Depositphotos - foto d'archivio
CANTONE
31.07.20 - 08:420
Aggiornamento : 13:47

«Ho il coronavirus, mi servono soldi per curarmi»

La truffa del falso nipote passa anche dal Covid-19. E colpisce ancora, questa volta nel Luganese.

La polizia: «Diffidate da questo tipo di telefonate. Valutate con calma la situazione e avvisate le autorità».

BELLINZONA - «Sono ricoverato in cure intense. Ho il coronavirus. Ho bisogno di soldi per curarmi». La nuova frontiera della "truffa del falso nipote" ha a che fare con il Covid-19. E, purtroppo, qualcuno ci è già cascato.

A comunicarlo è la polizia cantonale, che riferisce di una truffa messa a segno mercoledì 29 luglio nel Luganese. La vittima è stata contattata telefonicamente. Messa sotto pressione dalle notizie legate allo stato di salute del suo interlocutore, "membro della famiglia", è quindi andata in banca a prelevare «diverse migliaia di franchi». La somma è stata poi consegnata a un uomo che si è presentato come "dipendente dell'ospedale".

Le autorità colgono perciò l'occasione, ancora una volta, per sensibilizzare la popolazione. «Prestate attenzione e diffidate da questo tipo di telefonate. Non fatevi mettere fretta nel prendere decisioni e valutate attentamente la situazione». E ancora: «Non fatevi scrupoli a mostrarvi dubbiosi in merito alla situazione con l'interlocutore e non accettate che siano terze persone a ritirare il denaro». È importante inoltre avvisare tempestivamente la polizia cantonale al 117.

Infine, un ripasso dei consigli per non incappare in questo genere di truffe:

  • Siate sempre diffidenti quando ricevete chiamate con richieste di denaro.
  • Non citate mai il nome dei vostri parenti al telefono. Specificate che in casi d'emergenza dovete dapprima consultarvi con qualcun altro e interrompete subito la conversazione telefonica. Poi contattate un parente che conoscete bene e di cui vi fidate e con lui/lei verificate le informazioni.
  • Non consegnate mai denaro o oggetti di valore a sconosciuti!
  • Non date a nessuno informazioni sui vostri averi, né su quelli che tenete in casa né su quelli che avete in banca.
  • Se una chiamata vi sembra sospetta, informate subito la polizia, telefonando al 117 (numero d'emergenza).
  • Informate i vostri parenti e conoscenti dell'esistenza di questo tipo di truffa.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Luci rosse spente: «Le nostre ragazze ora lavorano a Berna»
Lo sconcerto del gerente dell'Oceano: «La coerenza? Quali distanze sociali si possono garantire in un bordello?»
ITALIA / CANTONE
2 ore
«Stressate» dalla scuola: 13enni fiorentine scappano in Ticino
Sono state localizzate grazie ai telefoni cellulari e individuate su un treno diretto a Lugano
CANTONE
4 ore
Oggi in Ticino al via la vaccinazione di prossimità
Over 80 e conviventi con più di 75 anni che vogliono vaccinarsi nel proprio comune devono annunciarsi
CANTONE
5 ore
Troppe polveri fini nei cieli del Mendrisiotto
Ieri le concentrazioni hanno abbondantemente superato la soglia d'informazione alla popolazione.
CANTONE
9 ore
Covid, in Ticino altri 7 decessi
Nelle ultime 24 ore registrati 86 nuovi contagi. Il bollettino del medico cantonale
CANTONE
9 ore
Il telelavoro non cambia la situazione sui bus
Interpellanza PPD al Consiglio di Stato: «Perché non fa qualcosa invece di chiedere a Berna di intervenire?»
MENDRISIO
13 ore
«Mia figlia ha paura ad andare a scuola così»
Bus strapieno per gli allievi delle medie. La testimonianza di una mamma. Le autorità, per ora, osservano.
CASTEL SAN PIETRO
13 ore
Quando la cena (da asporto) te la prepara il sindaco
Otto sindaci momò prenderanno parte a una gustosa iniziativa.
CANTONE
1 gior
Lo sfogo del broker: «Il Covid ha fatto scappare i clienti»
Le difficoltà di chi lavora a provvigione. «Non abbiamo uno stipendio minimo, e nessun aiuto».
CANTONE
1 gior
«Vogliamo controlli sistematici alla frontiera»
È la rinnovata richiesta del Governo ticinese a Berna. Anche se la situazione epidemiologica sta migliorando
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile