Tipress (archivio)
CANTONE
30.11.20 - 11:070
Aggiornamento : 15:22

Cinque in manette per un maxi traffico internazionale di droga

Avviata nel 2017, l'indagine è stata condotta dalla Polizia cantonale in collaborazione con agenti spagnoli e italiani.

Arrestati un 28enne svizzero e un 31enne italiano, entrambi residenti in Riviera, un 49enne italiano domiciliato nel Luganese, un 30enne svizzero domiciliato nel Bellinzonese e un cittadino croato residente in Spagna.

BELLINZONA - Duemila chili tra canapa e hashish. È questo l'ingentissimo quantitativo di sostanza illegale messo in circolazione a partire dal 2014 da diverse persone. Un traffico a livello internazionale che dopo «una complessa indagine», condotta a partire dal 2017 dagli inquirenti della Polizia cantonale in stretta collaborazione con la Polizia comunale di Biasca e con il fattivo supporto di diverse forze di polizia estere, in particolar modo italiane e spagnole, è stato infine sgominato. L'inchiesta, come comunicato oggi, è infatti stata chiusa.

Dalla Spagna all'Europa - Le indagini hanno di fatto ricostruito i vari tasselli di un traffico illegale che a partire dalla Spagna si è sviluppato lungo direttive e rotte distinte, toccando di volta in volta diverse nazioni - tra cui Francia, Olanda, Inghilterra e Italia - e interessando in maniera importante anche il nostro territorio.

Tre Valli nel mirino - Gli accertamenti si sono sviluppati in momenti differenti e seguendo filoni d'indagine che in parte sono venuti a convergere. «Per quanto riguarda nel dettaglio la parte ticinese - precisano il Ministero Pubblico e la polizia cantonale in una nota congiunta - gli approfondimenti si sono concentrati sulla posizione di diverse persone residenti nelle Tre Valli e coinvolte - a titolo diverso - nell'attività d'intermediazione e di smercio dello stupefacente».

Droga per milioni - In totale si parla di almeno 2'000 chilogrammi di sostanza illegale - tra canapa ed hashish, per un valore di almeno tre milioni di franchi - messi in circolazione a partire dal 2014 attraverso le varie regioni interessate. «Sullo sfondo del traffico di droga - precisa ancora la nota - sono inoltre stati accertati movimenti finanziari per almeno 400'000 euro e 215'000 franchi». Nell'ambito dei contestuali rilievi e approfondimenti è pure emerso come alcuni degli indagati si fossero parallelamente prodigati in atti preparatori per il riciclaggio di diversi milioni di euro.

Cinque arresti - Le indagini hanno portato nel corso del tempo all'arresto di cinque persone. In manette sono infatti finiti un 28enne svizzero e un 31enne italiano, entrambi residenti in Riviera, un 49enne italiano domiciliato nel Luganese, un 30enne svizzero domiciliato nel Bellinzonese e un cittadino croato residente in Spagna.

Collegamenti con altri casi - Una coordinata attività investigativa ha permesso inoltre il sequestro a Como di 300 chili di canapa illegale ed hashish, in buona parte destinati al Ticino, mentre due degli imputati sono risultati collegati a un cittadino svizzero residente oltre San Gottardo, arrestato nel marzo 2018 in Olanda poiché trovato in possesso di 8 chili di cocaina provenienti dal Perù. Complessivamente, le attività d'indagine svolte in Italia hanno portato a quattro ulteriori arresti, mentre in Spagna, dove gli accertamenti sono tutt'ora in corso, gli inquirenti stanno vagliando la posizione di altre persone attualmente in stato di detenzione.

Le principali ipotesi di reato sono quelle d'infrazione aggravata subordinatamente semplice, nonché contravvenzione, alla Legge federale sugli stupefacenti e riciclaggio di denaro. L'inchiesta è coordinata dalla Procuratrice pubblica Valentina Tuoni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 min
«Si può stare bene anche in prigione»
Vita di coppia in crisi? Single senza prospettive? I consigli di Eva Sykora, sex coach, ospite di piazzaticino.ch
MORBIO INFERIORE
3 ore
Alle Medie di Morbio Inferiore altri 25 casi di coronavirus
Undici sono verosimilmente riconducibili alla variante inglese del virus. Sono state testate 460 persone
CANTONE
4 ore
«Abbiamo 18 detenute alla Farera. Bisogna trovare una soluzione»
La Commissione di sorveglianza sulle condizioni di detenzione ha chiesto un incontro al Dipartimento delle istituzioni.
CADENAZZO
7 ore
Un'intossicazione alimentare dietro ai malori alla Posta
Venerdì scorso tre collaboratori del Centro logistico erano stati trasportati in ambulanza all'ospedale.
CANTONE
8 ore
Torna a nevicare in pianura
Meteo Svizzera lancia l'allerta. Pericolo "marcato" da questa sera fino a mezzogiorno di domani
CANTONE
9 ore
In Ticino altri 114 contagi e 4 decessi
Calano i ricoveri in ospedale, ma non i pazienti in terapia intensiva. Il bollettino del medico cantonale
CANTONE
10 ore
Mercato dell'auto in crisi: «Vediamo quanti sopravviveranno»
Nel 2020 le vendite sono crollate del 24%. E gli aiuti sono stati pochi.
LUGANO 
13 ore
Più che Lombardi «luganese»
Da qualche giorno Filippo Lombardi è a tutti gli effetti domiciliato nella città dove intende correre per il Municipio
CANTONE
13 ore
I tamponi a scuola sono un lusso
Mentre il Decs è alle prese con la variante inglese, gli istituti privati fanno da sé. Il caso "esclusivo" della Tasis.
CANTONE
1 gior
Luci rosse spente: «Le nostre ragazze ora lavorano a Berna»
Lo sconcerto del gerente dell'Oceano: «La coerenza? Quali distanze sociali si possono garantire in un bordello?»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile