Ti Press
CANTONE
08.02.18 - 18:070

«Marketing politico sugli automobilisti»

Il granconsigliere PLR e presidente dell’Automobile Club Svizzero sezione Ticino Giacomo Garzoli sulla decisione del DI di riversare ai cittadini i soldi pagati in più per l’imposta di circolazione

BELLINZONA - L’intenzione di Norman Gobbi di riversare ai ticinesi circa 8 milioni di franchi, pagati in eccesso con le imposte di circolazione nel 2017 e nel 2018 altro non sarebbe che «marketing politico sugli automobilisti». Parola di Giacomo Garzoli, granconsigliere PLR e presidente dell’Automobile Club Svizzero sezione Ticino (ACSTI).

«C’era da aspettarselo. Il direttore del Dipartimento delle Istituzioni, vistosi crollare addosso il castello di carte degli aumenti della tassa di circolazione 2017 a causa di alcuni ricorsi accettati (parzialmente) dalla Camera di diritto tributario del Tribunale d’Appello, è immediatamente corso ai ripari. Escogitando un’idea legata più al marketing personale, che alla ricerca di una vera soluzione», queste le parole usate da Garzoli nel suo scritto.

Il vice capogruppo in Gran Consiglio lamenta poi la mancanza di lungimiranza nelle strategie del Dipartimento delle Istituzioni in materia di circolazione stradale: «Il tema dei potenziali disavanzi d’imposta era già stato segnalato dai liberali quando si opposero agli ecoincentivi per l’acquisto di vetture a basso impatto d’inquinamento. Anche in questo caso, “repetita iuvant”, bisognava verificare prima e non rincorrere il problema per una serie di ricorsi», continua Garzoli, per il quale continuare a puntare sulle emissioni di CO2 potrebbe rapidamente trasformarsi in un nuovo autogol: «Le emissioni di CO2 sono in continuo calo e le automobili sono sempre meno inquinanti. Il che porterebbe a dover continuamente modificare i parametri della tassa di circolazione quando invece al Cantone e agli automobilisti serve una soluzione più continuativa e sicura. Di certo meno cara».

3 sett fa Imposta di circolazione, Gobbi intende riversare ai cittadini gli 8 milioni pagati in eccesso
Commenti
 
WGWG 1 sett fa su tio
La sensazione ü che rimarrà solo l'intenzione.
Esse 2 sett fa su tio
Per il quantitativo di CO2 c'è già la tassa federale all'importazione, Con la quale ogni veicolo nuovo paga (un salasso) per quanto si stima "inquinerà" durante il suo intero ciclo di vita. Basare l'imposta di circolazione cantonale sul CO2 è quindi di fatto una sorta di "doppia imposizione". Il calcolo dell'imposta dovrebbe piuttosto basarsi su altri parametri , finalizzati a ridurre altri impatti negativi delle circolazione stradale, quali ad essere. i costi di manutenzione generati (legando l'imposta all' peso e alla potenza) o l'ingombro (superficie del veicolo per passeggero trasportato).
Esse 2 sett fa su tio
@Esse Correzione" ogni veicolo nuovo poco efficiente" paga un salasso.. Il tutto poi in un regime di distorsione assurdo; una specie di norma "Robin Hood" al contrario che ruba ai poveri (o agli ecologisti) per aiutare i ricchi (o gli eco -menefreghisti), inquanto l'ammontare (che per un potente SUV può raggiungere decine di migliaia di franchi) non viene ancorato al prezzo finale del veicolo ma viene permesso agli importatori di "spalmarlo" sull'interaflotta importata . Quindi se uno importa 15 utilitarie superefficieti (perciò esenti imposta ) e 1 SuperSUV "tassatissimo". Le imposte di quest'ultimo possono venir spalmate a piacimento del venditore sulle 16 vetture che immettere sul mercato.
albertolupo 2 sett fa su tio
Ben detto!
Tags
circolazione
automobilisti
garzoli
marketing
marketing politico
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2017 - Ticinonline S.A.  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report