keystone
CANTONE
24.10.17 - 14:370

La sua «dipendenza dalla pubblica assistenza» le vale l'espulsione

Vani i vari ricorsi, in ultima istanza quello al Tribunale federale, per un'italiana residente in Svizzera

LUGANO - La sua «dipendenza dalla pubblica assistenza», ma anche la sua «disastrosa situazione economica», come pure il fatto di aver «interessato a più riprese le autorità di polizia e giudiziarie», sono costate care a una cittadina italiana.

Il Tribunale federale ha confermato la decisione del 26 gennaio 2016 della Sezione della popolazione del Dipartimento delle istituzioni di revocare il permesso di domicilio alla donna.

Anche l'ultimo grado di giudizio non è servito a cambiare le sorti della donna la cui espulsione era già stata valutata dal Tribunale cantonale prima e avrebbe dovuto esserlo anche dal Tribunale amministrativo. Peccato che, in quest'ultimo caso, la diretta interessata abbia dimenticato di pagare l'anticipo delle spese processuali richiestole con lettera raccomandata del 3 luglio 2017 (e che poi le era stato concesso di pagare a rate sempre tramite invio raccomandato del 14 luglio 2017).

Solo il 7 ottobre 2017 la donna si era rivolta al Tribunale federale affermando di non avere visto né trovato nella cassetta postale l'avviso di ritiro concernente l'invio raccomandato del 14 luglio 2017. Nel tentativo di ribaltare le sue sorti, la stessa aveva spiegato che i suoi familiari vivono in Svizzera e che non ha più contatti con i parenti residenti in Italia. Aveva quindi chiesto che si tenesse conto delle sue difficili condizioni di salute concedendole tempo per sistemare la propria situazione.

Motivazioni, queste, che non hanno convinto i giudici del Tribunale federale. L'interessata è stata però invitata a rivolgersi all'autorità cantonale di prime cure, la quale «nel fissarle un termine di partenza terrà adeguatamente conto della sua situazione medica e personale».

Il ricorso, di conseguenza, è stato giudicato inammissibile e la donna è stata invitata a pagare le spese giudiziarie: 200 franchi.

TOP NEWS Ticino
LUGANO
6 ore
Inchiesta ex Macello: i municipali saranno interrogati martedì
Entrano nel vivo le verifiche ordinate dal Ministero pubblico rispetto alla procedura di demolizione dello stabile.
CANTONE
1 gior
Siete pronti a riaprire l'ombrello?
Da domani in Ticino ritornano temporali e la pioggia ci accompagnerà fino a venerdì tirandoci fuori dalla zona canicola
FOTO E VIDEO
CANTONE
1 gior
Ecco qui i nuovi treni delle FLP
Presentati oggi ad Agno sostituiranno i “veterani” del 1978. Zali: «Un passo non da poco verso il futuro»
FOTO
ACQUAROSSA
1 gior
Centauro cade, la moto prende fuoco
Incidente poco prima delle 6 sulla strada cantonale, all'altezza di Lottigna
MENDRISIO
1 gior
La versione degli studenti: niente aggressione alla polizia
I presenti ai fatti avvenuti nelle prime ore di venerdì contestano la ricostruzione su ogni punto.
CANTONE
1 gior
Dal Ticino una mano al Nepal: inviati 20 concentratori d'ossigeno
L'importante donazione per contrastare il coronavirus giunge dall'associazione Kam For Sud
TENERO
2 gior
Scompare in acqua, è in pericolo di vita
Principio di annegamento al lido Mappo. Un 83enne grigionese è stato ricoverato in condizioni critiche
MENDRISIO
2 gior
Poliziotti attaccati da una ventina di giovani: due arresti
In totale sono sette le persone che sono state medicate al Pronto soccorso.
RIVA SAN VITALE
2 gior
Frontale a Riva: due feriti
Gli occupanti delle due automobili coinvolte avrebbero riportato lesioni non gravi.
CANTONE
2 gior
Tre casi di variante Delta in Ticino
Il medico cantonale Merlani e il direttore del Dss De Rosa in conferenza stampa: segui la diretta
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile