Immobili
Veicoli
Ti-Press
+2
BELLINZONA
02.02.19 - 13:540
Aggiornamento : 14:39

SEV: una locomotiva speciale per il centenario

Il Sindacato del personale dei trasporti compie quest’anno cento anni di storia

BELLINZONA - Il Sindacato del personale dei trasporti compie quest’anno cento anni di storia. Per lanciare i festeggiamenti, il più grande sindacato dei trasporti pubblici in Svizzera, sabato 2 febbraio ha inaugurato la locomotiva del centenario, che circolerà sulla rete FFS durante tutto il 2019. Per questa occasione, il presidente del SEV Giorgio Tuti ha ripercorso la storia del SEV fin dalla nascita nel 1919, ossia un anno dopo lo sciopero generale.

Tuti ha chiaramente rivolto lo sguardo anche sulle sfide future. A cominciare dalla trasformazione del mondo del lavoro legata alla digitalizzazione e alla crescente liberalizzazione nel mondo dei trasporti pubblici. Il presidente ha pure illustrato il programma del centenario, che sarà anche segnato da una mostra itinerante a bordo di un bus, con l’obiettivo di andare verso gli/le associati/e del SEV e tutte le persone interessate.

Se l’inaugurazione della locomotiva è il punto di partenza del centenario del SEV, il 2019 sarà caratterizzato da altre tappe: il congresso del SEV il 4 giugno, lo sciopero delle donne il 14 giugno, la mostra itinerante a bordo di un bus che viaggerà in tutta la Svizzera dal 3 giugno. «Sarà possibile scoprire i momenti chiave della storia del SEV, ma anche le prossime sfide. Il SEV poggia le sue fondamenta su una base di militanti molto ampia. Ragion per cui abbiamo voluto andare verso la nostra base proponendo una mostra attorno alla quale si svilupperanno diversi eventi», ha dichiarato Giorgio Tuti.

I festeggiamenti termineranno il 30 novembre nel corso di una serata organizzata dalla Gioventù del SEV, rivolta risolutamente verso il futuro.

Un po' di storia - «Un traguardo di cento anni non è per nulla banale. Oggi siamo tutti qui riuniti per inaugurare l’inizio dei festeggiamenti per i 100 anni del SEV», ha affermato in tarda mattina a Bellinzona il presidente del SEV Giorgio Tuti, che nel tardo pomeriggio si rivolgerà al pubblico a Zurigo. «Il SEV è nato 100 anni fa quando le sottofederazioni – ossia i gruppi professionali dei ferrovieri – hanno deciso di creare la Federazione svizzera dei ferrovieri, la «Schweizerischen Eisenbahnerverband», di cui l’acronimo SEV è ormai un segno distintivo. Questa fusione è nata in seguito allo sciopero generale del 1918, al termine del quale il bisogno di unità si è fatto sempre più pressante, inserendosi in un più grande movimento generale di unificazione. Così i ferrovieri aderiscono all’USS – non senza qualche resistenza - e tutte le categorie si uniscono il 30 novembre 1919», ha precisato Giorgio Tuti.

Negli anni la situazione è cambiata. Il SEV è diventato il sindacato dell’insieme del personale dei trasporti di tutta la Svizzera, coprendo i settori della ferrovia, del traffico d’agglomerato, dei bus a lunga percorrenza, del traffico aereo e degli impianti di risalita. «Possiamo essere fieri di questa pluralità. Difendiamo gli interessi di circa 40 mila membri, attivi e pensionati, e abbiamo negoziato oltre 70 Contratti collettivi di lavoro di alta qualità», ha aggiunto Giorgio Tuti. «Il mandato affidatoci dai nostri membri, fondamentalmente non è cambiato. Continueremo perciò sulla via tracciata. Le sfide che ci attendono sono enormi e riguardano per esempio la trasformazione dei mestieri causato dalla digitalizzazione. La crescente liberalizzazione nei trasporti pubblici e lo smantellamento del servizio pubblico, sono altre preoccupazioni che ci riguardano da vicino. Per affrontare queste sfide, la nostra azione sarà sindacale e politica».

 

Ti-Press
Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
7 ore
«Una relazione moralmente inappropriata, ma legale»
«Si è trattato di una relazione consenziente, e lei aveva 16 anni», si è giustificato il Governo.
CANTONE
12 ore
«Nessun allarme diossina in Ticino»
A differenza del Canton Vaud, in Ticino i valori nel terreno di questi composti sono sotto il livello di guardia.
MENDRISIO
13 ore
Truffano un'anziana, fermati con 40mila franchi
I "falsi poliziotti" tornano a colpire in Ticino. La Polizia mette in guardia
CANTONE
14 ore
Diciotto nuove sezioni in quarantena
Nelle ultime 24 ore si registrano poco più di mille contagi e nessuna vittima dovuta al Covid
CANTONE
16 ore
«Dopo 20 anni di lavoro, mi hanno lasciato a casa con una videochiamata»
La testimonianza di un ex quadro di UBS, "vittima" della riorganizzazione prevista dalla banca.
CONFINE
16 ore
Frontalieri con il reddito di cittadinanza
Nuovi furbetti smascherati dai finanzieri del luinese
CANTONE
18 ore
«Contact tracing: così è ridicolo»
Duro attacco della dottoressa Daniela Soldati, ex direttrice della Santa Chiara di Locarno, al sistema di tracciamento.
CANTONE
18 ore
Il pane non seguirà la pasta nella folle corsa dei prezzi
Il direttore del Mulino di Maroggia parla dei rialzi in atto sul mercato dei cereali
FOTO
CANTONE
1 gior
A 2'500 metri, meno neve del solito
L'inverno con le vette bianche si fa ancora attendere. Fino a metà febbraio non sono, per ora, previste precipitazioni
PURA / CASLANO
1 gior
Scontro tra più auto: due feriti, di cui uno grave
È successo questa mattina poco prima delle 11 in via Colombera a Pura
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile