Depositphotos - foto d'archivio
CANTONE
31.07.20 - 08:420
Aggiornamento : 13:47

«Ho il coronavirus, mi servono soldi per curarmi»

La truffa del falso nipote passa anche dal Covid-19. E colpisce ancora, questa volta nel Luganese.

La polizia: «Diffidate da questo tipo di telefonate. Valutate con calma la situazione e avvisate le autorità».

BELLINZONA - «Sono ricoverato in cure intense. Ho il coronavirus. Ho bisogno di soldi per curarmi». La nuova frontiera della "truffa del falso nipote" ha a che fare con il Covid-19. E, purtroppo, qualcuno ci è già cascato.

A comunicarlo è la polizia cantonale, che riferisce di una truffa messa a segno mercoledì 29 luglio nel Luganese. La vittima è stata contattata telefonicamente. Messa sotto pressione dalle notizie legate allo stato di salute del suo interlocutore, "membro della famiglia", è quindi andata in banca a prelevare «diverse migliaia di franchi». La somma è stata poi consegnata a un uomo che si è presentato come "dipendente dell'ospedale".

Le autorità colgono perciò l'occasione, ancora una volta, per sensibilizzare la popolazione. «Prestate attenzione e diffidate da questo tipo di telefonate. Non fatevi mettere fretta nel prendere decisioni e valutate attentamente la situazione». E ancora: «Non fatevi scrupoli a mostrarvi dubbiosi in merito alla situazione con l'interlocutore e non accettate che siano terze persone a ritirare il denaro». È importante inoltre avvisare tempestivamente la polizia cantonale al 117.

Infine, un ripasso dei consigli per non incappare in questo genere di truffe:

  • Siate sempre diffidenti quando ricevete chiamate con richieste di denaro.
  • Non citate mai il nome dei vostri parenti al telefono. Specificate che in casi d'emergenza dovete dapprima consultarvi con qualcun altro e interrompete subito la conversazione telefonica. Poi contattate un parente che conoscete bene e di cui vi fidate e con lui/lei verificate le informazioni.
  • Non consegnate mai denaro o oggetti di valore a sconosciuti!
  • Non date a nessuno informazioni sui vostri averi, né su quelli che tenete in casa né su quelli che avete in banca.
  • Se una chiamata vi sembra sospetta, informate subito la polizia, telefonando al 117 (numero d'emergenza).
  • Informate i vostri parenti e conoscenti dell'esistenza di questo tipo di truffa.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora
Meglio la calca, o una multa da 90 franchi?
Per evitare i bus pieni, alcuni studenti del Cpt di Trevano optano per l'auto. Ma anche qui i problemi non mancano
FOTO E VIDEO
QUARTINO
3 ore
Fiamme in una carrozzeria: un operaio ricoverato
Il rogo è divampato attorno alle 18.30 in via Mondette. Ingenti i danni alla struttura
CANTONE
4 ore
«Sindaci ticinesi, uscite dal buco»
Giovanni Cossi, presidente della Conferenza dei sindaci del Malcantone, lancia un appello: «Salviamo il Cantone».
CANTONE
5 ore
Gastroticino: «Grazie Governo»
Soddisfatti bar e ristoranti per le scelte del Consiglio di Stato: «Così possiamo lavorare»
CANTONE
6 ore
Covid: scatta l'obbligo della mascherina all'aperto
La protezione sarà da adottare laddove le distanze non possono essere mantenute, in particolar modo nei mercati.
CANTONE
9 ore
Fregati dalla solitudine e dal bisogno di affetto
Col Covid-19 aumentano i rischi di truffe amorose. Il ricercatore Luca Brunoni si è trasformato in esca.
CANTONE
12 ore
Quando gli applausi non bastano più
Al via la settimana di protesta per migliori condizioni per gli operatori sociosanitari
CANTONE
12 ore
Una classe in quarantena al Liceo di Lugano 2
Ieri la misura era stata decisa anche per allievi della Scuola cantonale di commercio
CANTONE
13 ore
Coronavirus in Ticino: altri 147 contagi e 15 ricoveri in 24 ore
Negli ospedali ticinesi sono attualmente ricoverate 80 persone positive al coronavirus.
CANTONE
13 ore
Anche il Ticino avrà il suo rumorometro
È iniziata negli scorsi giorni la sperimentazione del congegno che informerà sul livello di rumore generato dai veicoli.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile