Ti Press
L'OSPITE
15.02.19 - 06:000
Aggiornamento : 27.02.19 - 14:45

Lavoro malato, lavoro che fa ammalare

Fabrizio Sirica, candidato al CdS e GC per il PS

Il mercato del lavoro ticinese è malato, i suoi sintomi più evidenti sono una costante pressione sui salari, il diffondersi di situazioni di abuso contrattuale, la crescente precarizzazione delle forme di impiego, l’incremento dei fallimenti pilotati. Ma un aspetto che si tende a tralasciare, sono le ripercussioni psicosociali che questo contesto genera su lavoratrici e lavoratori. Come sindacalista sono confrontato sempre più spesso con persone che non ce la fanno più: vi è una vera e propria epidemia di disturbi psicosociali causati dal lavoro.

Capite l’ansia di vive che ha un precario, o un working poor che nonostante il lavoro non riesce a tirare a fine mese? Riuscite a immaginare le notti insonni perché il capo ti mette sotto un’ingestibile pressione, e nonostante le tante ore di lavoro, gli straordinari e il profondo impegno non basta mai? Il timore di stare in malattia anche quando hai 38 di febbre, perché hai paura di esser licenziato”? Il blocco che provi il mattino sul posto di lavoro perché sei controllato e giudicato malamente per ogni passo che muovi? Perché certi meccanismi diventano rapidamente terreno fertile anche per il mobbing.

Le testimonianze che raccolgo settimanalmente raccontano che una parte del mercato del lavoro si è disumanizzato, persone che si sentono numeri, limoni da spremere e che vanno cestinati nelle assicurazioni sociali quando non producono più. Questi vissuti trovano riscontro in dati allarmanti, che vedono il Ticino come fanalino di coda di tutta la Svizzera: il 20% degli occupati ticinesi teme per il proprio posto di lavoro, il 21.5% ha dei problemi a conciliare vita professionale e privata, mentre addirittura il 27.5% presenta sintomi legati ad eccessivo stress (fonte Job Stress Index). Se a ciò sommiamo le difficoltà materiali, cioè che l’11% lavoratori è in povertà (e il rischio di povertà è del 30%) risulta del tutto evidente che viviamo in un contesto patologico!

Ben venga quindi la campagna lanciata a livello nazionale e dal DSS per combattere il disagio psicologico. Ma è urgente capire che una delle principali cause è il contesto socioeconomico: curare questo mercato del lavoro, in modo da evitare che si ammalino le persone. Oltre a continuare la lotta per migliorare le condizioni materiali (un aspetto fondamentale è il salario minimo!), sul fronte dei rischi psicosociali c’è moltissimo da fare. Ritengo che la politica debba agire su 3 assi: prevenzione, intervento precoce e controllo. La prevenzione intesa come formazione dei quadri dirigenti e intermedi, far rendere consapevoli degli enormi rischi psicosociali correlati alla gestione dei collaboratori. L’intervento precoce per permettere a chi ha delle difficoltà di trovare sostegno e aiuto concreto, ad esempio rinforzando il laboratorio di psicopatologia del lavoro, che già oggi è uno strumento importante. In ultima analisi, soprattutto laddove è appurata una gestione negativa e pericolosa per la salute del personale, l’ispettorato del lavoro deve essere messo in condizione di intervenire. E’ tempo che la politica agisca anche qui. E io mi impegno a farlo sin d’ora.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
BREGGIA
34 min

Dalla mostra di legno alle bombolette spray

Mercoledì sono apparsi dei graffiti su un lato della chiesa di Cabbio

CANTONE
1 ora

Le donne non si fanno fermare dalla pioggia

Alcune via di Bellinzona sono state simbolicamente ribattezzate in onore delle donne che hanno contribuito allo sviluppo del nostro cantone a 50 anni dal suffragio femminile

LUGANO
5 ore

Controllo notturno in un locale: 57 persone in più e 2 minorenni

All'esterno è stata rinvenuta una pistola scacciacani. Tre individui sono stati denunciati per reati alla Legge federale sugli stupefacenti

LOCARNO
6 ore

In assistenza e col vizio del furto: finirà in carcere per 50 giorni

Reati a raffica per un 34enne che tra insulti alla polizia, minacce, furti e consumo di stupefacenti “obbliga” il procuratore pubblico ad aprirgli le porte della prigione

VIDEO
MENDRISIO
16 ore

Ecco come Bussenghi sfotte l'Italia

Striscia La Notizia, finita nella bufera per il servizio sui "poveri svizzeri, chiede aiuto all'attore locarnese Flavio Sala. Basterà?

LUGANO
18 ore

Catherine è stata ritrovata

La 18enne di cui si erano perse le tracce da mercoledì mattina è stata rintracciata. La polizia cantonale ha quindi revocato l'avviso di scomparsa

MENDRISIO
19 ore

Tamponamento tra due auto davanti alle scuole medie, due feriti

Le due vetture si sono scontrate in prossimità di un passaggio pedonale

CANTONE
19 ore

"Striscia La Notizia" chiede scusa al Ticino, grazie a Bussenghi

Il comico Flavio Sala chiamato dalla trasmissione italiana a prendere in giro la Penisola. La star dei Frontaliers mette un freno alle polemiche sul servizio sui "poveri svizzeri"

CANTONE
20 ore

Quasi tutto il Ticino sotto l'occhio dei radar

Escluso dalla lista solo il distretto della Leventina. Rilevamenti semi-stazionari a Piotta e Serocca d'Agno

MENDRISIO
21 ore

Per fare un “Fiore” ci vuole un Manager

Il nuovo cantiere per sostituire la storica cremagliera, la strategia mirata sulle comitive in pullman. La Ferrovia Monte Generoso cerca un nuovo gerente in vetta e traccia un bilancio

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile