Ti-Press (archivio)
CANTONE
14.03.19 - 16:490

Salari minimi, la Lega chiama i frontalieri «alla cassa»

Un’iniziativa parlamentare chiede di introdurre un prelievo sui salari lordi per tutti i lavoratori con permesso G, creando inoltre un fondo perequativo a favore del lavoro

BELLINZONA - Il salario lordo minimo uguale per tutti costituisce una «una misura discriminatoria per i lavoratori residenti rispetto ai colleghi residenti in Italia». A sottolinearlo è il gruppo parlamentare della Lega dei Ticinesi, che ha presentato un’iniziativa parlamentare che chiede l’introduzione di un prelievo dell’1% sui salari lordi dei lavoratori frontalieri, «pagato in modo paritetico con i datori di lavoro».

«La vera parità dovrebbe concretizzarsi sulla base del salario netto disponibile», sostiene la Lega che propone inoltre la creazione di un «fondo perequativo» a favore del lavoro destinato a raccogliere le quote prelevate, da destinare «in particolare a programmi di inserimento professionale dedicati ai giovani residenti ed al reinserimento professionale dei disoccupati over 50, oppure come possibili incentivi alle aziende che assumono prevalentemente personale residente».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report