L'uomo ha gridato «ho una bomba», ma era un falso allarme
Ti-Press (Francesca Agosta)
+6
STABIO
05.02.21 - 17:580
Aggiornamento : 19:15

L'uomo ha gridato «ho una bomba», ma era un falso allarme

Si delineano i dettagli dell'operazione di polizia alla dogana di Gaggiolo, dalla parte italiana

Gli artificieri non avrebbero trovato alcun ordigno. E verso le 18.20 l'App Alert Swiss ha inviato l'avviso del «cessato allarme».

STABIO - Un'operazione di polizia al valico di Gaggiolo ha portato all'evacuazione, poco dopo le 15.30, di un raggio di 500 metri sia da parte italiana, sia da parte svizzera. Si è parlato subito di allarme bomba. Ma cosa è realmente accaduto?

Questo pomeriggio, ci spiegano le autorità italiane, un uomo sulla quarantina a bordo di un Suv con targhe italiane ha tentato di attraversare il confine ad alta velocità diretto in Svizzera. I doganieri italiani lo hanno fermato per un controllo tra i due punti di frontiera e a quel punto lui avrebbe dato in escandescenze. Fino ad affermare di avere un ordigno all'interno del veicolo.

A quel punto la Guardia di finanza lo avrebbe allontanato dall'auto.

Il Suv in seguito è stato perquisito a fondo dagli artificieri giunti da Malpensa che - stando a quanto riportano i media di confine - non avrebbero trovato ordigni o esplosivi a bordo. Un esito positivo della vicenda che è stato confermato pure dall'app AlertSwiss che attorno alle 18.20 ha diramato l'avviso di «cessato allarme».

La dogana è stata riaperta verso le 18.30, ma non mancano i problemi di traffico. Anche la linea ferroviaria tra Stabio e Varese è stata interrotta.

Ti-Press (Francesca Agosta)
Guarda tutte le 10 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Altri 15 contagi in Ticino
Le strutture sanitarie accolgono 19 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CANTONE
1 ora
Vaccinazione: un weekend dedicato agli adolescenti
Il primo fine settimana di ottobre verranno riaperti quattro centri cantonali.
RIAZZINO
2 ore
Al Vanilla si torna a ballare
Il reopening, a lungo rimandato a causa della pandemia, è previsto per il 9 ottobre prossimo.
LOCARNO
5 ore
«Che imbarazzo, io trattato come un mostro»
Calci, pugni e pallone: dopo la rissa delle Semine, settimana da incubo per Mauro Cavalli, presidente del FC Locarno.
CANTONE
16 ore
«Metà dei clienti scappati per il pass»
Nel mondo "bio" la diffidenza nei confronti dei vaccini è maggiore. Lo sfogo di un esercente in difficoltà
MENDRISIO
19 ore
La biblioteca si trasferisce e diventa una palestra
Il progetto SportAcademy riunirà sotto lo stesso tetto, a Genestrerio, diverse discipline sportive.
CANTONE
23 ore
Salario minimo: «La situazione va monitorata»
Le parti convocate al tavolo delle discussioni hanno condiviso che la deroga prevista per i CCL non va stralciata.
CANTONE
23 ore
Fattacci fra Semine e Locarno, arrivano le prime sospensioni
Per far luce sull'accaduto è stata pure avviata un'inchiesta, il cui rapporto è atteso a inizio ottobre.
CANTONE
1 gior
In Ticino 36 contagi e un altro decesso
Le persone ospedalizzate a causa del coronavirus salgono a 16, sei delle quali in terapia intensiva.
CANTONE
1 gior
Il monopattino è roba da grandi
I monopattini elettrici sono vietati ai minori di 14 anni. Ma spesso i genitori non lo sanno
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile