Keystone
Il villaggio di Bondo nelle settimane successive alla frana.
BREGAGLIA (GR)
11.09.21 - 15:200

Il futuro, più sicuro, di Bondo inizia oggi

È stata posata la prima pietra del progetto di protezione intorno al villaggio colpito dalla frana del pizzo Cengalo

BONDO - Un primo colpo di piccone per rendere più sicuro il futuro di Bondo. Un "Bondo II" a tutti gli effetti, perché così si chiama il progetto di ricostruzione avviato in Bregaglia a quattro anni dalla catastrofica frana del pizzo Cengalo, che nel 2017 travolse con le sue colate di detriti la Val Bondasca.

Otto persone morte e danni per milioni di franchi. Qualcosa che in futuro non deve più accadere. E l'obiettivo a del progetto è esattamente questo: proteggere a lungo termine le frazioni di Bondo, Spino, Sottoponte e Promontogno, così come le strade che collegano le località della valle. «Bondo II mette in sicurezza il traffico attraverso la valle e ripristina i tradizionali collegamenti», ha spiegato il presidente del governo retico, Mario Cavigelli.

L'intero progetto idraulico costerà in tutto circa 42 milioni, che saranno ripartiti tra la Confederazione, il Cantone e il Comune di Bregaglia; quest'ultimo dovrà farso carico di circa 13 milioni di franchi, che per la maggior parte saranno finanziati da donazioni. La solidarietà verso Bondo si è animata prima che la polvere dei massi potesse depositarsi al suolo. «Fin dal primo giorno, la popolazione colpita della valle si è sentita sostenuta dal Comune, dal Cantone, dalla Confederazione e da centinaia di migliaia di svizzeri che hanno donato o partecipato in altri modi», ha ricordato il sindaco Fernando Giovanoli. E le cifre confermano le parole del sindaco. Dal 2017 sono infatti stati raccolti circa 14.3 milioni di franchi in donazioni.

La prima, simbolica, pietra del progetto è stata posata oggi. Per l'occasione erano presenti anche la direttrice dell'Ufficio federale dell'ambiente Katrin Schneeberger e alcuni rappresentanti del team che ha sviluppato il progetto "Bondo II". All'insegna del motto «insieme/gemeinsam».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CURIO
1 ora
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
1 ora
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
1 ora
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
LOCARNO
2 ore
Sparatoria di Solduno, l'ex compagno non poteva avvicinarsi
Prima di esplodere i colpi, il 20enne ha probabilmente rincorso la malcapitata giù per le scale.
CANTONE
4 ore
Più radar nel Luganese che in tutto il resto del cantone
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 25 al 31 ottobre sulle strade del nostro cantone
CANTONE
7 ore
Trasparenza totale in politica: «Giù le maschere!»
Il caso Fidinam-Pandora riporta d'attualità il tema delle «relazioni d'interesse» tra politica e parastato
CANTONE
9 ore
Mobilità e Covid: «È evidente che qualcosa è cambiato in peggio»
Un'interrogazione di Marco Passalia chiede al Consiglio di Stato di chinarsi sulla situazione dei trasporti ticinesi
CANTONE
11 ore
In Ticino 18 positivi e due nuovi ricoverati
I pazienti Covid che necessitano di cure ospedaliere salgono a 11 in tutto.
FOTO
CANTONE
12 ore
«Dentro il tunnel c'era uno scenario apocalittico»
Era il 24 ottobre 2001, quando nella galleria del San Gottardo morirono undici persone in un tragico incendio
CANTONE
15 ore
«Le ragazze non sono tornate»
Da qualche mese i locali a luci rosse dovrebbero aver ripreso l'attività a pieno regime. Ma così non è.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile