Tipress
GAMBAROGNO
06.10.19 - 20:120

Fluidificare il traffico, anche i Comuni devono proporre delle misure

Cleto Ferrari, attraverso due mozioni, ha individuato due situazioni che presentano possibilità di miglioramento

GAMBAROGNO - Il Comune dovrebbe intervenire, per quanto possibile, per permettere la fluidificazione del traffico tra Quartino-Cadenazzo e tra Quartino-Rotonda di Riazzino-T21. È quanto chiede una mozione di Cleto Ferrari, che mette l’accento sull’ulteriore intasamento della strada principale a causa delle modifiche degli ultimi anni. «Visto che a livello superiore, cantonale non esiste più una visione d’assieme del problema viario che da tempo è sfuggito di mano penso che sia compito del Comune occuparsi anche di proporre misure volte a fluidificare la circolazione sull’asse principale». 

In particolare Ferrari propone di ripristinare al posto della rotonda di Quartino le stesse modalità viarie applicate durante i lavori di ammodernamento dell’asse ferroviario, ossia un triangolo a senso unico e a doppia corsia che congiunge le direzioni di Locarno, Gambarogno e Cadenazzo, e di valutare la soppressione della rotonda presso la Lipo a Contone. 

Ferrari chiede al Municipio anche di richiedere l’anticipo della realizzazione del collegamento A2-A13, «evidentemente prioritario rispetto alla realizzazione della terza corsia dell’A2 da Lugano in giù». 

In una seconda mozione sempre sullo stesso tema Ferrari chiede al Municipio di far chiudere al più presto il cantiere presente presso il Ponte di Cadenazzo, che sottrae la corsia preferenziale che dà accesso alle aree lavorative di Cadenazzo e Contone, di promuovere in sostituzione della rotonda di Cadenazzo un triangolo a senso unico e a doppia corsia che congiunga le direzioni di Ceneri, Bellinzona e Locarno (e di vigilare affinché non vengano compromessi i necessari spazi stradali della corsia preferenziale esistente). 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
negang 7 mesi fa su tio
Se nei primi anni 2000 c'erano 25 mila frontalieri ed oggi 65 mila .. c'è' poco da fare. Le strade sono rimaste quelle di allora anzi .. sono state messe decine di rotonde che rallentano il traffico visto che sono troppo strette per la maggior parte dei mezzi pesanti ed anche con le auto devi rallentare tantissimo per affrontarle. Bastava una bella asfaltata ed un leggero rialzo in centro .  senza obbligare a fare curve strettissime.  Quindi obbligare i frontalieri ad organizzarsi in autobus privati da 52 posti ( 52 auto in meno ogni bus ) che potrebbero fare la spola dal confine ai vari posti di lavoro.  Sul confine vanno creati parcheggi appositi.  Obbligare i cantieri sulle strade a non spostare mezzi lenti sulla strada tra le 7 e le 9 del mattino, immancabilmente mi trovo infatti il trattore,  che si fa Melide Paradiso alla mattina,
negang 7 mesi fa su tio
@negang I mezzi pulisci strade sulle cantonali all'ora di punta. Vietare alle mammine specialmente a Lugano che devono mostrare il loro ultimo Suv a tutti e quindi portano il pistolino a scuola occupando la strada ed i marciapiedi in prossimità' delle scuole del tutto inutilmente. Chi abita a meno di 5 km dalla scuola DEVE usare i mezzi pubblici.  Stessa cosa farei per quelli che vanno al lavoro. La maggior inerzia e' la pigrizia. Ormai ci sono tanti di quei mezzi elettrici da poter fare quello che vuoi o quasi in modo integrato con i mezzi di trasporto pubblici. Abbonamento annuale e monopattino elettrico ... una utopia ? Poi c'erano le linee del tram soppresse , da Lugano per la Capriasca e verso Cadro. Soppresse tutte !tilissime
albertolupo 7 mesi fa su tio
@negang anche i ticinesi 20 anni fa erano 250'000 e adesso sono 350'000...
Blobloblo 7 mesi fa su tio
@albertolupo Dei 100 mila in più che ci sono adesso in Ticino solo la minima parte è ticinese
negang 7 mesi fa su tio
@Blobloblo Vero anche questo ...
tip75 7 mesi fa su tio
in cerca di voti? togliere i camion dalla strada, obbligare a usare i mezzi pubblici a chi viene a lavorare da fuori, aumentare i mezzi pubblici su rotaia e fare le stazioni dove servono, e primo di tutto fare il benedetto collegamento che aspettiamo da oltre 20 anni! il resto sono solo bla bla
GIGETTO 7 mesi fa su tio
Meno frontalieri azzurri alla mattina che entrano e poi vedi come lo fluidifichi il traffico.......
albertolupo 7 mesi fa su tio
C’è anche un’altra misura: togliere carta e penna al Cleto e mandarlo a lavorare nei campi.
Gimmi 7 mesi fa su tio
Questi problemi ,sono come gli aumenti delle casse malati!Tutti parlano delle problematiche viarie,ma siamo sempre fermi al palo ! ( o meglio, in colonna)
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
3 ore
Indagine su cinquemila aziende per capire l'effetto Covid
Il progetto nasce su incarico del Cantone ed è stato sviluppato dalla SUPSI
FOTO
CANTONE
3 ore
De Rosa: «Eravamo pronti», Vitta: «Saranno anni difficili»
Pronzini parte subito all'attacco, ora tocca ai consiglieri di Stato prendere la parola.
CANTONE
5 ore
Ascensione impegnativa per la Rega
Gli equipaggi della Guardia aerea sono decollati 150 volte in Svizzera, di cui sedici in Ticino
CANTONE
7 ore
Un nuovo caso e un decesso nelle ultime 24 ore
Dall'inizio dell'emergenza, i casi positivi al Covid-19 registrati nel nostro Cantone sono 3'306. 348 i morti.
CANTONE
8 ore
La collaborazione tra ospedali pubblico-privato è stata esemplare
Ma poi la critica: "La Svizzera ha reagito in modo eccessivo alla pandemia"
CANTONE
9 ore
I ticinesi in bici per fuggire al Covid
Negozi di biciclette presi d'assalto. ProVelo: «Mai visti tanti ciclisti, sta succedendo qualcosa»
CANTONE
11 ore
Lugano capitale per tre giorni
Il Gran Consiglio ritorna a riunirsi dopo due mesi
LUGANO
19 ore
«Siamo rimasti all'estero per proteggere i nostri cari»
Il più grande rimpatrio della storia ha riportato in Svizzera quasi 7.000 persone a bordo di 33 voli.
CANTONE
21 ore
«Una legge sbagliata spalancherà la via all’assistenza»
Gli effetti del coronavirus su un mercato già malato nella lettura di Bruno Cereghetti
FOTO E VIDEO
CANTONE
23 ore
Le sponde della Maggia attirano numerosi bagnanti
Complice la giornata semi-estiva, le distanze sociali non sempre sono state rispettate.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile