Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch/ (Jorge Abrego)
Patricia Arce Guzmán, aggredita durante le proteste.
+4
CANTONE / BOLIVIA
08.11.19 - 21:370

Due ticinesi dalla Bolivia: «Qui si combatte contro la dittatura»

Dal cuore degli scontri, due punti di vista neutrali sugli scontri che hanno portato a 89 feriti e un morto: «Non è una guerra tra partiti, ma una lotta per la democrazia»

LUGANO - Informazioni «manipolate», «non veritiere», o comunque controllate dalle Autorità boliviane. Quanto sta accadendo a Cochabamba - dove si sono verificati gravi incidenti fra sostenitori del governo e oppositori dei comitati civici e del partito Comunidad Ciudadana - non sarebbe ciò che riportano i giornali e le agenzie di stampa.

«Informazioni manipolate» - A sostenerlo sono due ticinesi che lì si trovano per lavoro. «La situazione è molto tesa e delicata e purtroppo le informazioni che vengono divulgate dai giornali locali (riportate poi in tutto il mondo da altri media) si sono rilevate più volte manipolate e non veritiere», ci scrive G.V., che a Cochabamba si trova da un mese e mezzo. «Nella giornata di ieri - sottolinea ancora - sono circolate moltissime notizie false rispetto alla tragica morte del giovane ragazzo e nessuna di queste notizie è stata ancora ripresa dai giornali “neutrali” del paese».

Il riferimento va alla vittima degli scontri, un giovane di 20 anni, morto apparentemente mentre i manifestanti antigovernativi incendiavano l'edificio del comune. Dalle informazioni diffuse ieri dalla stampa di tutto il mondo, il bilancio provvisorio degli scontri sarebbe di un morto, 89 feriti e una donna sindaco, sostenitrice del presidente Evo Morales, aggredita e costretta a sfilare con il corpo dipinto di rosso e a piedi scalzi. A Patricia Arce Guzmán, appartenente al Movimento per il socialismo (MAS), hanno anche tagliato i capelli.

«Non sono ribelli pagati» - Anche secondo M.B., cooperante ticinese che da 8 mesi lavora a Cochabamba come educatrice, le informazioni diffuse dai media sono distanti dalla situazione reale che sta vivendo il paese da ormai 15 giorni. «Le persone dell'opposizione vengono descritte come ribelli che lottano per un oppositore politico specifico (Carlos Mesa), dove vengono pagati per farlo - sottolinea -. Ma non è così».

La ticinese cerca quindi di fornire una fotografia del quadro politico boliviano: «Il 20 ottobre si sono svolte le elezioni presidenziali, dove secondo i conteggi "ufficiali" avrebbe vinto Evo Morales, molte prove però rendono dubbiosa la popolazione e lasciano pensare a dei brogli elettorali».

Per questo motivo, secondo M.B., la popolazione ha deciso di «difendere il proprio diritto al voto e la democrazia bloccando da 15 giorni le strade delle città del Paese e manifestando in maniera pacifica per avere nuove elezioni e il rispetto del voto».

«Le manifestazioni e le lotte in atto non sono uno scontro tra partiti - sottolinea ancora -, ma una presa di posizione per evitare una possibile dittatura».

keystone-sda.ch/ (STRINGER)
Guarda tutte le 8 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MENDRISIO
3 ore
Veicolo in fiamme, chiusa la A2 in direzione sud
Lo comunica la polizia cantonale su Twitter.
FOTO
CANTONE
4 ore
Ecco chi sono i nuovi laureati dell'USI
La Facoltà di comunicazione, cultura e società ha celebrato i neolaureati durante la cerimonia ufficiale di questa sera.
LUGANO
7 ore
Pandemia e autogestione, spina nel fianco per la polizia
Secondo le statistiche 2021, Lugano resta comunque il centro urbano più sicuro della Svizzera
FOTO
MELIDE
9 ore
Carpa gigante pescata nel Ceresio
Il pesce è stato catturato ieri dal 23enne Roberto Pacia nell'area del ponte-diga di Melide.
CANTONE
14 ore
Altri 173 contagi e un decesso nel fine settimana
Gli ospedali ticinesi accolgono attualmente 68 pazienti.
LUGANO
14 ore
Dopo l'accoltellamento, l'arresto
È finito in manette un cittadino svizzero di 32 anni residente nella regione
LUGANO
17 ore
«A Lugano non c'è mai niente da fare!»
Hai tra i 14 e i 25 anni e abiti in riva al Ceresio? Allora partecipa al sondaggio promosso per “rianimare” la città
CANTONE
17 ore
In Ticino "per sbaglio", sono in un limbo
Il caso di un nucleo famigliare ucraino ospitato a Lamone-Cadempino. E l'appello del padrone di casa Giuseppe Akbas.
FOTO
LUGANO
1 gior
Grande giornata di festa per Raiffeisen Walking Lugano
Tra i vari percorsi non è mancato l'appuntamento tradizionale con il City Trail fino al Monte Bré
FOTO
PORLEZZA
1 gior
Un capriolo nel Ceresio
Brutta avventura finita bene, oggi pomeriggio, nelle acque a largo di Porlezza
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile