TiPress
CHIASSO
13.04.17 - 07:210

Delitto di Via Valdani, si allevia la posizione del giovane Ignorato

Si fa strada l’ipotesi di aggressione per il 24enne, ritenuto in un primo momento responsabile alla pari del padre. Rigettata l’istanza di liberazione, resterà in detenzione fino a metà maggio

CHIASSO - Si allevia la posizione di Mirko Ingnorato, il 24enne che, assieme al padre Pasquale, 52enne, partecipò nel novembre del 2015 all’omicidio del fiduciario 73enne Angelo Falconi, in un’autorimessa tra via Valdani e corso San Gottardo a Chiasso. Lo riferisce il Corriere del Ticino nella sua edizione odierna.

Le numerose perizie hanno in sostanza confermato le tesi presentate dagli accusati, secondo le quali la responsabilità materiale del crimine sarebbe esclusivamente del padre del 24enne, ipotesi avvalorata anche dall’assenza delle sue impronte sulla spranga utilizzata per colpire a morte Falconi.

Nei giorni scorsi, le autorità giudiziarie ticinesi hanno chiesto a quelle italiane di estendere i motivi dell’estradizione del 24enne al reato di aggressione. Una decisione che si traduce nell’intenzione di ipotizzare questo reato nei confronti del ragazzo. Sarà in seguito il titolare del fascicolo a decidere se - come invocato dalla difesa - rimuovere o meno l’imputazione più grave dall’atto di accusa.

Il 24enne, che si è visto rigettare un’istanza di liberazione, resterà in detenzione preventiva fino a metà maggio.

TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
LUGANO
1 ora
«Serve un nuovo Skate Park, altre pezze non hanno senso»
Le anime di ieri, Yari Copt, e di oggi, Daniele Stamerra, evidenziano i pesanti acciacchi della struttura. Alla Città, da sempre collaborativa, gli skater chiedono una nuova "area street"
FOTO
LUGANO
3 ore
Lacrime ed emozioni: fiaccolata per Matteo
Un momento di riflessione per il trentacinquenne ucciso lo scorso 17 dicembre alla pensione La Santa di Viganello. Diverse le persone presenti
LUGANO
3 ore
«Nella sezione PPD di Lugano c’è maretta»
Si è dimesso Luca Campana, membro dell’Ufficio presidenziale e responsabile comunicazione
CANTONE
5 ore
La gestione alla Cinque Fonti entra in aula con il Gran Consiglio
Raffaele De Rosa risponde alle domande dell'interpellanza di Matteo Pronzini sulla casa anziani. Ma il Parlamento rifiuta di aprire una discussione generale
CANTONE
6 ore
Dalla seconda alla prima classe? Solo se te lo dice il controllore
Il diritto di avere un posto a sedere non esiste. Anche quando i treni sono sovraffollati la valutazione spetta al personale delle FFS. Ma per chi sgarra non sempre è prevista una multa
CEVIO
10 ore
Infortunio sul lavoro, ferite gravi per un 51enne
L'uomo stava assicurando con delle cinghie alcuni tubi in pvc sul cassone di un camion, quando è caduto da un'altezza di circa tre metri
CANTONE
10 ore
Supporto allo studio e false scuole: «Come si è attivato il DECS?»
Lara Filippini e cofirmatari interrogano il Consiglio di Stato sulle prestazioni offerte dalla Clinical Pedagogy International Sagl
FOTO E VIDEO
LUGANO
14 ore
Fumo in Piazza Cioccaro, arrivano i pompieri
Nel palazzo sono in corso dei lavori di ristrutturazione
BIASCA
17 ore
«Io, perseguitato da Berna, fuggo dal Ticino»
È stato accusato di essere un trafficante d'armi. Poi l'accusa è caduta. È stato in carcere. Ora chiede giustizia. Ma qualcuno oltre Gottardo continua a legargli le mani. È la storia di Arnaldo La Scala, ticinese scambiato per siciliano.
BELLINZONA
19 ore
«I nostri giardini allagati ogni volta che piove forte»
La singolare situazione di un 44enne di Camorino e dei suoi vicini: «Il terreno da cui proviene l’acqua è comunale. Eppure da mesi nessuno fa niente». Le autorità: «Ci attiveremo»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile