Tio/20minuti
+1
LUGANO
07.04.21 - 08:020
Aggiornamento : 15:04

Assembramenti: «Difficile fermare una folla simile»

Il bilancio della Polizia e l'amarezza per il comportamento generale: «È indispensabile una spontanea collaborazione»

Le zone più battute? Piazza Cioccaro, la Foce del Cassarate e il Parco Ciani.

LUGANO - Decine (per non dire centinaia) di persone bicchiere in mano, con facce sorridenti. Piazza Cioccaro, ma anche il Parco Ciani e la Foce sono stati, ancora una volta, un richiamo per giovani e adulti. Le immagini, ormai note, riescono sempre a lasciare a bocca aperta. Sembrano infatti datate, vista l'assenza praticamente totale di mascherine e il mancato rispetto delle distanze di sicurezza. Invece risalgono a questo weekend.

La notte imprudente - «Un weekend che ci ha visti impegnati di giorno, nelle zone di protezione individuate dalla Città (quindi del mercatino), e di notte, specie nei pressi dei take away e della Foce», ci spiega al telefono Wladimiro Castelli della polizia comunale di Lugano. E se di giorno problemi non ce ne sono stati - «più dell'85% delle persone indossava la mascherina» -, la notte ha risvegliato il lato più imprudente della popolazione.

Tutti a bere - «Un problema si è identificato nei pressi dei take away, in sostanza dei banchi mescite, nelle vicinanze dei quali si sono radunate fino a 200 persone. In particolar modo nei pressi di Piazza Cioccaro», spiega Castelli.

Di fronte a una situazione del genere la Polizia non ha potuto far altro che monitorare la situazione: «A livello operativo la nostra è stata una presenza costante, ma fermare una folla simile, intenzionata com'era a radunarsi, non è stato possibile», prosegue il tenente.

Poliziotti a «sorvegliare» - Insomma si è osservato nell'impossibilità di intervenire. «La Polizia interviene secondo i principi di proporzionalità e opportunità. Se non c'è un reato non corre il rischio di ottenere una reazione che, trattandosi di una massa di persone, può essere molto diversa di quella che si ha con il singolo».

«Una società problematica» - «La polizia si è limitata alla sensibilizzazione - aggiunge Castelli con amarezza -. Ma con il risultato che era lì da vedere. Di fronte a una situazione simile, ci si sarebbe aspettati una risposta diversa. E non mi riferisco solo all'uso della mascherina. Quanto accaduto mostra una società problematica. E non è certo la Polizia, applicando la legge, che può risolvere il problema. Noi abbiamo supervisionato affinché nessuno si facesse male. E così è stato».

Proteggere e proteggersi - In qualche modo, anzi, la Polizia ha dovuto proteggersi. «C'è stata una situazione dove è stato meglio mettersi da parte. Per un gruppo di svizzero tedeschi in piazza della Riforma, questa domenica, la nostra presenza poteva diventare motivo di "nervosismo". Allontanandoci, la situazione si è risolta da sola», prosegue l'ufficiale di picchetto nel weekend.

La questione Foce - Anche alla Foce, come ormai d'abitudine, non sono mancati assembramenti: «Un centinaio di giovani - conferma Castelli -. Quantomeno ha funzionato il dispositivo attivato per impedire l'accesso di vetri e oggetti pericolosi. Inoltre erano suddivisi in gruppetti. Una forte presenza, quindi, ma ordinata».

Anche qui è toccato assistere, senza intervenire: «Il consumo di alcol e stupefacenti c'è stato. Ma tutto sommato le cose sono andate meglio rispetto a qualche settimana fa. Nonostante sia toccato ripulire l'area del parco giochi al Ciani dalla sporcizia lasciata da qualcuno il sabato».

«Manca la collaborazione» - Il bilancio di Castelli si conclude con un riflessione amara: «Quando c'è una parte così grande della popolazione che ignora la legge con così tanta ostinazione, ci si trova nella difficoltà ad adempiere ai nostri doveri. La Polizia deve ricercare la spontanea collaborazione della gente affinché le leggi siano rispettate. La nostra polizia si impegna in questo senso e continuerà a farlo, perché se una parte dei cittadini non collabora, ciò rischia di pesare in modo doloroso su di esse e anche sulle sorti di altre persone».

Tio/20minuti
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
4 ore
«L’Udc fa gli interessi della lobby del petrolio»
I Verdi del Ticino reagiscono al video sulla legge sul Co2 diffuso oggi dal partito di Marco Chiesa.
FOTO
BELLINZONA
8 ore
Quei 3'145 voti di differenza: «Non me l'aspettavo»
Lo scarto tra Mario Branda - rieletto sindaco di Bellinzona - e il municipale Simone Gianini è diventato più ampio
CANTONE
10 ore
Traffico dell'ascensione molto più intenso del previsto
Secondo Viasuisse i tempi di attesa, che al Gottardo hanno sfiorato le due ore, sono quasi al livello pre-pandemia.
CANTONE/CONFINE
10 ore
In mutande in dogana, commercianti in protesta a Ponte Tresa
Il malcontento viene dall'obbligo di presentare un test, mantenuto anche per i vaccinati, per entrare in Italia.
CANTONE
15 ore
Mario Branda è sindaco di Bellinzona
Nella capitale Branda ha raccolto 9'169 voti contro i 6'024 dello sfidante Simone Gianini
VIDEO
CANTONE/SVIZZERA
16 ore
Per l'UDC la Svizzera del 2030 sarà questa
Problemi con l'acqua calda, difficoltà nel caricare un tablet e viaggi praticamente impossibili (non per i rifugiati).
CANTONE
17 ore
Sono 19 i nuovi contagi in Ticino, al ribasso i ricoveri
Nei nosocomi del nostro cantone si contano oggi un'ammissione e 2 dimessi. Una nuova classe in quarantena.
CANTONE
17 ore
In undici Comuni si sceglie il sindaco
La principale sfida è quella in corso a Bellinzona, dove il PLR Simone Gianini sfida il PS Mario Branda
CANTONE
18 ore
Verso lo sciopero femminista del 14 giugno: il programma ticinese
Vari eventi saranno organizzati a Bellinzona lungo l'intero pomeriggio
FOTO E VIDEO
BLENIO
1 gior
Auto in un burrone, morto il conducente
Il veicolo è uscito di strada in un tornante, facendo un volo di decine di metri.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile