tipress
CANTONE
21.05.21 - 13:530
Aggiornamento : 17:18

Dentro e fuori Bancastato contro la crisi climatica

Un'azione dimostrativa dell'MpS si è tenuta stamane a Bellinzona.

La richiesta: «Basta sostenere le aziende che hanno un impatto disastroso sull'ambiente».

BELLINZONA - Un'azione dimostrativa «contro il sostegno e gli investimenti a favore di chi commercia materie prime responsabili della crisi climatica». È quanto organizzato dall'MpS, oggi, davanti e all'interno della sede di Bellinzona di Bancastato.

«È chiaro ormai a tutti - sottolinea l'MpS nel volantino distribuito oggi in occasione della manifestazione - che le grandi banche svizzere, nel sostenere le attività di aziende che hanno un impatto disastroso sull’ambiente, abbiano una responsabilità per quel che accade oggi». «Non è un caso - si prosegue - che una delle rivendicazioni portate avanti dallo Sciopero per il clima/Sciopero per il futuro, sia proprio quella di chiedere la fine degli investimenti da parte di banche, assicurazioni e delle casse pensioni, nelle aziende attive nel settore delle energie fossili e nelle materie prime in generale».

Questi investimenti provocherebbero «almeno 20 volte più gas serra di tutto il consumo fatto su suolo svizzero» e ciò, sottolinea il Movimento per il Socialismo, «non è più compatibile con le false promesse fatte dalla confederazione nell’ambito dell’emergenza climatica a cui tutto il pianeta è chiamato a far fronte».

Da qui la richiesta di un’economia basata al 100% sulle energie rinnovabili. «La finanza - conclude il volantino - non investa più in qualsiasi tipo di combustibile fossile. Abbiamo a disposizione ancora pochissimi anni per tentare di arginare l'ecatombe ambientale che sta per far soccombere non solo il suolo, l'aria e l'acqua: l'essere umano non avrà modo di sopravvivere».

tipress
Guarda le 3 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 2 mesi fa su tio
🤐🤐🤐🤐🤐
RV50 2 mesi fa su tio
Più disastrosi che voi cosa volete? per incominciare rispettate le proprietà private e credo che ognuno possa commercializzare quello che vuole e con chi vuole nel rispetto della legge.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile