Tipress (archivio)
CANTONE / SVIZZERA
14.12.20 - 06:000

«AVS 21 non è la riforma di cui abbiamo bisogno»

I collettivi dello Sciopero femminista e delle donne alzano la voce

La lettera aperta firmata dai collettivi sarà letta oggi davanti a Palazzo federale e al Mercato coperto di Mendrisio, in occasione della sessione del Gran Consiglio.

MENDRISIO / BERNA - C'è grande rabbia nei collettivi dello Sciopero femminista e delle donne verso la decisione della Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio degli Stati di accettare l'aumento dell'età di pensionamento delle donne nell'ambito della riforma dell'AVS 21.

«La riforma era già inaccettabile prima della crisi sanitaria. E lo è ancora più oggi, dal momento che siamo in prima linea in questa pandemia», si legge in una lettera aperta che oggi sarà scandita ad alta voce anche di fronte a Palazzo federale a Berna e al Mercato coperto di Mendrisio, in occasione della sessione del Gran Consiglio ticinese.

I collettivi rievocano lo sciopero nazionale e la volontà scaturita dalle urne, che per due volte - nel 2004 e nel 2017 - hanno rifiutato le riforme che intendevano innalzare l'età di pensionamento delle donne, chiedendo che la riforma AVS 21 venga abbandonata. «Non è la riforma di cui abbiamo bisogno».

Tre sono invece i punti che secondo i collettivi vanno considerati: rispondere alla necessità «urgente» di migliorare le rendite del 1° pilastro; riconoscere il valore del lavoro domestico, educativo e di cura «rafforzando i meccanismo di bonus» e, infine, «rafforzare l'AVS attraverso un maggior apporto di risorse finanziarie». 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Marta 11 mesi fa su tio
Sono pienamente d'accordo. Anche sul riconoscimento del valore del lavoro domestico educativo e di cura che andrebbe finalmente riconosciuto anche a livello salariale e di conseguenza porterebbe a rivalorizzare la famiglia che attualmente sta andando allo sfascio totale.
Tato50 11 mesi fa su tio
@Marta L'ho scritto più volte; una che decide di fare la "casalinga" dovrebbe essere pagata. Prima di tutto perché si tratta di un lavoro che se fatto bene richiede il suo tempo, educa i suoi figli e magari lascia pure un posto libero a chi ne ha bisogno. Quelli che in due prendono 300'000 franchi hanno la tata "rumena" e la Doc Sitter, cosi anche il cane crescerà rimbambito come i figli;-))
Marta 11 mesi fa su tio
@Tato50 ..grazie per il sostegno :-)
Tato50 11 mesi fa su tio
@Marta Non c'è di che ;-)) Figurati che il sottoscritto, dopo una trentina d'anni di servizio, si è beccato 4 cancri nello spazio di pochi anni. Operazioni invasive per togliere un rene, un pezzo di polmone e bronco sinistro e, avendo avuto una recidiva, altra "merce" tolta al Chuv di Losanna con un'operazione di 14 ore e non ti dico il resto che ho passato nel mio soggiorno di un mese. Ho tentato di ricominciare a lavorare ma ho capito che era impossibile quindi sono stato messo in pensione anticipata. Naturalmente il salario è calato perché per la pensione ci volevano ancora diversi anni e mi è stato riconosciuto un grado di invalidità al 100 % che copriva la perdita di entrate. Il primo hanno ho ricevuto 500 franchi al mese come rendita per il coniuge, poi è arrivata una letterina che i 500 franchi venivano tolti a causa delle difficoltà finanziarie dell'AI. In pratica mia moglie non esisteva più ma quelli in AI con il mal di schiena che riattano cascine ci sono ancora. ;-((((((
Pongo 11 mesi fa su tio
parità dei sessi solo quando fa comodo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FAIDO
3 ore
«Tanta rabbia, da sola non ce l'avrei fatta»
Morena Pedruzzi racconta la lunga strada per uscire dall'incubo dell'attentato di Marrakesh
FAIDO
9 ore
Marrakesh, il racconto dieci anni dopo
Morena Pedruzzi è l'unica sopravvissuta ticinese all'attentato terroristico del 2011. Si racconta in un libro
CANTONE
11 ore
L'Udc non parla con la Rsi
«Troppo parziale». I democentristi domani non commenteranno le votazioni ai microfoni di Comano
FOTO E VIDEO
CUGNASCO-GERRA
17 ore
Fiamme dalla canna fumaria, intervengono i pompieri
L'incendio, divampato questa mattina a Cugnasco, si è propagato anche al tetto.
RIVA SAN VITALE
17 ore
A processo per tentato omicidio
Rinviata a giudizio la 43enne che sei mesi fa accoltellò al collo il compagno.
BOSCO GURIN
1 gior
«Rabbia per l'ingiustizia subita...» da Frapolli
Fumata nera dopo gli incontri: niente sconti a maestri e bambini da parte del gestore degli impianti
CANTONE
1 gior
«Aumento delle indennità al Gran Consiglio? No, grazie»
Presentata un'iniziativa parlamentare che chiede lo stralcio dell'automatismo degli aumenti
CANTONE
1 gior
Radar, ecco dove
Come ogni venerdì la Polizia comunica le località in cui potrebbero esserci controlli della velocità.
CANTONE
1 gior
Eoc, terza dose ai dipendenti over 50
L'Ente ospedaliero apre il richiamo vaccinale per i collaboratori a contatto con i pazienti
FOTO
BIOGGIO
1 gior
Sbaglia strada per colpa del navigatore e “sprofonda” in un terreno agricolo
È un'autocisterna la protagonista dell'episodio che si è verificato negli scorsi giorni a Bioggio. Sul posto i pompieri
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile