tipress (Archivio)
CANTONE
16.02.20 - 11:330
Aggiornamento : 18:22

Suona il telefono: «Ha danneggiato la mia auto». Truffa o scherzo?

Il caso segnalato da un lettore. Già negli scorsi anni telefonate simili erano circolate in Ticino

LUGANO - «È stato lei ad ammaccarla? Beh, innanzitutto volevo ringraziarla per il biglietto, poiché ormai quasi nessuno fa queste cose!». Se avete ricevuto una telefonata come questa, state in guardia. Potrebbe essere uno scherzo, ma anche una truffa.

Una conversazione registrata - Una tecnica praticamente identica (differiva solo per la dinamica dell'incidente), circolava già alcuni anni fa. In sintesi si riceve una telefonata, dall'altro capo della cornetta vi è una voce, registrata, che simula una conversazione riguardante un presunto danneggiamento a un'auto.

Il caso recente -La telefonata, come riferisce K.W.*, ha ricominciato a circolare alle nostre latitudini. Nello specifico il lettore ha ricevuto la chiamata nella tarda serata di ieri: «Era circa mezzanotte quando mi è suonato il telefono».

Una voce di donna inizia la conversazione. Che segue in questo modo:

- A proposito lei è assicurato, vero?
- Come... scusi?
- Aspetti, aspetti, solo per chiarire: io ho un biglietto con questo numero di telefono a cui sto chiamando e con la targa, che quindi dovrebbe essere quella della sua macchina che ha ammaccato la mia, teoricamente...
- E lei mi dice di no?
- Che non è stato lei, quindi ?
- Va bene, va bene... Allora la cosa cambia...
- Vediamo, io posso fare così: denuncio il sinistro alla mia assicurazione indicando la sua targa... Perché è l’unica cosa che ho in mano...
- Lo comunico, intanto. E lei comunica e chiarisce tutto con la sua compagnia assicurativa quando la contatteranno; quindi lei spiega quello che deve spiegare ed è finita la storia...
- Le va bene?
- Benissimo, allora vedrò di farmi pagare dalla sua assicurazione la riparazione della mia macchina, così cerco anche di farmela mettere a nuovo.
- Grazie tanto davvero, gentilissimo!

Come difendersi - In realtà il caso specifico sembrerebbe riguardare uno scherzo telefonico che si può realizzare tramite un'app specifica. Tuttavia la Polizia cantonale, già nelle precedenti occasioni, metteva in guardia da sistemi simili di truffa o tentativi di estorsione.

Questa tipologia di truffe non è solo telefonica, ma a volte si verifica anche "dal vivo". Per strada, al semaforo o nei parcheggi, l'ignara vittima viene avvicinata da una vettura con lo specchietto già rotto. In questo frangente, un complice dà un colpo alla carrozzeria dell'auto della vittima e poi mostra lo specchietto rotto. Con la scusa di chiudere in modo bonale la faccenda, chiedono un versamento in contanti per la riparazione del danno.

Questo trucco viene utilizzato spesso nelle città con molto traffico, dove una fermata per la constatazione del presunto incidente causerebbe un ingorgo.

Inoltre, a volte, questo espediente viene adottato per permettere ad un correo di aprire le portiere posteriori e sottrarre borse o oggetti di valore riposti sul sedile.

La Polizia cantonale per non incorrere in spiacevoli sorprese consiglia quindi di:

-Chiedere alla persona che telefona il suo nome, cognome e indirizzo.
-Se non viene dato seguito a questa richiesta, interrompere immediatamente la comunicazione dandone segnalazione al 117.

Se vi capita una situazione analoga in strada:

-Non saldare mai con denaro contante il presunto incidente.
-Richiedere sempre l'intervento di una pattuglia di polizia per la constatazione.
-Mantenere sempre una certa distanza dalle auto davanti e a fianco.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Massimo Rovelli 1 mese fa su fb
Ma cosa stanno scrivendo sti giornalai della domenica?????? È un’applicazione che si chiama Jokesphone e in questo caso non si tratta di una truffa ma di uno scherzo telefonico in cui a “parlare” è una registrazione telefonica. Fanno più danno le fake news di questi pseudo giornalai che il resto.......
Gianluca C Segreto 1 mese fa su fb
Phonejokes...è uno scherzi
Tal Li 1 mese fa su fb
Ahaha ma è uno scherzo. C'è un app apposta con questa registrazione...da anni che esiste...
Tato50 1 mese fa su tio
Io una volta ho telefonato a una Signora perché avevo l'auto danneggiata nei posteggi della Coop. Il problema è che il danno l'ho fatto io rigando leggermente la sua fiancata-;))) Ci siamo poi trovati in una carrozzeria per valutare i mie e i suoi danni. Non finiva più di ringraziarmi per la mia onestà. Aveva una vettura di vecchia data, con diversi danni "vecchi" e ha cominciato a dire che il danno era anche qui, anche la ecc. Ad un certo punto mi sono girate un pochino e le ho detto che la mia auto era quella posteggiata vicino alla sua e non era un Tir -;( In pratica, grazie alla mia onestà ma non certo alla sua, voleva quasi rifare tutta la fiancata sinistra. La settimana dopo ci siamo trovati con il "perito" e stessa solfa. Il tipo ad un certo punto si è incavolato e ha detto quello che pensava alla "Signora". Essere onesti a volte non paga e quella si è divuta accontentare della riparazione del danno che ho fatto io realmente. La prossima volta.......
Arti Korita 1 mese fa su fb
Secondo me si tratta di un scherzo telefonico. Esistono applicazioni come Juasapp dove ci sono una decina di scherzi vocali già registrati e che li si manda alla persona. Tra qui ce anche questo scherzo del danno della macchina che comincia testualmente con queste parole . «È stato lei ad ammaccarla? Beh, innanzitutto volevo ringraziarla per il biglietto, poiché ormai quasi nessuno fa queste cose!».
Pierluigi Fontanella 1 mese fa su fb
Arti Korita è proprio juasapp! Ma il "giornalista", tale Davide Milo, avrà sicuramente fatto uno scherzo di carnevale, perché se fosse serio...è meglio che cambi lavoro!!!
Chia Ra 1 mese fa su fb
Pierluigi Fontanella quanta arroganza in questo commento.. 😣
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora
L'imposta... te la raccomando
Una lettrice critica modi e tempo dell'invio dell'imposta di culto per raccomandata: «Trovo sia da irresponsabili»
CANTONE
1 ora
Pronto soccorso quasi deserto a causa del coronavirus
L'appello lanciato oltre San Gottardo. Ma anche in Ticino l'affluenza è bassa: c'è chi arriva appena in condizioni serie
CANTONE
10 ore
«Così il Covid-19 farà rinascere il turismo»
L'iniziativa di Elia Frapolli, ex direttore di Ticino Turismo: «Quello che sta accadendo può essere un'opportunità»
CANTONE / URI
12 ore
«Gli over 65 superano il Gottardo e fanno spese da noi»
Pur di aggirare il divieto alcuni sarebbero disposti a mettersi in macchina e percorrere molti chilometri
CANTONE
13 ore
«Puntiamo a riaprire i cantieri il 20 aprile»
Il direttore della SSIC: «Non sarà la normalità di prima, bisognerà cambiare modo di lavorare»
FOTO
LOSONE
13 ore
Anziano cade e si ferisce, interviene la Rega
L'uomo sarebbe scivolato e avrebbe preso un colpa alla testa
CANTONE
14 ore
Covid-19: io sto a casa, ma gli altri?
Alla vigilia di un weekend pasquale soleggiato non sarebbe stato il caso di insistere, inasprendo divieti e sanzioni?
URI / CANTONE
16 ore
Posto di blocco a Göschenen per Pasqua
Le polizie di Ticino e Uri uniscono le forze per impedire l'esodo verso il Sud delle Alpi.
CANTONE
16 ore
Le banche hanno aperto i rubinetti
Erogati crediti per 774 milioni solo in Ticino. L'Abt: «Misure importanti»
CANTONE / ZURIGO
19 ore
«Solo un divieto fermerà l'esodo pasquale verso il Ticino»
Per l'esperto tuttavia il proibizionismo può avere ripercussioni psicologiche: «Meglio una corretta informazione»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile