TiPress
BELLINZONA
27.06.18 - 07:010
Aggiornamento : 14:57

Finito il corso di nuoto, bambino di 5 anni si ritrova da solo e va a casa

L’allievo avrebbe dovuto essere consegnato a una maestra del Polo Sud, ma c’è stato un malinteso. Grande spavento per monitori e genitori

BELLINZONA - Il primo giorno del corso di nuoto, a Bellinzona, è stato parecchio movimentato la scorsa settimana. Un bambino di 5 anni - come riferisce la Regione - anziché essere accompagnato dalle maestre del Polo Sud, che avrebbero dovuto prelevarlo in piscina, è tornato a casa a piedi, da solo, percorrendo due chilometri e attraversando anche la trafficata via Tatti. Fortunatamente, la vicenda si è conclusa solo con un grosso spavento da parte di genitori e monitori.

Il presidente della Turrita nuoto, Antonio Mozzini-Vellen, ha parlato di un «malinteso»: «La monitrice ha accompagnato il bambino nel punto di ritrovo, ma non c’era nessuno. Alla cassa ha chiesto a due donne se erano le maestre del Polo Sud e, alla loro risposta affermativa, ha consegnato loro il bambino. Non avevamo ricevuto alcun nome e i monitori non conoscevano il loro volto». Matteo Cheda, responsabile del Polo Sud, ha spiegato che in realtà il problema principale sarebbe legato alla grande confusione del contesto: «Ci sono troppi bambini. Bisognerebbe organizzare il corso di nuoto in due turni suddivisi su quattro settimane».

Il giorno seguente al bagno pubblico è stato posato un cartello con le indicazioni del luogo di ritrovo per i bambini che frequentano il Polo Sud. Le maestre si sono inoltre presentate ai monitori ed è stata stabilita un’unica entrata che i partecipanti ai corsi possono utilizzare. I preoccupazione maggiore dei genitori del piccolo di 5 anni era che fosse stato consegnato in mani estranee.

Dal canto suo il direttore dei corsi di nuoto, Michele Cenzi, sposta il problema: «Spesso sono i genitori che non vengono a prendere i loro figli alle 11.45». Una situazione confermata da Mozzini-Vellen: «Una nostra collaboratrice ha dovuto accompagnare a casa una bambina, perché nessuno è venuto a prenderla e i genitori non rispondevano al telefono».

Matteo Cheda, dal canto suo, ammette: «Dobbiamo mettere in conto che anche gli altri possono sbagliare. Cinque collaboratrici di Polo Sud si trovavano nel punto prestabilito, dove tutti gli altri bambini sono stati consegnati da monitori e monitrici. Ma non bisogna minimizzare. Da parte nostra adotteremo le misure per evitare che errori commessi da altri creino problemi a noi e ai bambini».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
LOCARNESE
7 ore
Camionista nei guai per tutta una serie di infrazioni
Danni e utenti della strada in pericolo nel Locarnese. Ma poi è intervenuto un pedone, togliendo la chiave di avviamento
CHIASSO
12 ore
Muore sul bus da Chiasso: ma non si sa chi è
Un 75enne di identità sconosciuta è deceduto ieri a causa di un malore. Le autorità italiane cercano in Ticino
FOTO
CANTONE
13 ore
«Quel fumo nero che usciva dal portale del San Gottardo»
Ha avuto luogo oggi a mezzogiorno il ricordo delle undici persone che morirono nella galleria il 24 ottobre 2001
LOCARNO
15 ore
Il 20enne che ha sparato resta in carcere
Convalidato l'arresto del giovane dopo i fatti di via Vallemaggia
FOTO
CHIASSO
16 ore
«Un fans club a Chiasso? Non me l'aspettavo proprio»
Miglior giovane all'ultima Vuelta, Gino Mäder è "tornato" nel Mendrisiotto accolto da un fans club nato un po' per caso.
LOCARNO
1 gior
Solduno, un giovane «psichicamente instabile»
Il 20enne che ha sparato alla ex fidanzata è accusato di tentato assassinio. Chiesta una perizia psichiatrica
SOLDUNO
1 gior
È salva la 22enne, giallo sul fucile
Sparatoria a Solduno: le condizioni della giovane sono stabili. Intanto riprendono gli interrogatori
MENDRISIO
1 gior
Il car-pooling salverà Ligornetto?
Un'interrogazione del gruppo Lega-Udc-Udf propone di puntare sulla modalità condivisa
CURIO
2 gior
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
2 gior
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile