FVR / M. Franjo / Lettore Tio.ch
BELLINZONA
30.09.20 - 20:090
Aggiornamento : 02.10.20 - 09:44

Schianto a Gnosca, nessun segno di frenata

Le prime evidenze dell'inchiesta sul luogo dell'incidente non hanno rilevato la presenza di tracce di pneumatici.

I motivi della tragedia, costata la vita a un padre di 43 anni e a suo figlio di uno, sono ancora al vaglio degli inquirenti.La mamma del piccolo su Facebook: «Chi ha visto qualcosa si faccia avanti».

GNOSCA - Nessuna traccia di frenata. Sulla strada cantonale tra Gnosca e Preonzo non ci sono segni di pneumatici. Sono le prime evidenze - riportate da LaRegione - che emergono dall’inchiesta avviata sul luogo del tragico incidente avvenuto ieri e che è costato la vita a un padre e a suo figlio.

Lo schianto, avvenuto attorno alle 18.00 sulla tirata che collega i due quartieri di Bellinzona, aveva coinvolto un Suv della Hyundai con a bordo un 43enne del Bellinzonese e un bimbo di un solo anno. L'uomo, un poliziotto della cantonale con alle sue spalle più di 10 anni di servizio, era deceduto sul colpo ed è stato ritrovato morto tra le lamiere del veicolo. Mentre il piccolo, rinvenuto sul luogo dell'incidente in condizioni disperate, era spirato poco dopo in ospedale.

Intanto sul luogo della tragedia, da parte al muro della chiesetta contro cui è terminato il fuoristrada, alcune persone hanno voluto ricordare padre e figlio con alcuni mazzi di fiori e un panda di peluche. Una dedica al piccolo che non c'è più. Un dramma che per ora non ha ancora una spiegazione.  La ricerca di testimoni lanciato ieri dalla polizia cantonale per far luce sulla dinamica dell'incidente non ha infatti per ora sortito effetti concreti. Tanto che anche la madre della piccola vittima - distrutta dal dolore - ha deciso di rilanciare l'appello. «Sì era mio figlio. Era l'amore della mia vita. La mia gioia, il mio mondo, il mio tutto», scrive in uno straziante post su Facebook. «Chiunque abbia visto qualcosa si faccia avanti».

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MENDRISIO
9 min
Una notte di (relativa) quiete dopo la tempesta
«Abbiamo terminato gli interventi e nella notte non abbiamo ricevuto nessuna richiesta», spiega Alberto Ceronetti.
CANTONE
2 ore
Pronto, centro vaccini? Due ore senza risposta
I tempi di attesa per parlare con il numero verde cantonale possono essere molto lunghi. Colpa delle vacanze?
BELLINZONA
2 ore
Paglia, i reclamatori seriali e le sue memorie
L'ex municipale, che se ne andò in seguito alla questione dei sorpassi milionari, si racconta in un libro.
FOTO
MENDRISIOTTO
15 ore
«Limitare gli spostamenti nelle zone colpite»
Emergenza nel Mendrisiotto: costituito uno Stato Maggiore regionale di condotta. L'appello della polizia agli abitanti
MESOCCO (GR)
16 ore
L'A13 piena di rotoli di plastica
Si tratta del carico che un mezzo ha perso lungo la semiautostrada in territorio di Mesocco
ROVEREDO (GR)
20 ore
Il lupi fanno incetta di pecore, anche in Mesolcina
Diverse predazioni sono avvenute in varie zone dei Grigioni. Ordinato l'abbattimento di un esemplare
CANTONE
22 ore
Covid: 31 nuovi casi, oltre la metà dei ticinesi sono vaccinati
Stabili i ricoverati, che rimangono a quota 12. Le cure intense ospitano 4 di loro.
CANTONE
1 gior
C'è un pacco sospetto per te
I pirati informatici sono in agguato: e via mail si spacciano per la Posta
CANTONE
1 gior
Viaggi e svaghi all'osso... i ticinesi pagano le tasse
La pandemia colpisce duramente il gettito, ma nella cassa delle persone fisiche le entrate sono tornate a crescere
CANTONE
1 gior
«Gli alberghi sono aperti a qualsiasi tipo di ospite»
Pernottamenti solo per vaccinati? Per il presidente di HotellerieSuisse Ticino non è un'ipotesi da considerare
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile