Riciclava soldi per il boss a Lugano
Guardia di finanza
CANTONE / ITALIA
06.08.20 - 14:130
Aggiornamento : 15:11

Riciclava soldi per il boss a Lugano

Sequestrati tre milioni di euro a un’avvocatessa di Milano legata al camorrista Vincenzo Guida.

Il denaro nei conti correnti svizzeri, denominati “Mago Merlino” e “Vedri Investment SA”, potrebbe essere destinato in favore della collettività.

MILANO - Per quasi vent’anni aveva gestito, in una banca di Lugano, un conto corrente sul quale sarebbero confluiti centinaia di migliaia di euro di due camorristi. Oggi la Guardia di finanza ha confiscato all’avvocatessa B.S. (e al suo compagno) tre milioni di euro.

La donna era stata arrestata nel 2016 con l’accusa di aver riciclato denaro per conto del boss della Camorra Vincenzo Guida. Il conto, chiamato “Ostrica”, era stato aperto nel 2004 presso una banca di Lugano. I soldi venivano spostati in diverse filiali dello stesso istituto di credito, per poi tornare a Milano in contanti. Nel 2018 l’avvocatessa è stata condannata per riciclaggio, avendo “ripulito” i proventi illeciti del boss. Vincenzo Guida è stato definito l’uomo della “banca della Camorra” per il giro di usura su larga scala realizzato a Milano per la “nuova famiglia” della camorra napoletana.

Il legame dell’avvocatessa con il sodalizio criminale campano è emerso in più occasioni: era stata accusata di aver preparato la deposizione del testimone di un omicidio, di aver lavorato come intermediaria nell’acquisto di alcuni locali da parte del clan Guida e di corruzione di un parlamentare. Questura di Milano e Guardia di finanza parlano oggi di «pericolosità sociale della professionista».

Il sequestro odierno di tre milioni di euro è legato a un atto di compravendita immobiliare. L’avvocatessa avrebbe tentato in questo modo di giustificare il denaro presente sui conti svizzeri utilizzati per riciclare i soldi del clan. In particolare, sono stati sequestrati due conti denominati “Mago Merlino” e “Vedri Investment SA”. Il provvedimento potrebbe consolidarsi in una confisca antimafia, e «i beni sequestrati saranno a quel punto sottratti al circuito dell’economia criminale per essere destinati in favore della collettività», spiega la Guardia di finanza.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CURIO
11 ore
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
11 ore
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
11 ore
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
LOCARNO
12 ore
Sparatoria di Solduno, l'ex compagno non poteva avvicinarsi
Prima di esplodere i colpi, il 20enne ha probabilmente rincorso la malcapitata giù per le scale.
CANTONE
14 ore
Più radar nel Luganese che in tutto il resto del cantone
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 25 al 31 ottobre sulle strade del nostro cantone
CANTONE
17 ore
Trasparenza totale in politica: «Giù le maschere!»
Il caso Fidinam-Pandora riporta d'attualità il tema delle «relazioni d'interesse» tra politica e parastato
CANTONE
19 ore
Mobilità e Covid: «È evidente che qualcosa è cambiato in peggio»
Un'interrogazione di Marco Passalia chiede al Consiglio di Stato di chinarsi sulla situazione dei trasporti ticinesi
CANTONE
21 ore
In Ticino 18 positivi e due nuovi ricoverati
I pazienti Covid che necessitano di cure ospedaliere salgono a 11 in tutto.
FOTO
CANTONE
22 ore
«Dentro il tunnel c'era uno scenario apocalittico»
Era il 24 ottobre 2001, quando nella galleria del San Gottardo morirono undici persone in un tragico incendio
CANTONE
1 gior
«Le ragazze non sono tornate»
Da qualche mese i locali a luci rosse dovrebbero aver ripreso l'attività a pieno regime. Ma così non è.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile