tipress (Archivio)
CANTONE
24.10.19 - 13:470

Plastica e riciclaggio, l'MpS punta il dito contro l'Ufam

Scattano interpellanza e iniziativa parlamentare

BELLINZONA - Nei mesi scorsi, l’Ufficio cantonale dei rifiuti ha inviato una circolare ai comuni nella quale sconsigliava la raccolta di plastica mista, decisione maturata sulla base di uno studio KuRVe sul riciclaggio e la valorizzazione delle materie plastiche.

«In realtà - sottolineano per l'MpS Simona Arigoni Zürcher, Angelica Lepori Sergi, Matteo Pronzini (che a tal proprosito hanno preparato un'interpellanza e un'iniziativa parlamentare), dall’introduzione della raccolta delle plastiche miste in alcuni comuni ticinesi (Bellinzona in primis), è risultato che in soli 5 mesi sono state raccolte 25 tonnellate di plastica che non finirà negli inceneritori e che, in buona sostanza, potrà essere riciclata nella misura del 70-90%. Secondo la ditta che ne esegue la raccolta, tale plastica appare di ottima qualità».

«Okkio - prosegue l'MpS - ha analizzato lo studio della KurVe e ha potuto prima di tutto osservare che a detto studio non è stata chiamata a partecipare l’azienda che si occupa di riciclaggio delle plastiche (InnoRecycling), che, a sua volta, ne ha commissionato un altro ottenendo risultati opposti».

Secondo il Movimento per Il Socialismo, insomma, visto che proprio l’Ufam orienta e caldeggia lo smaltimento dei rifiuti attraverso gli inceneritori, si può supporre che «siamo di fronte ad un conflitto di interesse da parte della Ufam e che lo studio risulta essere palesemente di parte».

Alla luce di queste considerazioni, al Consiglio di Stato vengono proposte queste domande:

1. Come intende procedere il Consiglio di Stato per quello che riguarda la raccolta e la separazione della plastica, a livello cantonale? Come si pone rispetto alle considerazioni come quelle formulate da Okkio e dalla Innorecycling, che auspicano una raccolta generalizzata della plastica da riciclare, sostenendo che favorirebbe, in termini ambientali, la qualità di aria e acqua?

2. Corrisponde al vero che l’inceneritore di Giubiasco auspica l’arrivo di grandi quantità di plastica poiché essa rappresenta un buon combustibile e favorisce il continuo funzionamento della termopompa? In che maniera l’inceneritore influisce e mette pressione sulle autorità, in Ticino, per disincentivare la separazione e il riciclo della plastica?

3. Le cifre sono chiare: il 5% del CO2, in Svizzera, viene prodotto dalla combustione di plastiche. Non crede, il Consiglio di Stato, di dover intervenire con urgenza (visto che qualche comune comincia anche a discutere delle urgenze ambientali) per ridurre – vedi eliminare - questa percentuale? Non pensa di dover, così come si è fatto in materia di raccolta di rifiuti e di tasse sui rifiuti, di dovere legiferare su questa materia?

La modifica di legge:

Viene pure proposto di modificare la Legge cantonale di applicazione della legge federale sulla protezione dell’ambiente (LALPAmb) del 24 marzo 2004 come segue. Art. 171 I Comuni provvedono in particolare a:

a) organizzare sull’intero loro territorio la raccolta dei rifiuti urbani;

b) organizzare la raccolta separata delle plastiche e degli altri rifiuti urbani riciclabili e degli altri tipi di rifiuti per i quali il Consiglio di Stato prescrive questo tipo di raccolta ai fini di un più idoneo smaltimento e disporre del loro smaltimento;

c) svolgere gli ulteriori compiti affidati loro dal Consiglio di Stato.

I Comuni possono organizzare il servizio di raccolta in collaborazione con altri Comuni o affidarne l’esecuzione a terzi, anche privati. Essi disciplinano i compiti di loro competenza mediante apposito regolamento.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
CANTONE
1 ora
Neve fin nel Sottoceneri e forti disagi a nord
Un furgone è andato a sbattere sul'A2, all'altezza di Faido.
CONFINE
1 ora
Positivo alla variante inglese, da St. Moritz a Como in treno e taxi
L'uomo, un cameriere 30enne, è stato denunciato.
AIROLO
3 ore
San Gottardo chiuso... per neve
La galleria è stata chiusa poco dopo le 14.00 a causa del maltempo. Forti disagi al traffico.
CANTONE
4 ore
Governo e Cellula sanitaria insieme per prevedere l'evoluzione della pandemia
Si è discusso dello scambio continuo di informazioni sulla situazione epidemiologica.
CANTONE
7 ore
Diciotto pazienti in meno all'ospedale
Nelle ultime 24 ore 4 persone sono state ricoverate, mentre 20 sono state dimesse.
CANTONE / SVIZZERA
9 ore
Ecco le sfide 2021 per i consumatori
Al centro della “battaglia” ci saranno il Nutri-Score sugli imballaggi e le azioni collettive
BELLINZONA
11 ore
«Mi ha "distrutto" la spalla e non mi vuole risarcire»
Lo sfogo del 29enne che il 10 febbraio 2016 venne aggredito da un calciatore a carnevale: «Sono in un limbo».
CANTONE
11 ore
Loro sono tra i pochi a fare affari
Chi se lo sarebbe aspettato un anno fa a quest'ora? Col Covid "vanno di moda" le fabbriche di mascherine.
CANTONE
21 ore
Escursionisti che mettono i bastoni fra le ruote dei bikers
Ostacoli e trappole piazzati sui Monti di Claro: la convivenza fra i vari fruitori dei sentieri non è sempre semplice.
CHIASSO/LUGANO
23 ore
Anche in treno si viaggia un po' stretti
Pendolari stipati su un convoglio dimezzato. Le Ffs: «Può capitare, ma esistono diverse alternative»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile