Keystone
CANTONE
06.04.17 - 06:040
Aggiornamento 30.08.18 - 09:02

Per le ticinesi su Wikipedia non c'è spazio

Per un'azienda aprire la propria pagina è più difficile che altrove: rischia di essere giudicata troppo locale, dunque poco interessante per la rete

LUGANO - Quante sono le aziende del Ticino che possono contare su una pagina Wikipedia? Si numerano sulla punta delle dita. Qualche banca, industria orologiera, Aet, Polivideo, Rsi.

Le svizzere sono 120 - Per ricevere conferma veloce, basta spulciare fra le 22 sottocategorie che raccolgono 120 «aziende svizzere per settore», fra cui alcune non più in attività ma che fanno parte della "Storia", del web almeno. Ebbene, le nostre sono poche: ma sono anche "troppo" poche?

Espulse dalla comunità - Certo meno di quante potrebbero. Perché qualcuna che oggi non compare ci ha anche provato, in passato. Ma è stata presto respinta, anzi espulsa, da una comunità che l'ha giudicata insufficiente sotto il profilo dell'interesse pubblico. 

Due requisiti: rilevanza e neutralità - Entrare, in fondo, è facile. Uscire anche di più, specie per un territorio così piccolo e più facilmente tacciabile della mancanza di uno dei due requisiti fondamentali per trovare voce sull'enciclopedia più celebre della rete: essere "rilevanti" e "neutrali". 

Il caso di Ated - Un esempio è venuto di recente da Ated: non un'azienda, peraltro, ma un'associazione per la promozione della cultura informatica, dunque in salvo dal rischio e l'accusa di usare uno strumento di internet per fare business e/o pubblicità. Ma, affacciatasi su Wikipedia il 16 marzo, dopo appena qualche ora è stata giudicata non interessante a sufficienza da meritarsi il suo spazio e inserita, per iniziativa di un utente, fra le «pagine da cancellare».

Decidono gli utenti - Solo dopo un lungo confronto è stato possibile ripristinarla, lo scorso week end. Perché funziona così, spiega Ilario Valdelli di Wikimedia Svizzera: «Se qualcuno ha un dubbio su una voce, può proporne la cancellazione e se, entro 7 giorni, nessuno si pronuncia a suo favore, scompare. Altrimenti, si apre un dibattito finché si raggiunge un ampio consenso».

Non italiani, né svizzeri: semplicemente "piccoli" - Situazione più frequente che altrove, in Ticino; e non per ostracismo dei ticinesi che meglio conoscono ciò di cui si parla. «I dubbi vengono per lo più da fuori, da chi non capisce la peculiarità del cantone e considera i suoi nomi di interesse soltanto localistico». Nell'ultimo caso, dal Sud Italia. 

Vietato autopromuoversi - Penalizzate dalle dimensioni del territorio cui appartengono; oppure da una tendenza, dell'uomo prima ancora che di una strategia di marketing, a parlar bene di se stesse. «Aziende che non abbiano una lunga storia alle spalle o un'importanza comprovata dal mercato hanno più difficoltà. L'altro scoglio da superare è il carattere promozionale che si tende a dare al testo. Per questo, la stesura delle voci è preferibile sia affidata a terzi. Magari a studenti cui vengono girati contenuti da rielaborare». 

Meglio affidarsi a terzi - Nessuna regola predefinita, a ogni modo; nessuna procedura codificata. «Tutti in teoria si possono iscrivere. Meglio utilizzare un account non collegabile all'azienda. La comunità non vuole essere in balia di chi impone contenuti; ne mette in dubbio la buona fede. La cosa migliore, nel caso, è dichiarare subito di essere collegati all'azienda».

Un controllo spontaneo - E nessun controllo, se si intende quello di tipo istituzionale. «Sono gli utenti a esercitarlo, in maniera spontanea». Con un banale click, il primo coinvolge gli altri, avviando una discussione online. «Qui l'ho visto accadere più volte. Il problema non è solo il presunto carattere promozionale, ma un interesse che deve essere ritenuto abbastanza esteso. Con le aziende, in genere la comunità si mostra molto dura».

Non sappiamo parlare alla comunità - Nulla a che vedere con i cosiddetti "imprenditori di se stessi". «Qui passiamo alla categoria delle biografie. I parametri sono diversi. Capita spesso con i musicisti, per esempio. Basta avere pubblicato tre dischi». Il business vero e proprio, invece, viene trattato con circospezione, diffidenza, pregiudizio quasi; attenzione fin eccessiva a un eventuale conflitto di interessi. «Spesso è un problema di comunicazione e di interazione con il mondo della rete.  Facciamo tanti incontri per spiegare come scrivere una voce, invece dovremmo concentrarci su come relazionarsi con la comunità». 

E se si viene cancellati? - Davanti a un tentativo di cancellazione, viene spontaneo cioè rivolgersi all'autore per spiegare le proprie ragioni. «Ma non serve. Una volta che l'utente pone la questione, bisogna aspettare che la comunità risponda». E se il responso è negativo? «Si può riproporre la voce, completamente rivista. Se si tenta di rimettere quella già cancellata, l'account puo essere bloccato».

 

 

 

 

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Tags
comunità
aziende
azienda
voce
wikipedia
rete
interesse
spazio
ticinesi
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report