Immobili
Veicoli
FVR / M. Franjo / Lettore Tio.ch
BELLINZONA
30.09.20 - 20:090
Aggiornamento : 02.10.20 - 09:44

Schianto a Gnosca, nessun segno di frenata

Le prime evidenze dell'inchiesta sul luogo dell'incidente non hanno rilevato la presenza di tracce di pneumatici.

I motivi della tragedia, costata la vita a un padre di 43 anni e a suo figlio di uno, sono ancora al vaglio degli inquirenti.La mamma del piccolo su Facebook: «Chi ha visto qualcosa si faccia avanti».

GNOSCA - Nessuna traccia di frenata. Sulla strada cantonale tra Gnosca e Preonzo non ci sono segni di pneumatici. Sono le prime evidenze - riportate da LaRegione - che emergono dall’inchiesta avviata sul luogo del tragico incidente avvenuto ieri e che è costato la vita a un padre e a suo figlio.

Lo schianto, avvenuto attorno alle 18.00 sulla tirata che collega i due quartieri di Bellinzona, aveva coinvolto un Suv della Hyundai con a bordo un 43enne del Bellinzonese e un bimbo di un solo anno. L'uomo, un poliziotto della cantonale con alle sue spalle più di 10 anni di servizio, era deceduto sul colpo ed è stato ritrovato morto tra le lamiere del veicolo. Mentre il piccolo, rinvenuto sul luogo dell'incidente in condizioni disperate, era spirato poco dopo in ospedale.

Intanto sul luogo della tragedia, da parte al muro della chiesetta contro cui è terminato il fuoristrada, alcune persone hanno voluto ricordare padre e figlio con alcuni mazzi di fiori e un panda di peluche. Una dedica al piccolo che non c'è più. Un dramma che per ora non ha ancora una spiegazione.  La ricerca di testimoni lanciato ieri dalla polizia cantonale per far luce sulla dinamica dell'incidente non ha infatti per ora sortito effetti concreti. Tanto che anche la madre della piccola vittima - distrutta dal dolore - ha deciso di rilanciare l'appello. «Sì era mio figlio. Era l'amore della mia vita. La mia gioia, il mio mondo, il mio tutto», scrive in uno straziante post su Facebook. «Chiunque abbia visto qualcosa si faccia avanti».

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
Pochi decessi, ma «il numero dei contagi resta rilevante»
L'Ufficio del medico cantonale sulla situazione pandemica: «Molto dipenderà dalla variante circolante in futuro»
CONFINE
15 ore
Frontalieri italiani, l'accordo avanza
La commissione economia e tributi del Nazionale promuove la riforma fiscale (quasi) all'unanimità
CANTONE
18 ore
La marcia di chiusura dei Centri vaccinali: «Affrettatevi ad iscrivervi»
Il rallentamento delle richieste ha portato le autorità a ridimensionare progressivamente il dispositivo
CANTONE
20 ore
Identikit dell'astensionista ticinese
Chi è, che lavoro fa, cosa ha votato e perché non vuole votare più. Lo studio dell'Università di Losanna
BELLINZONA
21 ore
La capitale è ancora più grande
A fine 2021 sotto l'ombra dei Castelli abitavano 44'530 persone, ovvero 474 in più rispetto a un anno prima.
CANTONE
22 ore
Altri due decessi in Ticino, dieci nuove quarantene nelle scuole
Negli ospedali si contano quattro Covid-pazienti in meno, per un totale di 173.
CHIASSO
1 gior
«Insultata e minacciata solo per aver svolto il mio lavoro»
Finita più volte al centro di un polverone mediatico, la dottoressa Mariangela De Cesare ha voluto “vuotare il sacco”.
FOCUS
1 gior
I detenuti che non vogliono uscire
Il reinserimento sociale è un problema, per chi è dietro le sbarre. Tanto che molti preferiscono rimanerci
LUGANO
1 gior
«Non era il pianto di mia figlia»
Una 90enne luganese vittima dei "falsi poliziotti". Racconta come ha morso la foglia
VIDEO
CAMPIONE D'ITALIA
1 gior
Entriamo nel nuovo Casinò di Campione
Tutti all'opera per far rivivere la casa da gioco a due passi da Lugano. La parola d'ordine è "sicurezza"
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile