tipress
LUGANO
28.07.21 - 19:440

Abusi all'ex Macello: «Ha macchiato la vita di un bambino»

Condannato a 30 mesi e a una terapia stazionaria un 24enne del luganese

Il giovane si è reso autore di abusi su due bambini dal febbraio al settembre del 2018

LUGANO - Trenta mesi di carcere e un trattamento stazionario per «annientare i suoi impulsi». È la sentenza emessa nei confronti del 24enne del luganese che, tra il febbraio e il settembre del 2018, commise abusi nei confronti di due bambini tra le mura dell’ex Macello.

Il giovane, per riprendere le parole della procuratrice pubblica Pamela Pedretti, «ha macchiato indelebilmente la vita di un fanciullo e quantomeno turbato momentaneamente quella di un altro», riferisce il CdT.

Il 24enne, che all'epoca assumeva alcol e droghe e alloggiava al centro sociale il Molino, è stato l'autore dei due episodi ai danni di un bimbo di 8 e uno di 9 anni. Da qui la pena, che ha preso in considerazioni anche altri reati quali l'infrazione alla Legge federale sugli stupefacenti, il danneggiamento di lieve entità e la violazione di domicilio.

Il primo dei due episodi, stando alle indagini, sarebbe durato pochi secondi. L’imputato ha spinto la giovane vittima, condotta nel centro sociale, a compiere un gesto di autoerotismo. Quindi al bambino avrebbe regalato un plettro «per fargli mantenere il segreto». Nel secondo episodio, il 24enne è stato sorpreso mentre si masturbava. Invece che fermarsi ha chiesto al bambino se gli «piacesse ciò che stava vedendo».

La difesa ha puntato sulla storia travagliata del giovane, abbandonato a 2 anni e vissuto in vari istituti sino ai 20. Oltre che vittima di abusi a sua volta.

Nei confronti del 24enne è stata riconosciuta una scemata imputabilità di grado lieve e medio, vista anche la patologia di cui soffre: una sindrome schizotipica con tratti antisociali. Secondo la perizia psichiatrica non si tratta di un pedofilo. Ma per la corte, che a sua volta non vede la matrice pedofila in quanto accaduto, c'è il rischio di recidiva. Ecco perché il trattamento stazionario.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
Salario minimo: «La situazione va monitorata»
Le parti convocate al tavolo delle discussioni hanno condiviso che la deroga prevista per i CCL non va stralciata.
CANTONE
2 ore
Fattacci fra Semine e Locarno, arrivano le prime sospensioni
Per far luce sull'accaduto è stata pure avviata un'inchiesta, il cui rapporto è atteso a inizio ottobre.
CANTONE
4 ore
In Ticino 36 contagi e un altro decesso
Le persone ospedalizzate a causa del coronavirus salgono a 16, sei delle quali in terapia intensiva.
CANTONE
8 ore
Il monopattino è roba da grandi
I monopattini elettrici sono vietati ai minori di 14 anni. Ma spesso i genitori non lo sanno
CANTONE
8 ore
Pfizer, Moderna e l'apparenza che inganna
Il farmacista cantonale rassicura: «Un vaccino vale l'altro, come efficacia e come effetti collaterali».
LUGANO
20 ore
Ben 34 franchi per 9 ore di autosilo: «Ma non mi scandalizzo»
L'episodio diventa lo spunto per una chiacchierata sulla mobilità col futuro sindaco Michele Foletti.
CANTONE
22 ore
Anticorpi anomali coinvolti nel 20% dei decessi da Covid-19
All'importante scoperta hanno contribuito anche due ricercatori dell'EOC: Alessandro Ceschi e Paolo Merlani.
CANTONE
23 ore
Suter con la maglia UDC, Speziali: «Non è il Massimo»
Botta e risposta tra il presidente PLR Speziali e il presidente di GastroTicino che passa all'UDC
CANTONE
23 ore
«Il 9 aprile è stato un giorno molto triste»
Si è concluso il processo per il delitto di Muralto. La sentenza sarà pronunciata venerdì 1. ottobre
CANTONE
1 gior
Il permesso B? «Non è un reale domicilio»
Il Tribunale federale ha chiarito un punto importante per gli stranieri che chiedono una residenza in Ticino
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile