tipress
CANTONE
14.01.18 - 13:270

Privilegi di Consiglio di Stato e Cancelliere: «Quali e quanti sono questi benefit?»

Matteo Pronzini torna alla carica chiedendo chiarezza sulle «consistenti» "spese di rappresentanza" del Governo

BELLINZONA - Non le manda certo a dire Matteo Pronzini (MPS) che, tornato a puntare il dito contro le spese di Consiglieri di Stato e Cancellierie, lamenta troppi privilegi spalmati nei 110'000 franchi di “spese di rappresentanza” annue.

Già in un precedente atto parlamentare, il deputato MPS chiedeva se tali spese fossero esclusivamente pagamenti di fatture o rimborsi di spese comprovate mediante giustificativo, oppure se la voce comprendesse anche eventuali forfait a beneficio dei Consiglieri di Stato o del Cancelliere. «I quella voce rientravano un forfait annuo di 15'000 franchi per ciascun Consigliere di Stato e un non meglio precisato forfait di 6'000 franchi per il Cancelliere dello Stato», ricorda Pronzini. «Bertoli - prosegue - ha anche fatto allusione a uno o più documenti nei quali verrebbero definiti una serie di diritti o privilegi tra i quali anche dei “regali” o simili cose».
 
Di fronte a una risposta ritenuta da Pronzini «inconsistente e a tratti misteriosa», il deputato aveva chiesto al Consiglio di Stato di mettere a disposizione del Parlamento, nella loro integralità, tutti i documenti (circolari, direttive interne e quant’altro) sulla base dei quali vengono attualmente corrisposti (o lo sono stati in passato) dei forfait ai Consiglieri di Stato e al Cancelliere. «Di fronte al rifiuto dell’on. Bertoli di aderire alla richiesta di produzione immediata di tali documenti, ho sollecitato (ed ottenuto) il rinvio del voto sul decreto legislativo riguardante l’onorario dei Consiglieri di Stato, annesso al rapporto della Commissione della gestione e delle finanze sul Preventivo 2018».

In vista della votazione sui nuovi onorari e sulle pensioni dei Consiglieri di Stato, ora, torna con nuove domande.
 
Pronzini spiega come, da nuovi documenti del Consiglio di Stato, si evinca che «una parte non irrilevante delle spese professionali che i Consiglieri di Stato e il Cancelliere dello Stato sono chiamati ad affrontare non rientra nei forfait di 15'000, rispettivamente 6'000 franchi loro corrisposti. Si deve quindi supporre che tali spese vengano, o pagate direttamente dallo Stato tramite fattura intestata a quest’ultimo, o rimborsate all’interessato dietro presentazione dei relativi giustificativi».

Pronzini chiede quindi qual è la modalità adottata e se esiste un rendiconto dettagliato di queste fatture o dei rimborsi effettuati a favore dei singoli Consiglieri di Stato o del Cancelliere. Chiede quindi a quali voci di spesa si attinge e a quanto ammontano in totale, sull’arco di un anno, detti pagamenti o rimborsi.

Pronzini chiede infine in quali casi i trasporti, i pasti, le bevande e i pernottamenti rientrino nei suddetti forfait, come pure colazioni, pause-caffè, pranzi o cene, spese di telefono cellulare e quant'altro.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
navy 2 anni fa su tio
Se uno critica tutto non significa FORZATAMENTE che sia tutto sbagliato o tutto da cambiare. Detto ciò, Pronzini, ha messo il dito più volte su problemi concreti. Nell'amministrazione pubblica non tutto è gestito con rigore e, ahimè, esempi non mancano.......Pertanto, nel mio piccolo sono convinto che, le spese di rappresentanza diano da mangiare extra a parecchi politici. Visto il contesto cantonale e le centinaia cittadini in assistenza, credo sia corretto cambiare approccio anche su cose che, in anni, si sono date per scontate.
miba 2 anni fa su tio
Certo che l'anatra starnazzatrice del cantone è molto in chiaro su quali siano i problemi PRIORITARI....
sandro49 2 anni fa su tio
@miba Possibile che al Pronzini non vada mai bene niente ? Certo che e un bene per lui e i suoi denigrare e dire che tutto va male cosi possono continuare a mangiare a sbaffo senza mai fare un c.... ! Se fosse coerente rinuncerebbe anche lui ai nostri soldi. Troppo facile sempre dire di no al solo scopo di procacciarsi voti !!!
siska 2 anni fa su tio
Ecco questo é UNO dei tanti MOTIVI per cui non credo a questa politica sfacciata e totalmente sfilacciata.
TOP NEWS Ticino
CADEMPINO
48 min
L'insalata era nell'orto
Il decreto di chiusura riguarda anche i negozi di piantine e sementi. Caminada: «L'orto come occasione per stare a casa»
CANTONE
1 ora
La replica di Regazzi: «l’MPS preferisce creare disoccupati»
Il consigliere nazionale reagisce agli attacchi: «Privilegiati? Il rischio di fallimenti a catena è del tutto reale»
CANTONE
5 ore
«Non è previsto per ora un lockdown come in Italia»
Il consigliere federale in diretta da Palazzo delle Orsoline. Ignazio Cassis a 360 gradi sull'emergenza in corso
CANTONE
6 ore
Coronavirus in Ticino: negli ospedali sono guarite 58 persone
Sono 415 le persone attualmente ricoverate nelle strutture dedicate alla cura dei pazienti Covid-19.
CANTONE
9 ore
Superati i cento morti in Ticino
Nelle ultime ventiquattro ore altre 125 persone sono risultate positive al Covid-19. Dodici i nuovi decessi
CANTONE
10 ore
Covid-19, i dubbi delle donne incinte
Intervista ad Andrea Papadia, primario in ginecologia e ostetricia presso l’ospedale Civico di Lugano (EOC)
CANTONE
12 ore
Coronavirus: Ermotti dona 1 milione di franchi per il Ticino
«La situazione è drammatica - sottolinea -. Ognuno dovrebbe almeno chiedersi se possa aiutare».
LUGANO
12 ore
«Ho dovuto rintanarmi in cantina»
Il diario scritto durante la quarantena: una famiglia bellinzonese contagiata, un 72enne intubato alla Carità
CANTONE
19 ore
Se gli anziani fanno gli “gnorri” al supermercato
C'è chi mente sull'età, e chi nega pure il documento. Nei casi più estremi si arriva anche alle minacce
CANTONE
23 ore
Centinaia di controlli, e qualche lamentela
Una settimana di posti di blocco e interventi nelle aziende. La Polizia: «I ticinesi si stanno comportando bene»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile