Tipress
LUGANO
17.03.21 - 17:570

Censi con la scure: «Dimezziamo il Consiglio comunale»

Una mozione del leghista propone la riduzione dei membri da 60 a 30, nonché l'istituzione di tre circoli elettorali.

LUGANO - “30 bastano!”. È il titolo della mozione con cui il consigliere comunale Andrea Censi chiede un dimezzamento degli attuali 60 membri del Consiglio comunale cittadino. Il Covid e il distanziamento sociale non c’entrano. La richiesta dichiara infatti l’obiettivo di migliorare l’efficienza del parlamentino.

Il mercato del pesce - Proprio il «sovraffollamento» di consiglieri sarebbe, secondo Censi, una concausa dei lavori in consiglio comunale e nelle commissioni «spesso poco produttivi e facili a sprechi di tempo dovuti a giochi partitici, con conseguente mercato del pesce alla ricerca di consiglieri per cambiare gli assetti politici». A sostegno di una cura dimagrante, la mozione cita Milano che, con i suoi 1,4 milioni di cittadini, ha 48 consiglieri comunali. Il problema, continua Censi, non è finanziario, «il costo per il cittadino di ogni singolo consigliere comunale è di circa 7 centesimi all’anno». Il problema, sottolinea, «è gestionale, è l’affrontare i dossier, è l’eccessiva “milizia” con conseguente impreparazione dei membri del parlamentino. Un vecchio detto diceva “meglio pochi ma buoni”, io aggiungerei anche “preparati”».

Quartieri oggi sotto rappresentati - Gli attuali 60 consiglieri, continua la mozione, non assicurano peraltro una rappresentatività dei quartieri. Viene fatto l’esempio di Molino Nuovo che ha 3 rappresentanti per 11mila abitanti contro i 4 di Carona (che però conta 900 abitanti). «Con questa mozione, oltre a ridurre il numero di consiglieri comunali si vuole anche porre rimedio a questa mancanza». Censi chiede infatti un’ulteriore modifica della Legge organica comunale per istituire tre circoli elettorali: Lugano Ovest, Lugano Est e Lugano Nord.

Forse più competenti, di sicuro più indipendenti - Una riduzione del numero dei consiglieri comunali, sottolinea il leghista, «non è l’arrivo, ma la partenza per poter riniziare a lavorare con persone dedite al benessere generale, forse più selezionate e competenti, ma sicuramente più indipendenti, evitando giochi di numeri che coinvolgono oggi purtroppo sedie di presenza ma politicamente a livello decisionale completamente assenti».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
don lurio 6 mesi fa su tio
Ha ragione perché pagare il gettone di presenza per poi avere sempre da certi partiti opposizione , invece di andar d'accordo o mettersi d'accordo senza pensare al partito e voti e lavorare per il bene del comune e dei cittadini che leggono i deputati.
Evry 6 mesi fa su tio
Speriamo avvenga al più presto, auguri
Booble63 6 mesi fa su tio
Non sono di Lugano e non sono di sinistra ma ritengo questa proposta estremamente dannosa per la vita politica del comune. I quartieri periferici saranno certamente penalizzati e molto meno rappresentati. Tutte le minoranze politiche sparirebbero e di fatto dominerebbero ancora di più lega e plr. Se i luganesi vogliono questo..
vulpus 6 mesi fa su tio
@Booble63 Condivido quanto espresso. L'aggregazione ha già portato diversi problemi irrisolti. Ora si vorrebbe dimezzare la voce dei cittadini?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
BELLINZONA
1 ora
È stata un'estate complicata per gli animali selvatici
Tra aprile e fine agosto la Spab ha dovuto soccorrere un «numero impressionante» di bestiole in difficoltà.
BELLINZONA
3 ore
Forse c'è la svolta per i due "mostri"
Palazzine lasciate a metà in Viale Olgiati: tutto fermo da inizio 2019. Proprietaria vicina alla cessione del progetto.
CANTONE
3 ore
Aghi, inchiostro e quel vuoto (formativo) da colmare
Per diventare tatuatore a oggi non esiste alcuna formazione regolamentata e ufficialmente riconosciuta.
FOTO
BREGGIA
15 ore
Gli alberi stanno tornando in piazza
Le piante erano state rimosse lo scorso marzo per i lavori di valorizzazione a Cabbio
MENDRISIO
17 ore
Si getta ancora la spugna, niente Fiera di San Martino
La tradizionale fiera di novembre non avrà luogo per il secondo anno di fila: «Decisione sofferta, ma obbligata»
LUGANO
18 ore
Oltre 7'200 veicoli controllati durante "Bimbi sicuri"
La maggioranza degli utenti della strada si comporta con prudenza, ma c'è qualche eccezione...
LUGANO
21 ore
Arresto "da film" sul lungolago: erano due truffatori
Le due persone fermate giovedì scorso sono sospettate di aver tentato una truffa di tipo "rip-deal".
CANTONE
23 ore
Un weekend con 38 contagi
Le strutture sanitarie accolgono 18 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CANTONE
1 gior
Smaltire i rifiuti costerà meno
Dal primo gennaio 2022 il Cantone ha previsto una riduzione di dieci franchi per ogni tonnellata smaltita dai Comuni.
LUGANO
1 gior
Sempre più studenti ammassati sui bus
Grossi problemi su alcune linee. In particolare al mattino tra le 7.30 e le 8.15. La TPL cerca di correre ai ripari.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile