Immobili
Veicoli
Keystone
Il villaggio di Bondo nelle settimane successive alla frana.
BREGAGLIA (GR)
11.09.21 - 15:200

Il futuro, più sicuro, di Bondo inizia oggi

È stata posata la prima pietra del progetto di protezione intorno al villaggio colpito dalla frana del pizzo Cengalo

BONDO - Un primo colpo di piccone per rendere più sicuro il futuro di Bondo. Un "Bondo II" a tutti gli effetti, perché così si chiama il progetto di ricostruzione avviato in Bregaglia a quattro anni dalla catastrofica frana del pizzo Cengalo, che nel 2017 travolse con le sue colate di detriti la Val Bondasca.

Otto persone morte e danni per milioni di franchi. Qualcosa che in futuro non deve più accadere. E l'obiettivo a del progetto è esattamente questo: proteggere a lungo termine le frazioni di Bondo, Spino, Sottoponte e Promontogno, così come le strade che collegano le località della valle. «Bondo II mette in sicurezza il traffico attraverso la valle e ripristina i tradizionali collegamenti», ha spiegato il presidente del governo retico, Mario Cavigelli.

L'intero progetto idraulico costerà in tutto circa 42 milioni, che saranno ripartiti tra la Confederazione, il Cantone e il Comune di Bregaglia; quest'ultimo dovrà farso carico di circa 13 milioni di franchi, che per la maggior parte saranno finanziati da donazioni. La solidarietà verso Bondo si è animata prima che la polvere dei massi potesse depositarsi al suolo. «Fin dal primo giorno, la popolazione colpita della valle si è sentita sostenuta dal Comune, dal Cantone, dalla Confederazione e da centinaia di migliaia di svizzeri che hanno donato o partecipato in altri modi», ha ricordato il sindaco Fernando Giovanoli. E le cifre confermano le parole del sindaco. Dal 2017 sono infatti stati raccolti circa 14.3 milioni di franchi in donazioni.

La prima, simbolica, pietra del progetto è stata posata oggi. Per l'occasione erano presenti anche la direttrice dell'Ufficio federale dell'ambiente Katrin Schneeberger e alcuni rappresentanti del team che ha sviluppato il progetto "Bondo II". All'insegna del motto «insieme/gemeinsam».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
VERZASCA
12 ore
«Chi me lo fa fare di continuare?»
Il lupo colpisce ancora: cinque pecore uccise. L'agricoltore "amatoriale" Claudio Scettrini è demoralizzato.
FOTO
TAVERNE
12 ore
Il capriolo Vedeggio se l'è vista brutta
Intervento della SPAB e del guardiacaccia a Taverne
CANTONE
16 ore
Il Luganese nel mirino dei radar
Ecco dove verranno piazzati i controlli settimana prossima
FOTO
LUGANO
16 ore
Si porta a casa la bicicletta per un franco
L'asta pubblica in Piazza della Riforma a Lugano ha permesso di raccogliere 7'777 franchi
LUMINO
18 ore
Il carnevale estivo ci sarà
Confermato l'evento tanto discusso, che avrà luogo da venerdì 24 a domenica 26 giugno.
MENDRISIO
19 ore
La Soleggiata “sconfina” nel Luganese
Il progetto torna per la terza edizione, che avrà luogo anche al Parco Guidino di Paradiso
LOCARNO
22 ore
Ecco il progetto per il restauro del Pretorio di Locarno
Il Cantone ha scelto la proposta del gruppo interdisciplinare rappresentato dallo studio Bardelli Architetti associati
FOTO
LOCARNO
1 gior
«Avevamo il mondo davanti e pensavamo di poterlo cambiare»
Il 24 aprile del 1971 nasceva il primo evento autogestito in Ticino: il «Cantiere della Gioventù» a Locarno.
CANTONE
1 gior
Il PC-7 Team si allena nei cieli luganesi
Voli acrobatici sopra l'aerodromo di Agno il 1. e il 2 giugno prossimi
LUGANO
1 gior
Due foreign fighters ticinesi, pentiti ma non troppo
Negli ultimi tre anni due ticinesi sono stati condannati per avere combattuto all'estero. Li abbiamo intervistati
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile