FVR / M. Franjo / Lettore Tio.ch
BELLINZONA
30.09.20 - 20:090
Aggiornamento : 02.10.20 - 09:44

Schianto a Gnosca, nessun segno di frenata

Le prime evidenze dell'inchiesta sul luogo dell'incidente non hanno rilevato la presenza di tracce di pneumatici.

I motivi della tragedia, costata la vita a un padre di 43 anni e a suo figlio di uno, sono ancora al vaglio degli inquirenti.La mamma del piccolo su Facebook: «Chi ha visto qualcosa si faccia avanti».

GNOSCA - Nessuna traccia di frenata. Sulla strada cantonale tra Gnosca e Preonzo non ci sono segni di pneumatici. Sono le prime evidenze - riportate da LaRegione - che emergono dall’inchiesta avviata sul luogo del tragico incidente avvenuto ieri e che è costato la vita a un padre e a suo figlio.

Lo schianto, avvenuto attorno alle 18.00 sulla tirata che collega i due quartieri di Bellinzona, aveva coinvolto un Suv della Hyundai con a bordo un 43enne del Bellinzonese e un bimbo di un solo anno. L'uomo, un poliziotto della cantonale con alle sue spalle più di 10 anni di servizio, era deceduto sul colpo ed è stato ritrovato morto tra le lamiere del veicolo. Mentre il piccolo, rinvenuto sul luogo dell'incidente in condizioni disperate, era spirato poco dopo in ospedale.

Intanto sul luogo della tragedia, da parte al muro della chiesetta contro cui è terminato il fuoristrada, alcune persone hanno voluto ricordare padre e figlio con alcuni mazzi di fiori e un panda di peluche. Una dedica al piccolo che non c'è più. Un dramma che per ora non ha ancora una spiegazione.  La ricerca di testimoni lanciato ieri dalla polizia cantonale per far luce sulla dinamica dell'incidente non ha infatti per ora sortito effetti concreti. Tanto che anche la madre della piccola vittima - distrutta dal dolore - ha deciso di rilanciare l'appello. «Sì era mio figlio. Era l'amore della mia vita. La mia gioia, il mio mondo, il mio tutto», scrive in uno straziante post su Facebook. «Chiunque abbia visto qualcosa si faccia avanti».

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
MASSAGNO
2 ore
Una quarantena che fa viaggiare con la fantasia
Noemi è una bambina di nove anni che ci racconta i suoi dieci giorni chiusa in casa: «Disegno per realizzare un libro»
CHIASSO
6 ore
Casa Soave, nove anziani positivi al coronavirus
Tutti quanti si trovano in isolamento nelle loro stanze.
AIROLO
7 ore
«Pronti a sciare da fine novembre»
La stagione bianca che verrà vista da Mauro Pini, direttore degli impianti di Airolo-Pesciüm
CHIASSO
9 ore
Delitto di via Valdani, padre e figlio rinviati a giudizio
Dovranno rispondere di assassinio, subordinatamente omicidio intenzionale, e aggressione.
CANTONE
9 ore
«C'è preoccupazione per la durata della seconda ondata»
Da Bellinzona il DSS fa il punto della situazione e spiega gli adattamenti decisi per il prossimo futuro.
BELLINZONA
11 ore
«La polizia interferisce in modo sproporzionato e antidemocratico»
L’accusa arriva da ForumAlternativo, che pubblica su YouTube quanto accaduto martedì mattina
CANTONE / SVIZZERA
12 ore
Contagi e frontalieri: «È ora di limitare gli spostamenti?»
Piero Marchesi interroga le Camere federali sulla situazione ticinese
CANOBBIO
14 ore
Quattro classi in quarantena: «Ci vogliono misure urgenti»
I genitori degli allievi che frequentano le Medie di Canobbio sono preoccupati. E scrivono al Governo ticinese
CANTONE
15 ore
Secondo giorno sopra i 300 contagi, 5 nuove vittime
Sono 6'910 le persone risultate positive al test PCR da inizio pandemia. 361 i decessi
CANTONE
15 ore
A ridosso delle vacanze... altre tre classi in quarantena
La misura è stata adottata per allievi di tre diversi istituti scolastici ticinesi
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile