AVS a 65 anni per le donne: la Lega non ci sta

Per il partito di via Monte Boglia si tratterebbe di «un primo passo per l'obiettivo dei 67 anni».

Quindi l'invito al risanamento «tramite gli utili della BNS e tagliando sui contributi all’estero, sulla spesa dell’asilo e sulle prestazioni sociali a migranti economici»

LUGANO - La Lega dei Ticinesi esprime la propria contrarietà all’aumento dell’età AVS per le donne, decisa oggi dalla maggioranza del Consiglio nazionale, la quale si è accodata al Consiglio degli Stati e al Consiglio federale.

«E’ evidente che l’AVS a 65 anni per tutti è solo un primo passo verso l’obiettivo “AVS a 67 anni”», sottolinea in una prima reazione a caldo. La Lega dei Ticinesi si oppone a ogni aumento dell’età di pensionamento ritenendolo «incompatibile con l’attuale situazione sul mercato del lavoro nel nostro Cantone, gravemente degradata a causa della libera circolazione delle persone». «Ciò - viene aggiunto - vale a maggior ragione a seguito della crisi economica da coronavirus destinata causare ingenti perdite occupazionali, che si concretizzeranno in modo drammatico quando gli aiuti federali giungeranno a termine».

Per la Lega è «un controsenso pretendere che i lavoratori rimangano sempre più a lungo sul mercato quando molti di loro, dopo una certa età, ne vengono “espulsi” anzitempo, magari sostituiti da frontalieri a basso costo, e senza alcuna prospettiva di trovare un nuovo impiego». «Per queste persone - si prosegue - un aumento dell’età della pensione equivale semplicemente all’umiliante prospettiva di dover trascorrere gli ultimi anni prima dell’AVS nel limbo dell’assistenza, dopo aver lavorato una vita».

La Lega dei ticinesi conclude sostenendo che l’AVS «non va risanata aumentando l’età di pensionamento, ma tramite gli utili della BNS e tagliando sui contributi all’estero, sulla spesa dell’asilo e sulle prestazioni sociali a migranti economici».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
43 min
«Hanno lanciato sassi, per questo gli agenti hanno sparato»
Il Comandante della polizia di Lugano: «Tutta l'operazione si è svolta nel rispetto delle norme di proporzionalità».
CANTONE
2 ore
Semine e Locarno, nessun arbitro per tre settimane
La Commissione arbitrale della FTC ha deciso che non invierà fischietti fino al 10 ottobre.
FOTO
LOCARNO
5 ore
Tutto il Fevi in piedi per la “sua” Loredana
Un fortissimo e caloroso abbraccio ha stretto il pubblico locarnese alla cantante.
BELLINZONA
8 ore
Tensione alle stelle, rissa e partita sospesa
Doveva essere un incontro (calcistico) quello fra Semine e Locarno. Ma si è trasformato in scontro (fisico).
CANTONE
10 ore
Il terrorismo sbarca a Lugano, raccontato da chi l'ha vissuto
La figlia di Aldo Moro insieme ai colpevoli: una «giustizia riparativa» per andare avanti
MENDRISIO
23 ore
«Salverei il mio rosso che è stato servito anche alla Casa Bianca»
Novantadue anni lui, 190 l'azienda. Cesare Valsangiacomo racconta perché l'attuale non è la stagione più difficile
LUGANO
23 ore
Festa non autorizzata nel parco di Villa Saroli
La scorsa notte la polizia è intervenuta per disperdere oltre un centinaio di giovani e ripristinare la quiete pubblica
CANTONE
1 gior
Caso Eitan: «Nessun controllo dalla Polizia cantonale»
La precisazione dopo la fuga passata dallo scalo di Agno: «Non siamo stati noi a intervenire»
CANTONE / BERNA
1 gior
«Noi donne non rendiamo meno degli uomini. Nè sul lavoro, nè a casa»
Sindacati e organizzazioni femministe a Berna contro la riforma dell'AVS.
LUGANO
1 gior
Il nonno di Eitan fermato dalla polizia ticinese per un controllo
Poche le informazioni invece sul misterioso guidatore che ha accompagnato i due all'aeroporto.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile