Archivio Depositphotos
CANTONE
09.11.20 - 11:450

Borseggiatori in manette

Erano attivi in centri commerciali del Bellinzonese e del Locarnese: si tratta di due trentenni dalla Romania

BELLINZONA - Sono gli autori di almeno sette borseggi in centri commerciali del Bellinzonese e del Locarnese. Si tratta di due trentenni cittadini romeni residenti in Romania che lo scorso venerdì 6 novembre sono finiti in manette a Bissone.

In due casi, l'accoppiata avrebbe inoltre tentato di effettuare dei prelievi abusivi di denaro da un bancomat con delle carte di credito precedentemente rubate, come si legge in una nota odierna del Ministero pubblico, della polizia cantonale e delle guardie di confine.

Il dispositivo di ricerca coordinato dalla polizia cantonale ha portato al fermo dei due uomini da parte delle guardie di confine, in territorio di Bissone, mentre si trovavano a bordo di un'auto con targhe ticinesi.

Le ipotesi di reato nei loro confronti sono di ripetuto furto e ripetuto abuso d'impianto per l'elaborazione di dati. L'inchiesta è coordinata dal sostituto procuratore generale Nicola Respini. La misura restrittiva della libertà è nel frattempo stata confermata dal giudice dei provvedimenti coercitivi.

I consigli della polizia per prevenire furti con destrezza su suolo pubblico:

  • Portate su di voi poco denaro contante e il minor numero possibile di oggetti di valore.
  • Non lasciate mai incustoditi la vostra borsa o il vostro bagaglio.
  • Riponete i vostri oggetti di valore in una tasca interna della vostra giacca, possibilmente chiudibile.
  • Quando camminate in luoghi altamente frequentati, tenete borsetta, borsa del computer portatile, borsa a tracolla e/o zaino ben chiusi e stretti davanti al corpo.
  • Non riponete mai i vostri oggetti di valore nelle tasche esterne dei vestiti.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
20 min
In Ticino è tempo di olive
Il prossimo 30 ottobre a Gandria si terrà l'ormai tradizionale raccolta
CANTONE
1 ora
«Mafia gay», la Procura indaga per discriminazione
Pink Cross ha presentato una denuncia contro il direttore di una rivista residente a Lugano
LUGANO
16 ore
Chi ordinò la demolizione? L’inchiesta davanti al muro dei malintesi
Si allontana il reato di "abuso di autorità", mentre per ora rimane l’accusa ai Molinari di "violazione di domicilio"
BELLINZONA
17 ore
«Il sindaco è fan del PSE? Cosa intende fare per favorirlo?»
Scatta l'interpellanza. Mario Branda nel mirino dell'MPS per il suo sostegno al progetto del Polo Sportivo di Lugano
BREGAGLIA (GR)
17 ore
Scontro frontale a Castasegna: un ferito
L'incidente si è verificato sabato mattina nelle vicinanze del valico doganale
FOTO
LUGANO
20 ore
In piazza per dire "no" alle restrizioni anti-Covid
Una manifestazione indetta dagli Amici della Costituzione ha luogo oggi a Lugano
Novazzano
1 gior
Dopo la rapina, l'interrogazione: «Chiudere i valichi secondari di sera»
Lo scorso giovedì è stata effettuato un furto a mano armata in un distributore di benzina
CANTONE
1 gior
Nuova Legge sulla ristorazione: più la mandi giù, più torna Su...ter
In dirittura la nuova Lear che rivoluziona l'accesso alla gerenza: «Servono meno corsi e più solidità finanziaria»
CANTONE
1 gior
Certificato Covid elettronico di nuovo funzionante
«Certificato con firma non valida», è ciò che era apparso a molti, forse a tutti, i detentori del Covid-Pass digitale.
LUGANO
1 gior
Sanitari non vaccinati licenziati alla Moncucco, rifiutavano i test
«Chi non si sottopone al vaccino e nemmeno ai test non può lavorare in Clinica», così il direttore Christian Camponovo.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile