Mascherine: «Le abbiamo vendute in Italia, ma non per guadagnarci»
keystone
CANTONE
30.04.20 - 08:410
Aggiornamento : 11:06

Mascherine: «Le abbiamo vendute in Italia, ma non per guadagnarci»

In tempi di magra qualcuno ha pensato all'export. Ma c'è chi spiega: «Non ci è stato consentito di venderle in Ticino»

La replica della Cellula di comunicazione dello Stato maggiore cantonale: «Alcuni lotti non erano adeguatamente certificati»

LUGANO - Ben 25 tonnellate di mascherine esportate dalla Svizzera verso altri Paesi, proprio nel momento di maggior bisogno. E vendute a 10 volte (in alcuni casi anche oltre 20 volte) il loro valore. I dati resi noti negli scorsi giorni dall'Amministrazione federale delle dogane (Afd) hanno lasciato spazio a inevitabili polemiche. Secondo molti, ha vinto l’avidità a discapito dell’etica e del senso di responsabilità.

Dalla moda alle mascherine - Ma c’è pure chi, toccato evidentemente nel vivo, le critiche ha volute rispedire al mittente. Tra questi M.*, responsabile in una ditta ticinese che si occupa di import-export e che ha mantenuto e sta mantenendo contatti con i propri fornitori in Cina. «Dall’importare abbigliamento ci siamo trovati a importare mascherine. D’altra parte i cinesi sono stati velocissimi nel riadattare i propri settori produttivi per non doversi fermare».  

Prezzo di costo, ma rifiutate in Svizzera... - E la sua ditta ha colto la palla al balzo. «Abbiamo fatto ordini di grossi quantitativi di merce. Sia mascherine FFP2 che quelle chirurgiche a tre strati. La nostra intenzione non era certo quella di speculare, anzi. Proprio quando qui iniziavano a scarseggiare, noi avevamo in arrivo le prime da proporre a 3,50 franchi l’una, le altre a 90 centesimi. Tolti i costi vivi, insomma, non ci rimaneva molto». 

Queste mascherine, però, non hanno mai trovato mercato in Svizzera: «Ne abbiamo proposte circa 300mila al Cantone. Nonostante avessero passato i controlli doganali e fossero provviste di certificazione, sono state ricontrollate dal farmacista cantonale e rifiutate. Il motivo? La documentazione che le accompagnava era in cinese».

... quindi vendute all'estero - Per non rimetterci, l’azienda ha optato quindi per la soluzione più ovvia: «Le abbiamo vendute in Italia. Tutte e senza nessun tipo di problema».  Anche i successivi tentativi sono andati a vuoto: «Ho proposto in seguito di importarne ulteriori milioni da distribuire alla popolazione, anche qui a prezzo di costo più le spese di trasporto, ma anche questa proposta è stata rifiutata». 

«Non adeguatamente certificate» - Contattata, la Cellula di comunicazione dello Stato maggiore cantonale conferma l’arrivo di lotti non in linea con le disposizioni: «Siamo a conoscenza di alcuni casi di materiale di protezione che è stato respinto dai destinatari, siccome non adeguatamente certificato. L’assenza di una certificazione valida non consente in buona fede di ritenere che il prodotto sia efficace e sicuro, dunque conforme allo scopo per cui è previsto».

«Situazione eccezionale, ma la normativa non cambia» - In tal senso l’ufficio del farmacista cantonale rimanda a una comunicazione del 16 aprile: «L’eccezionalità della situazione attuale non sospende le normative in vigore e non legittima la vendita di prodotti non conformi», viene sottolineato.  

Le disposizioni 

Se dispongono di una certificazione CE come dispositivo medico, le mascherine soddisfano a priori i requisiti per essere importate, acquistate e vendute in Svizzera. Oltre al marchio CE, sulla confezione dovrebbero essere indicati anche la norma EN 14683 (per quelle chirurgiche) e quella EN 149 e il livello di protezione per quelle di protezione respiratoria e il tipo di mascherina. Dal 3 aprile 2020, con la modifica dell’Ordinanza 2 sui provvedimenti per combattere il coronavirus (Ordinanza 2 Covid-19), sono state consentite delle deroghe alla marchiatura CE, tuttavia solo a precise condizioni: se le mascherine chirurgiche non dispongono di una certificazione CE, possono essere importate, acquistate e vendute in Svizzera solo in presenza di una specifica autorizzazione di Swissmedic (per le chirurgiche), della SECO  per quelle di protezione.

 

* nome noto alla redazione

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
6 ore
Certificato Covid elettronico di nuovo funzionante
«Certificato con firma non valida», è ciò che era apparso a molti, forse a tutti, i detentori del Covid-Pass digitale.
LUGANO
6 ore
Sanitari non vaccinati licenziati alla Moncucco, rifiutavano i test
«Chi non si sottopone al vaccino e nemmeno ai test non può lavorare in Clinica», così il direttore Christian Camponovo.
CANTONE
8 ore
Si aprono oggi le porte dello Swiss Virtual Expo
Sono già diversi gli eventi in programma nelle prossime settimane
CANTONE
9 ore
I prossimi radar? Ecco dove saranno
La prossima settimana i controlli mobili risparmieranno solo la Vallemaggia.
VERZASCA
10 ore
Verzasca: si cercano idee per lo stemma comunale
Il Municipio ha deciso di pubblicare un bando di concorso aperto a tutti i ticinesi.
CANTONE
11 ore
La libertà può essere a un tiro di "sputo"
L'iniziativa parlamentare urgente dell'UDC spiegata da Massimo Suter e Paolo Pamini
BELLINZONA
15 ore
Brenno Martignoni Polti prende in mano l'UDC di Bellinzona
L'ex sindaco della Capitale succede al dimissionario Simone Orlandi, travolto dallo scandalo delle targhe.
CANTONE
16 ore
Altri 22 contagi e nessun decesso in Ticino
Salgono a nove i pazienti ricoverati in ospedale. Uno si trova nel reparto di cure intense.
CANTONE
16 ore
«Diamo il certificato Covid anche a chi si testa in azienda»
A chiedere il cambiamento, con un'iniziativa parlamentare e con un voto d'urgenza, è l'UDC. Sostenuto da Massimo Suter.
AGNO
17 ore
Sotto il cielo di “Agno” l’‘ammucchiata’ di cordate rischia una nuova frenata
Ecco dai documenti ufficiali caratteristiche e diversità dei progetti ora in ‘Consortium’.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile