keystone-sda.ch/ (Jorge Abrego)
Patricia Arce Guzmán, aggredita durante le proteste.
+ 4
CANTONE / BOLIVIA
08.11.19 - 21:370

Due ticinesi dalla Bolivia: «Qui si combatte contro la dittatura»

Dal cuore degli scontri, due punti di vista neutrali sugli scontri che hanno portato a 89 feriti e un morto: «Non è una guerra tra partiti, ma una lotta per la democrazia»

LUGANO - Informazioni «manipolate», «non veritiere», o comunque controllate dalle Autorità boliviane. Quanto sta accadendo a Cochabamba - dove si sono verificati gravi incidenti fra sostenitori del governo e oppositori dei comitati civici e del partito Comunidad Ciudadana - non sarebbe ciò che riportano i giornali e le agenzie di stampa.

«Informazioni manipolate» - A sostenerlo sono due ticinesi che lì si trovano per lavoro. «La situazione è molto tesa e delicata e purtroppo le informazioni che vengono divulgate dai giornali locali (riportate poi in tutto il mondo da altri media) si sono rilevate più volte manipolate e non veritiere», ci scrive G.V., che a Cochabamba si trova da un mese e mezzo. «Nella giornata di ieri - sottolinea ancora - sono circolate moltissime notizie false rispetto alla tragica morte del giovane ragazzo e nessuna di queste notizie è stata ancora ripresa dai giornali “neutrali” del paese».

Il riferimento va alla vittima degli scontri, un giovane di 20 anni, morto apparentemente mentre i manifestanti antigovernativi incendiavano l'edificio del comune. Dalle informazioni diffuse ieri dalla stampa di tutto il mondo, il bilancio provvisorio degli scontri sarebbe di un morto, 89 feriti e una donna sindaco, sostenitrice del presidente Evo Morales, aggredita e costretta a sfilare con il corpo dipinto di rosso e a piedi scalzi. A Patricia Arce Guzmán, appartenente al Movimento per il socialismo (MAS), hanno anche tagliato i capelli.

«Non sono ribelli pagati» - Anche secondo M.B., cooperante ticinese che da 8 mesi lavora a Cochabamba come educatrice, le informazioni diffuse dai media sono distanti dalla situazione reale che sta vivendo il paese da ormai 15 giorni. «Le persone dell'opposizione vengono descritte come ribelli che lottano per un oppositore politico specifico (Carlos Mesa), dove vengono pagati per farlo - sottolinea -. Ma non è così».

La ticinese cerca quindi di fornire una fotografia del quadro politico boliviano: «Il 20 ottobre si sono svolte le elezioni presidenziali, dove secondo i conteggi "ufficiali" avrebbe vinto Evo Morales, molte prove però rendono dubbiosa la popolazione e lasciano pensare a dei brogli elettorali».

Per questo motivo, secondo M.B., la popolazione ha deciso di «difendere il proprio diritto al voto e la democrazia bloccando da 15 giorni le strade delle città del Paese e manifestando in maniera pacifica per avere nuove elezioni e il rispetto del voto».

«Le manifestazioni e le lotte in atto non sono uno scontro tra partiti - sottolinea ancora -, ma una presa di posizione per evitare una possibile dittatura».

keystone-sda.ch/ (STRINGER)
Guarda tutte le 8 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
50 min
Non è ancora il momento di mettere via l’ombrello
Le allerte maltempo sono per il momento alle spalle. La prossima settimana si annuncia però nuovamente grigia e carica di pioggia
CANTONE / SVIZZERA
3 ore
Chi saranno i due "senatori" ticinesi? Siamo al rush finale
Ultime ore per votare, le urne chiudono alle 12. Quattro nomi per due posti: Filippo Lombardi, Marina Carobbio, Marco Chiesa e Giovanni Merlini
CANTONE / SVIZZERA
15 ore
Lotto, vinti oltre 20 milioni. Forse in Ticino
La schedina vincente potrebbe essere stata giocata nel nostro cantone. I numeri estratti: 10, 19, 25, 29, 38, 40 e 2
FOTO
LUGANO
19 ore
Furgone distrutto dalle fiamme in un piazzale a Viganello
Il veicolo ha preso fuoco questo pomeriggio in via agli Orti. Sul posto pompieri e polizia
FOTO
MENDRISIO
23 ore
Bambini e alberi si abbracciano e crescono insieme
Questa mattina è stato ufficialmente presentato il progetto “Alberi della vita – Un albero per ogni bambino”. Obiettivo: «Regalare un futuro sostenibile per i nostri giovani»
VAUD / BELLINZONA
1 gior
Ha moglie e figlia in Ticino, ma l’espulsione è “giusta”
Permessi di dimora non concessi a causa di precedenti penali. Negli ultimi giorni il Tribunale federale ha dato una volta ragione e una torto alle autorità cantonali. Ecco le due storie
FOTO
LUGANO
1 gior
Cinque anni fa la frana che strappò due vite a Davesco
Erano da poco passate le 2.30 del mattino. La pioggia provocò il crollo di un muro di contenimento, che travolse una palazzina
FOTO E VIDEO
MINUSIO
1 gior
L'auto urta un muretto e finisce sul tetto
Nel veicolo, che circolava in direzione di Locarno, c'erano due persone, soccorse dal personale del Salva
CUGNASCO-GERRA
1 gior
In questi wc c'erano strani traffici: fermato un giovane
La polizia è intervenuta nella serata di martedì. Il ragazzo sarebbe stato trovato in possesso di stupefacenti. Coinvolti anche minorenni?
CANTONE
1 gior
I radar sbirciano ovunque... tranne che in Vallemaggia
Controlli della velocità previsti in quasi tutti i distretti la prossima settimana. Rilevamenti semi-stazionari a Golino e Agra
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile