keystone-sda.ch / STF (STEPHANIE LECOCQ)
Il coronavirus ha messo in mostra limiti del sistema che non possono essere più tollerati, secondo i Giovani Verdi.
CANTONE
01.05.20 - 11:220

Le rivendicazioni dei Giovani Verdi

La pandemia ha mostrato molti punti deboli del sistema attuale, affermano: è ora di voltare pagina

BELLINZONA - La pandemia da coronavirus ha fatto emergere molti punti deboli nel nostro sistema sanitario, economico e sociale.

Lo sostengono i Giovani Verdi del Ticino che, in occasione della Giornata internazionale del lavoro, fanno alcune considerazione e avanzano rivendicazioni fondamentali.

«Innanzitutto, la retorica del "ci siamo dentro tutti e insieme ce la faremo!" si è rivelata opportunista, in quanto in più occasioni abbiamo visto mettere gli interessi dell’economia davanti a quelli di lavoratrici e lavoratori. Inoltre, nelle misure messe in atto per far fonte all’emergenza è apparsa evidente la distinzione tra cittadini di serie A e B, e per di più alcune categorie di persone sono rimaste palesemente invisibili a qualsiasi forma di intervento. Oltretutto, ancora non si è sentito parlare di salvaguardare dell’ambiente; miopi nell’evidenza, che se la terra è malata i suoi abitanti non possono di certo essere in piena salute».

Le rivendicazioni - Si parte dalla richiesta del riconoscimento dei diritti delle donne. «Una buona parte della classe lavoratrice che si è trovata in prima linea nella crisi sanitaria è retta da donne. Donne che, soprattutto in Ticino, sono state escluse dalla stanza dei bottoni, ma che sono ben presenti in settori che offrono paghe da fame e condizioni precarie». Se davvero vogliamo ripartire verso un sistema diverso, non dimentichiamoci dei loro diritti, affermano i Giovani Verdi, come di quelli di coloro che «da troppo tempo rivendicano condizioni lavorative dignitose».

Viene chiesta anche l'immediata istituzione di un reddito di base incondizionato, «finanziato tra le altre cose da un’imposizione progressiva sui redditi da capitale». Infine, «è importante ricordarci che non possiamo ripartire a spese dell’ambiente e che è imperativo investire oggi nella creazione di nuovi posti di lavoro occupati da manodopera locale, per permetterci di effettuare la svolta energetica tanto agognata. È un’opportunità che non dobbiamo farci sfuggire, soprattutto perché altrimenti le conseguenze saranno pagate sempre e ancora dalle fasce più fragili. Rivendichiamo un’azione politica immediata per far fronte al debito climatico che ci toccherà supportare negli anni avvenire. Non abbiamo più tempo!»

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LOCARNO
3 ore
Solduno, un giovane «psichicamente instabile»
Il 20enne che ha sparato alla ex fidanzata è accusato di tentato assassinio. Chiesta una perizia psichiatrica
SOLDUNO
7 ore
È salva la 22enne, giallo sul fucile
Sparatoria a Solduno: le condizioni della giovane sono stabili. Intanto riprendono gli interrogatori
MENDRISIO
8 ore
Il car-pooling salverà Ligornetto?
Un'interrogazione del gruppo Lega-Udc-Udf propone di puntare sulla modalità condivisa
CURIO
22 ore
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
22 ore
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
22 ore
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
LOCARNO
23 ore
Sparatoria di Solduno, l'ex compagno non poteva avvicinarsi
Prima di esplodere i colpi, il 20enne ha probabilmente rincorso la malcapitata giù per le scale.
CANTONE
1 gior
Più radar nel Luganese che in tutto il resto del cantone
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 25 al 31 ottobre sulle strade del nostro cantone
CANTONE
1 gior
Trasparenza totale in politica: «Giù le maschere!»
Il caso Fidinam-Pandora riporta d'attualità il tema delle «relazioni d'interesse» tra politica e parastato
CANTONE
1 gior
Mobilità e Covid: «È evidente che qualcosa è cambiato in peggio»
Un'interrogazione di Marco Passalia chiede al Consiglio di Stato di chinarsi sulla situazione dei trasporti ticinesi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile