foto lettore
BARBENGO
03.08.21 - 18:370

Colpa dell'uomo e del maltempo

Individuata la causa dell'inquinamento avvenuto oggi nel riale Scairolo

BARBENGO - Si è risolto l'inquinamento dello Scairolo che questa mattina ha fatto scattare un intervento dei Pompieri di Lugaon. Attorno alle 11 il riale si è completamente ricoperto di schiuma nella zona di Barbengo. «Ne è arrivata tantissima, ho visto l'acqua imbiancata per diversi metri» ha raccontato una lettrice a tio.ch/20minuti.

Non è la prima volta che lo Scairolo è soggetto a inquinamenti, in genere originati dalla vicina zona industriale. L'ultima di una lunga serie di morie di pesci è stata registrata due settimane fa. Assieme al Faloppia e al Barboni, lo Scairolo «è certamente uno dei corsi d'acqua più critici» fanno sapere dalla Sezione protezione aria acqua e suolo (Spaas) del Dipartimento del territorio. Di recente «purtroppo questi episodi sono aumentati» dopo che la sensibilizzazione condotta dal Cantone sulle aziende del Piano aveva portato, negli ultimi anni, a un netto miglioramento.

Quasi tutti gli incidenti hanno origine umana e nel 70 per cento dei casi i responsabili vengono individuati. È accaduto anche ieri: l'origine della schiuma è una ditta della zona, e il maltempo avrebbe fatto la sua parte. Anche i pompieri, che intervenuti sul posto hanno ripulito il riale tempestivamente. È stato aperto un procedimento per valutare eventuali sanzioni. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
Salario minimo: «La situazione va monitorata»
Le parti convocate al tavolo delle discussioni hanno condiviso che la deroga prevista per i CCL non va stralciata.
CANTONE
2 ore
Fattacci fra Semine e Locarno, arrivano le prime sospensioni
Per far luce sull'accaduto è stata pure avviata un'inchiesta, il cui rapporto è atteso a inizio ottobre.
CANTONE
4 ore
In Ticino 36 contagi e un altro decesso
Le persone ospedalizzate a causa del coronavirus salgono a 16, sei delle quali in terapia intensiva.
CANTONE
8 ore
Il monopattino è roba da grandi
I monopattini elettrici sono vietati ai minori di 14 anni. Ma spesso i genitori non lo sanno
CANTONE
8 ore
Pfizer, Moderna e l'apparenza che inganna
Il farmacista cantonale rassicura: «Un vaccino vale l'altro, come efficacia e come effetti collaterali».
LUGANO
20 ore
Ben 34 franchi per 9 ore di autosilo: «Ma non mi scandalizzo»
L'episodio diventa lo spunto per una chiacchierata sulla mobilità col futuro sindaco Michele Foletti.
CANTONE
21 ore
Anticorpi anomali coinvolti nel 20% dei decessi da Covid-19
All'importante scoperta hanno contribuito anche due ricercatori dell'EOC: Alessandro Ceschi e Paolo Merlani.
CANTONE
23 ore
Suter con la maglia UDC, Speziali: «Non è il Massimo»
Botta e risposta tra il presidente PLR Speziali e il presidente di GastroTicino che passa all'UDC
CANTONE
23 ore
«Il 9 aprile è stato un giorno molto triste»
Si è concluso il processo per il delitto di Muralto. La sentenza sarà pronunciata venerdì 1. ottobre
CANTONE
1 gior
Il permesso B? «Non è un reale domicilio»
Il Tribunale federale ha chiarito un punto importante per gli stranieri che chiedono una residenza in Ticino
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile