Lara Mossi, vincitrice del concorso
TICINO
12.09.16 - 06:050
Aggiornamento : 30.08.18 - 09:06

Fare impresa è sempre di più un affare per donne

Lara, Clarissa e Jessica, vincitrici di "Mini Impresa Ticino", lo dimostrano. Al bando i pregiudizi: non solo gli uomini sono pronti ad assumersi i rischi di un attività in proprio

TREVANO - Lara, 21 anni, adesso è pronta a partire per la Germania: di far l'imprenditrice non è ancora il momento. In realtà, confessa se le chiedi, non le piacerebbe poi così tanto. «Io voglio lavorare con i bambini», dice. Senza uffici, scartoffie, sovraccarico di responsabilità manageriali.

Che (bella) idea: i costumi che non oscillano - Eppure è stata lei, da Novazzano, a vincere il concorso "Mini Impresa Ticino": che a cadenza biennale premia le migliori idee uscite dalle scuole professionali del Cantone. In acqua da quando era bambina e in procinto di riprendere anche il nuoto dopo l'attestato di "sportiva d'élite" a Tenero, Lara Mossi si è lanciata sull'abbigliamento di nicchia: progettando un'azienda con «un solo dipendente e una macchina da cucire» per la realizzazione di costumi adatti sia alla spiaggia sia all'allenamento in piscina. «Personalizzati, non solo interi ma anche bikini, che non oscillino durante l'attività sportiva. In Ticino non c'è nulla del genere: credo sia per questo che la cosa è piaciuta. Ma per me è stato solo un gioco». 

Un gioco: ma alla fine ci prendi gusto - Jessica e Clarissa, invece, alla fine ci hanno preso gusto. Votandosi a qualcosa che, sulle prime, di femminile pareva avere davvero ben poco: gli pneumatici. Perché quello che mostra la terza edizione del concorso mirato a sensibilizzare i giovani sulle opportunità del “fare impresa” è che, oramai, gestire un'azienda, assumersi i rischi di un'attività in proprio, non è più solo un affare gli uomini. Al contrario. «Tanti ancora lo pensano – riconosce Lara – ma è un pregiudizio sciocco: non solo loro sanno portare avanti bene un progetto».

Pneumatici ecologici - Non è un caso se al secondo posto si rivedono due volti femminili: quelli di Clarissa Bossalini da Giubiasco e Jessica Villa da Arbedo, 19 e 18 anni rispettivamente, che, complice la professione paterna, hanno concepito la “Pneunica Sagl”. Allieve del centro professionale di Locarno, prossime a uno stage in una compagnia assicurativa l'una e negli uffici di un servizio meteo l'altro, non disdegnerebbero di dedicare il proprio futuro alle auto. «Che, diciamolo, interessano tutti: ragazze comprese». Ecco dunque un progetto per la vendita e lo smaltimento ecologico di pneumatici, grazie a incentivi al cliente sotto forma di rimborsi per ogni gomma consegnata. «Paghiamo ogni pneumatico che non serve più. I costi? Li copriremmo con la promozione di altre aziende locali, cui offrire spazi pubblicitari». 

«Così ci sentiamo realizzate» - Non c'era intenzione alcuna, quando insieme sono partite. Adesso, «perché no». Il punto è che «quando abbiamo concluso il lavoro ci siamo sentite realizzate». Un sentimento positivo da trasporre nella vita reale, per due amiche sui banchi che ora non vogliono perdersi. E, se poi andrà così davvero, non sarà certo anomalia. «La cultura del fare impresa non ha connotazione di genere – conferma Fulvio Bottinelli del servizio fondounimpresa.ch, organizzatore del concorso – Anche nella passata edizione le donne si sono fatte notare. E la loro frequenza ai nostri corsi serali o la richiesta dei servizi di consulenza non è irrilevante».

Il "valore aggiunto" femminile - Come la vedono due ragazze che hanno tanta buona volontà ma, sull'argomento, nessun'altra conoscenza se non quella della propria, e limitata, esperienza personale? «La donna è per natura più discreta, dunque considerata meno propensa al rischio – è la voce univoca di Clarissa e Jessica – Ma, proprio per questo, può fare bene. Qualunque impegno prenda, ci riflette di più. Oggi fare impresa sta diventando qualcosa di molto più femminile rispetto al passato. Un'occasione per mettere in luce le qualità femminili: molto diverse da quelle maschili, ma nel senso che insieme si completano». 

Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
roma 3 anni fa su tio
...beh, sulla carta è facile... bisognerà vedere quando si tratterà di passare dalla teoria alla...pratica.
drizagipfel 3 anni fa su tio
se il titolo fosse stato: Fare impresa è sempre di più un affare per uomini, qualche femminista avrebbe gridato allo scandalo haha
Meno 3 anni fa su tio
@drizagipfel Il tuo post mi ricorda quando finita la commercio stavo valutando di iscrivermi ad informatica, purtroppo ai tempi, per favorire la presenza delle donne in quella professione hanno semplicemente vietato l'accesso alla scuola ai maschi... discriminazione all'inverso.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
8 ore
«In casa anziani 75enni morti, Marco Solari è stato curato»
Botta e risposta in Gran Consiglio tra Matteo Pronzini e Raffaele De Rosa. Dibattito acceso sui morti in casa anziani.
LUGANO/MARTIGNY
11 ore
La pelle come ingrediente indigesto
Un cuoco ticinese si vede rifiutata la candidatura per non indisporre un altro dipendente che non sopporta gli arabi
SVIZZERA
11 ore
Ferie elvetiche per gli Svizzeri, soprattutto per i ticinesi
E resta la speranza nella riapertura delle frontiere: in molti vorrebbero passare le vacanze in Italia
CANTONE
16 ore
Indagine su cinquemila aziende per capire l'effetto Covid
Il progetto nasce su incarico del Cantone ed è stato sviluppato dalla SUPSI
FOTO
CANTONE
16 ore
De Rosa: «Eravamo pronti», Vitta: «Saranno anni difficili»
Pronzini parte subito all'attacco, ora tocca ai consiglieri di Stato prendere la parola.
CANTONE
18 ore
Ascensione impegnativa per la Rega
Gli equipaggi della Guardia aerea sono decollati 150 volte in Svizzera, di cui sedici in Ticino
CANTONE
20 ore
Un nuovo caso e un decesso nelle ultime 24 ore
Dall'inizio dell'emergenza, i casi positivi al Covid-19 registrati nel nostro Cantone sono 3'306. 348 i morti.
CANTONE
21 ore
La collaborazione tra ospedali pubblico-privato è stata esemplare
Ma poi la critica: "La Svizzera ha reagito in modo eccessivo alla pandemia"
CANTONE
22 ore
I ticinesi in bici per fuggire al Covid
Negozi di biciclette presi d'assalto. ProVelo: «Mai visti tanti ciclisti, sta succedendo qualcosa»
CANTONE
23 ore
Lugano capitale per tre giorni
Il Gran Consiglio ritorna a riunirsi dopo due mesi
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile