tipress
CANTONE / BERNA
16.12.20 - 12:040

Accordo sulla fiscalità dei frontalieri: «Ulteriore beffa italiana alla Svizzera»

Il consigliere nazionale Lorenzo Quadri rinnova l'invito a disdire unilateralmente la Convenzione del 1974

BERNA - Il nuovo accordo sulla fiscalità dei frontalieri si troverebbe «nuovamente arenato, per volontà italiana». Così, almeno stando ai media italiani, citati in un'interpellanza firmata dal consigliere nazionale Lorenzo Quadri e rivolta al Consiglio federale.

«La firma non verrà apposta entro fine anno, ma è ancora una volta posticipata a data indeterminata», sottolinea Quadri.

«Il viceministro dell’economia italiano Antonio Missiani a margine dell’ultimo incontro tra le delegazioni svizzera ed italiana ha rilevato che il suo Paese – prosegue il consigliere nazionale leghista – ha, oggi, “altre priorità”, legate ovviamente alla crisi da coronavirus. Anche la Svizzera ha altre priorità. I vantaggi previsti dal nuovo accordo sono chiaramente inferiori a quelli che ci si potrebbe legittimamente attendere (ovvero, trattenere sul territorio ticinese un ammontare equivalente, o comunque vicino, alla totalità delle imposte alla fonte versate dai frontalieri). I ristorni versati annualmente all’Italia, il cui ammontare si avvicina ormai ai 100 milioni all’anno ed aumenta in continuazione, servono urgentemente in Ticino a seguito dell’attuale crisi economica determinata dal covid».

Da qui le seguenti domande al Consiglio federale:

  • Il CF, che aveva preconizzato la conclusione rapida, ossia entro fine anno, del nuovo accordo sulla fiscalità dei frontalieri, è ancora una volta stato sconfessato dalla controparte italiana: qual è la sua posizione? Ritiene che questa situazione sia ancora sostenibile?
  • Non ritiene il CF che sia giunto il momento di disdire la vetusta Convenzione del 1974 e di conseguenza di non versare più ristorni all’Italia, anche in considerazione del fatto che nel corso del 2020 il quadro economico è radicalmente mutato e queste risorse – ormai quasi 100 milioni di Fr all’anno – sono diventate indispensabili al Ticino a seguito della crisi economica provocata dal coronavirus?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
7 min
Premi svizzeri di musica consegnati al LAC
Alla cerimonia era presente anche il Consigliere federale Alain Berset
LUGANO
10 ore
Eitan in aeroporto: «Non potevamo saperlo»
Lugano-Airport si smarca sul caso del piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone
CANTONE
16 ore
Un'altra settimana di radar
Ecco dove rischierete di essere "flashati" da lunedì
CANTONE
23 ore
Il settore turistico ticinese ha retto il duro colpo della pandemia
Le autorità fanno il punto della situazione: i pernottamenti sono aumentati, anche grazie a campagne e promozioni
CANTONE
23 ore
Covid di venerdì 17: altri 29 casi e una nuova quarantena a scuola
Non si registrano ulteriori decessi. I pazienti Covid scendono a 19.
LUGANO
1 gior
Tram-treno: pubblicato il nuovo bando di concorso
Quello precedente era stato annullato a seguito di due ricorsi accolti da Tribunale cantonale amministrativo
MANNO/ LOCARNO
1 gior
Ecco perché questi studenti non si vaccinano
Alla SUPSI è in corso una rivolta silenziosa. Una raccolta firme contro il Certificato Covid. Le voci dei protagonisti.
LUGANO
1 gior
Stragi, killer e vite blindate (e non): parla Michele Santoro
Il famoso giornalista italiano sarà ospite questa sera all'Endorfine Festival di Lugano. Lo abbiamo intervistato.
CANTONE
1 gior
Vaccinazione, future mamme preoccupate
L'Eoc è confrontato con i dubbi delle donne in dolce attesa. Il primario Papadia fa chiarezza
LUGANO
1 gior
Un centro tamponi nel parcheggio del Casinò
La casa da gioco offre la possibilità di effettuare un test a tutti i suoi clienti che non dispongono del certificato.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile