Immobili
Veicoli
Tipress
CANTONE
14.04.21 - 18:010
Aggiornamento : 19:09

Per Gastroticino è un passo avanti, ma è ancora troppo poco

Riaprono le terrazze di bar e ristoranti, ma non le sale interne. Rischioso, per Massimo Suter, sul fronte lavoro.

LUGANO - Da lunedì riaprono le terrazze di bar e ristoranti. L'ha annunciato oggi in conferenza stampa il Consiglio Federale. Non tutti però potranno beneficiare dei nuovi allentamenti. Sono infatti numerosi gli esercizi pubblici, ticinesi come d'oltralpe, che non dispongono di spazi all'aperto. E Gastroticino, fa sapere l'associazione in una presa di posizione, non ci sta.

Posti di lavoro a rischio - «La direzione è quella giusta», spiega Massimo Suter, vicepresidente di Gastrosuisse e presidente di Gastroticino, «ma diversi imprenditori non potranno godere della riapertura delle terrazze, sia per dimensioni che per un’ubicazione che non assicurano un’adeguata redditività; imprenditori che quindi saranno costretti a non riaprire». E, se le sale interne dovessero rimanere chiuse, molti posti di lavoro e di apprendistato sarebbero messi a rischio, aggiunge.

Si poteva fare di più - Facendo riferimento alla relativa stabilità della situazione pandemica attuale, Suter definisce questi allentamenti come ancora troppo blandi: «Non si capisce perché il CF non abbia voluto aprire tutto il settore». «Auspichiamo che la Confederazione prenda coraggio e tolga il blocco totale alla ristorazione, che altro non è che un divieto a esercitare la propria professione» conclude Suter. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE/UCRAINA
1 ora
Ricostruire l'Ucraina, partendo da Lugano? «Va fatto nel modo giusto»
L'appello delle Ong svizzere al Consiglio federale: «Non decidano solo i Governi, si ascoltino le popolazioni colpite»
CANTONE
2 ore
Covid, terapie intensive vuote
È la prima volta da oltre 10 mesi. Negli ospedali ticinesi restano ricoverate 43 persone
CANTONE
5 ore
Nebbia sul frontaliere che si porta a casa l’auto della ditta
Nasce il Registro dei Veicoli Immatricolati all’Estero. Chi non si iscrive, rischia il sequestro del veicolo.
LAMONE
5 ore
Quattro poliziotti finiscono sotto indagine
Si tratta di un terzo dell'effettivo della Polizia del Vedeggio. E sarebbe coinvolto anche il vicecomandante.
CANTONE
7 ore
Il taglio record nel bosco... dopato dallo scirocco
Una notte tempestosa all'origine del primato ticinese della produzione legnosa
LOSONE
17 ore
Il "re del karaoke" insegna calcio e inglese ai ragazzini
Sfida estiva per lo showman Jimmy Smeraldi: «Abbino pallone e apprendimento della lingua. Ci divertiremo».
CANTONE
20 ore
Turisti spaventati dai lupi? «Il problema non esiste»
I lupi, contrariamente a quanto affermato da Germano Mattei, non influenzerebbero negativamente il turismo ticinese.
CANTONE
21 ore
Il vaiolo delle scimmie «non è il coronavirus»
Giorgio Merlani tranquillizza tutti sulla malattia: «Per contrarla ci vuole un contatto molto stretto e prolungato».
CANTONE
23 ore
Anche in ospedali, cliniche e case anziani si ritorna (quasi) alla normalità
L’andamento epidemiologico attuale permette di allentare ulteriormente le misure di protezione in atto.
POSCHIAVO (GR)
1 gior
L'amo tocca i fili della corrente: pescatore muore folgorato
La tragedia è avvenuta domenica mattina nel fiume Val Pednal, a Li Curt nel Comune di Poschiavo.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile