Immobili
Veicoli
Deposit
LUGANO
22.11.21 - 12:280
Aggiornamento : 17:07

Sacerdote arrestato: già alcuni anni fa aveva dilapidato diverso denaro

L'inchiesta è in corso. Sul suo conto pesano le accuse di appropriazione indebita, riciclaggio e truffa. 

Il 40enne avrebbe sottratto soldi a parenti, ma anche a una notissima fondazione di cui faceva parte.

di Redazione

LUGANO - Per le celebrazioni di sabato e di domenica la parrocchia è ricorsa ad altri sacerdoti. C'è stupore in un quartiere di Lugano per l'arresto di un parroco 40enne. L'uomo si è auto costituito negli scorsi giorni. Sul suo conto pesano le accuse di appropriazione indebita, riciclaggio e truffa. 

La notizia data in mattinata – A comunicare la notizia, in mattinata, è stato il Ministero pubblico. La Curia Vescovile, oltre a manifestare il proprio sconcerto, ha garantito la massima collaborazione alle autorità. Il sacerdote avrebbe sottratto una cospicua cifra a parenti, a una notissima fondazione di cui faceva parte e alla stessa parrocchia. 

Il precedente – L'inchiesta è in corso. Si tratta ora di stabilire le ragioni che hanno spinto il parroco 40enne ad appropriarsi di questo denaro. Stando ad alcune fonti già alcuni anni fa il sacerdote si sarebbe invaghito di un uomo che lo avrebbe "costretto" a dilapidare somme importanti. Il prete sarebbe stato mandato per un certo periodo, alcuni giorni a settimana, a riflettere in un monastero. 

Fermato anche un altro uomo – Qualche anno dopo ecco che il sacerdote si ritrova di nuovo nei pasticci, che stavolta sembrano decisamente più seri. Le autorità hanno confermato il fermo di una seconda persona. Non è noto al momento se si tratti dello stesso uomo che già aveva causato problemi al sacerdote in passato.     

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CHIASSO
1 ora
«Insultata e minacciata solo per aver svolto il mio lavoro»
Finita più volte al centro di un polverone mediatico, la dottoressa Mariangela De Cesare ha voluto “vuotare il sacco”.
FOCUS
2 ore
I detenuti che non vogliono uscire
Il reinserimento sociale è un problema, per chi è dietro le sbarre. Tanto che molti preferiscono rimanerci
LUGANO
3 ore
«Non era il pianto di mia figlia»
Una 90enne luganese vittima dei "falsi poliziotti". Racconta come ha morso la foglia
CANTONE
16 ore
«Una relazione moralmente inappropriata, ma legale»
«Si è trattato di una relazione consenziente, e lei aveva 16 anni», si è giustificato il Governo.
CANTONE
21 ore
«Nessun allarme diossina in Ticino»
A differenza del Canton Vaud, in Ticino i valori nel terreno di questi composti sono sotto il livello di guardia.
MENDRISIO
21 ore
Truffano un'anziana, fermati con 40mila franchi
I "falsi poliziotti" tornano a colpire in Ticino. La Polizia mette in guardia
CANTONE
22 ore
Diciotto nuove sezioni in quarantena
Nelle ultime 24 ore si registrano poco più di mille contagi e nessuna vittima dovuta al Covid
CANTONE
1 gior
«Dopo 20 anni di lavoro, mi hanno lasciato a casa con una videochiamata»
La testimonianza di un ex quadro di UBS, "vittima" della riorganizzazione prevista dalla banca.
CONFINE
1 gior
Frontalieri con il reddito di cittadinanza
Nuovi furbetti smascherati dai finanzieri del luinese
CANTONE
1 gior
«Contact tracing: così è ridicolo»
Duro attacco della dottoressa Daniela Soldati, ex direttrice della Santa Chiara di Locarno, al sistema di tracciamento.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile