Keystone
Doris Fiala (sinistra) e Laura Sadis (destra)
CANTONE / BERNA
27.07.17 - 09:460
Aggiornamento : 11:29

«È arrivato il momento del Ticino»

Lo sostiene la presidente delle donne PLR: «Alle donne toccherà invece con la successione di Schneider-Ammann»

BELLINZONA - La presidente delle donne PLR svizzere, Doris Fiala, ritiene che «sia arrivato il momento del Ticino» più che quello delle donne per quanto riguarda la successione di Didier Burkhalter al Consiglio federale. «Ciò che veramente interessa in questo momento è la rappresentanza regionale», ha affermato in un’intervista rilasciata a Le Matin, precisando che si tratta di una scelta «comprensibile, per ragioni di coesione nazionale».

L’attuale strategia delle donne PLR, ha spiegato Fiala, «pagherà più tardi, a medio termine». «Le donne PLR hanno attualmente una sola rappresentante al Consiglio degli Stati. Siamo calate sotto al 20% al Consiglio nazionale. E non abbiamo una rappresentante in Consiglio federale dal 1989. Quindi dobbiamo essere scaltre», ha precisato.

Considerata la «determinazione del Ticino» in questo momento, sottolinea la consigliera nazionale zurighese, è molto difficile per una donna accedere all’Esecutivo federale. A patto che il PLR ticinese non decida di lanciare, in parallelo a quella di Ignazio Cassis, anche la candidatura dell’ex Consigliera di Stato Laura Sadis.

Una donna per il “dopo Schneider-Amman” - Secondo Fiala, la chance più concreta e «a breve termine» di vedere una donna in Consiglio federale sarà al momento della successione dell’attuale capo del Dipartimento dell’economia Johann Schneider-Ammann, «a patto di sapersi mostrare combattive ma anche flessibili».

L'elezione a settembre - Tornando alla successione del capo del DFAE, Jacqueline de Quattro è considerata dalla presidente PLR come una «candidata eccellente» con il giusto coraggio per lanciarsi nella corsa al Consiglio federale. Le sezioni cantonali hanno tempo fino all’11 agosto per presentare i propri candidati. Oltre a Cassis e de Quattro anche il vodese Olivier Français ha dato la propria disponibilità al partito.

La direzione nazionale del PLR auspica una candidatura latina. La presidente Petra Gössi ha escluso una candidatura unica in quanto «i liberali radicali hanno sempre dato al Parlamento una scelta». La decisione sul ticket da parte del gruppo parlamentare avrà luogo il primo settembre. Il successore di Didier Burkhalter sarà eletto il 20 settembre.

Commenti
 
WGWG 1 anno fa su tio
Noi abbiamo messo il meglio del meglio
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report