GERMANIA / CANTONE
27.09.12 - 13:520
Aggiornamento : 24.11.14 - 06:37

Trovano 3,5 milioni di franchi nella spazzatura, nessuna ricompensa per turisti tedeschi in Ticino

Georg e Susanne trascorrono le loro ferie al campeggio La Palma di Agno. Ritrovano una valigetta piena di soldi e chiamano la polizia...

FRIBURGO - Cosa fare quando si trovano nella spazzatura 3,5 milioni di franchi? Prendersi i soldi e scappare? La storia raccontata dal Blick oggi ha dell'incredibile. Susanne e Georg M. sono una coppia di turisti tedeschi di Bamlach, località del Baden-Württemberg a 25 chilometri da Basilea. Turisti che non dimenticheranno mai quanto capitato loro al campeggio la Palma di Agno.

Susanne e Georg avrebbero trovato nel campeggio dove alloggiavano 3 milioni e mezzo di franchi. "Non abbiamo ricevuto nemmeno un centesimo di ricompensa" ha detto al quotidiano svizzero-tedesco l'infermiera tedesca - "Se si è così onesti, sarebbe giusto ricevere una ricompensa". E invece...

 

Il caso risale al tardo pomeriggio del 1° agosto del 2009. Susanne e Georg M. trascorrono una vacanza insieme ai loro figli, Ben David e Lilli, gemellini che oggi hanno sette anni. Georg M., che di professione è agricoltore, di ritorno al campeggio, dopo aver fatto benzina, butta in un cestino una lattina di birra vuota. Ed è in quel momento che l'uomo scova vicino al cestino una valigetta della Samsonite, di colore grigio scuro. Con grande stupore Georg si accorge che la valigetta è piena di banconote da 1000 franchi. In tutto 3,5 milioni di franchi. Dopo una verifica si constata che, in pratica la valigetta contiene "soltanto" 53.000 franchi, mentre il resto delle banconote è falso. "In tutti i casi sono pur sempre 53mila franchi. Denaro che, ovviamente, ci sarebbe servito" ha aggiunto l'uomo.

 

L'agricoltore chiama la polizia e la informa del ritrovamento. Passa qualche ora e il proprietario della valigetta si rivolge alla polizia. E' un signore che sarebbe stato vittima di un raggiro. L'uomo truffato, infatti, ha venduto i suoi euro per ricevere dei franchi svizzeri a un cambio molto vantaggioso. I cambisti, però, si sono rivelati dei truffatori. Accortosi della truffa, l'uomo, in un momento di rabbia cieca, ha gettato la valigetta tra i rifiuti. "Abbiamo tentato di risalire al nome del proprietario della valigetta per chiedergli la ricompensa, ma senza successo. Nel luglio del 2011 ci ha scritto il Ministero pubblico. Ministero pubblico che ci informava di avere trasmesso il nostro indirizzo ai legali del proprietario della valigetta. Ma da quel momento non abbiamo più saputo niente".

 

"Il contenuto della valigetta è stato confiscato in quanto frutto di un reato e quindi non è prevista nessuna ricompensa" ha spiegato al Blick Renato Pizzolli della polizia cantonale.

 

Anche se al proprietario della valigetta fossero restituiti i 53mila franchi, la ricompensa non sarebbe garantita. "Non è obbligato a pagare" ha aggiunto Pizzolli. "La famiglia M. dovrebbe rivendicare la propria ricompensa attraverso le vie legali". "Se questa è onestà - ha detto amara Susanna - avremmo dovuto tenerci i soldi. La lezione l'abbiamo imparata".

 

 

Commenti
 
TOP NEWS Ticino
CANTONE
6 ore

«Trattamenti da ambulatorio africano e nessuna privacy»

Nuova stilettata dell'avvocato Tuto Rossi contro il medico del traffico Mariangela De Cesare

CANTONE
8 ore

Corteo dei Molinari, il Governo «condanna i toni e le ingiurie»

Il direttore del DI ha risposto all’interpellenza, pur non fornendo cifre precise sul costo dell’intervento della polizia

CANTONE
9 ore

Quella povertà che nessuno vede

Negli ultimi cinque anni sono raddoppiate le richieste a Soccorso d’inverno da parte dei domiciliati in difficoltà economica: «Tante volte le persone non osano chiedere aiuto pur faticando»

CANTONE
10 ore

Ex docente di Montagnola condannato: «Minore messo in pericolo»

Il pretore ha deciso per lui 60 aliquote da 190 franchi sospese per 2 anni e a una multa di 2000 franchi

BELLINZONA
12 ore

Amianto: le FFS si difendono

I vertici dell'ex regia federale sui decessi dei collaboratori in pensione: «Casi noti, monitoriamo la situazione»

FOTO E VIDEO
LUGANO
12 ore

Il robot Sophia che parla agli umani

È sbarcato a Lugano. Può rispondere alle tue domande. Si è presentata durante la seconda edizione del Forum innovazione Svizzera italiana, da oggi al LAC

FOTO
BELLINZONA
14 ore

Ecco il nuovo volto della Posta di Giubiasco

La rinnovata filiale di via Bellinzona 6 è stata inaugurata questa mattina: «Questa sede è apprezzatissima dalla clientela. Siamo orgogliosi di averla rimessa a nuovo»

LUGANO
17 ore

L'impresa di Nicole: campionessa del mondo a 50 anni

Trionfo di una ticinese ai Mondiali Master di judo in Marocco: «Che emozione il salmo svizzero per me»

LUGANO
18 ore

Lavorereste così, a sette piani dal suolo?

In Ticino gli infortuni sul lavoro sono il calo. Ma quelli più gravi, tra cui le cadute dall'alto, restano un problema

FOTO E VIDEO
LUGANO
20 ore

Auto in fiamme nella notte

La vettura è andata completamente distrutta nei pressi della pompa di benzina di Pazzallo

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile