Immobili
Veicoli
Tipress
LUGANO
17.03.21 - 17:570

Censi con la scure: «Dimezziamo il Consiglio comunale»

Una mozione del leghista propone la riduzione dei membri da 60 a 30, nonché l'istituzione di tre circoli elettorali.

LUGANO - “30 bastano!”. È il titolo della mozione con cui il consigliere comunale Andrea Censi chiede un dimezzamento degli attuali 60 membri del Consiglio comunale cittadino. Il Covid e il distanziamento sociale non c’entrano. La richiesta dichiara infatti l’obiettivo di migliorare l’efficienza del parlamentino.

Il mercato del pesce - Proprio il «sovraffollamento» di consiglieri sarebbe, secondo Censi, una concausa dei lavori in consiglio comunale e nelle commissioni «spesso poco produttivi e facili a sprechi di tempo dovuti a giochi partitici, con conseguente mercato del pesce alla ricerca di consiglieri per cambiare gli assetti politici». A sostegno di una cura dimagrante, la mozione cita Milano che, con i suoi 1,4 milioni di cittadini, ha 48 consiglieri comunali. Il problema, continua Censi, non è finanziario, «il costo per il cittadino di ogni singolo consigliere comunale è di circa 7 centesimi all’anno». Il problema, sottolinea, «è gestionale, è l’affrontare i dossier, è l’eccessiva “milizia” con conseguente impreparazione dei membri del parlamentino. Un vecchio detto diceva “meglio pochi ma buoni”, io aggiungerei anche “preparati”».

Quartieri oggi sotto rappresentati - Gli attuali 60 consiglieri, continua la mozione, non assicurano peraltro una rappresentatività dei quartieri. Viene fatto l’esempio di Molino Nuovo che ha 3 rappresentanti per 11mila abitanti contro i 4 di Carona (che però conta 900 abitanti). «Con questa mozione, oltre a ridurre il numero di consiglieri comunali si vuole anche porre rimedio a questa mancanza». Censi chiede infatti un’ulteriore modifica della Legge organica comunale per istituire tre circoli elettorali: Lugano Ovest, Lugano Est e Lugano Nord.

Forse più competenti, di sicuro più indipendenti - Una riduzione del numero dei consiglieri comunali, sottolinea il leghista, «non è l’arrivo, ma la partenza per poter riniziare a lavorare con persone dedite al benessere generale, forse più selezionate e competenti, ma sicuramente più indipendenti, evitando giochi di numeri che coinvolgono oggi purtroppo sedie di presenza ma politicamente a livello decisionale completamente assenti».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
don lurio 1 anno fa su tio
Ha ragione perché pagare il gettone di presenza per poi avere sempre da certi partiti opposizione , invece di andar d'accordo o mettersi d'accordo senza pensare al partito e voti e lavorare per il bene del comune e dei cittadini che leggono i deputati.
Evry 1 anno fa su tio
Speriamo avvenga al più presto, auguri
Booble63 1 anno fa su tio
Non sono di Lugano e non sono di sinistra ma ritengo questa proposta estremamente dannosa per la vita politica del comune. I quartieri periferici saranno certamente penalizzati e molto meno rappresentati. Tutte le minoranze politiche sparirebbero e di fatto dominerebbero ancora di più lega e plr. Se i luganesi vogliono questo..
vulpus 1 anno fa su tio
@Booble63 Condivido quanto espresso. L'aggregazione ha già portato diversi problemi irrisolti. Ora si vorrebbe dimezzare la voce dei cittadini?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LAMONE
2 min
Quattro poliziotti finiscono sotto indagine
Si tratta di un terzo dell'effettivo. E sarebbe coinvolto anche il vicecomandante.
CANTONE
1 ora
Il taglio record nel bosco... dopato dallo scirocco
Una notte tempestosa all'origine del primato ticinese della produzione legnosa
LOSONE
11 ore
Il "re del karaoke" insegna calcio e inglese ai ragazzini
Sfida estiva per lo showman Jimmy Smeraldi: «Abbino pallone e apprendimento della lingua. Ci divertiremo».
CANTONE
14 ore
Turisti spaventati dai lupi? «Il problema non esiste»
I lupi, contrariamente a quanto affermato da Germano Mattei, non influenzerebbero negativamente il turismo ticinese.
CANTONE
15 ore
Il vaiolo delle scimmie «non è il coronavirus»
Giorgio Merlani tranquillizza tutti sulla malattia: «Per contrarla ci vuole un contatto molto stretto e prolungato».
CANTONE
17 ore
Anche in ospedali, cliniche e case anziani si ritorna (quasi) alla normalità
L’andamento epidemiologico attuale permette di allentare ulteriormente le misure di protezione in atto.
POSCHIAVO (GR)
18 ore
L'amo tocca i fili della corrente: pescatore muore folgorato
La tragedia è avvenuta domenica mattina nel fiume Val Pednal, a Li Curt nel Comune di Poschiavo.
CANTONE/SVIZZERA
20 ore
Fa troppo caldo, anche per lavorare?
La colonnina di mercurio sta superando nuovi record già nel mese di maggio
CANTONE
21 ore
I contadini si scagliano contro il Governo: «A quando l'abbattimento?»
A causa del lupo «anche il turismo sta subendo ripercussioni», così Germano Mattei, fondatore di Montagna Viva.
LUGANO
23 ore
Cede il letto a due profughe e ora dorme sul divano
Patrick Flachsmann, 48enne informatico di Besso, vive in un due locali e mezzo. Ora gli spazi si sono ridotti.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile