tipress
CHIASSO
14.07.16 - 18:490
Aggiornamento : 20:47

IPUS verso il fallimento

Il rettore dell'istituto e altri 14 dipendenti non vengono pagati da due mesi

CHIASSO - L'Istituto privato universitario svizzero (IPUS), con sede a Chiasso, rischia il fallimento. Un'istanza in tal senso è stata inoltrata alla pretura di Mendrisio dal rettore che, assieme ad altri 14 dipendenti, non riceve lo stipendio da due mesi. A riferirlo è la Rsi.

A carico dell'istituto pendono circa 260'000 franchi di precetti esecutivi, accumulati in meno di un anno, contro i quali è stata fatta opposizione. Oltre a ciò, ora, si aggiungerebbero gli stipendi non pagati di maggio e giugno, per un ammontare di oltre 100'000 franchi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora

Lugano Airport, e se fosse una straordinaria opportunità?

Un gruppo di esperti in innovazione traccia un quadro a tinte decisamente meno fosche rispetto alle cronache più recenti: «Occorre tuttavia avere il coraggio di scelte radicali»

CANTONE
2 ore

I controlli radar «siano effettuati solo dalla Cantonale»

Una mozione di Piero Marchesi (primo firmatario) propone una modifica delle disposizioni che regolano le competenze tra i vari corpi delle forze dell’ordine

LUGANO
3 ore

Il video del ciclista arrabbiato: «Multate anche i pedoni»

Il titolare di un negozio di biciclette ha documentato la "gincana" quotidiana in centro a Lugano. Bertini: «Stiamo recuperando, mi appello al buonsenso»

FOTO
BELLINZONA
4 ore

Ecco l'albero che produce energia con il vento

Il progetto, ideato da alcuni studenti della Commercio, è stato inaugurato ieri nel Parco urbano cittadino

NOVAGGIO
5 ore

Giornata Alzheimer: «La vita accanto alla mia compagna che non ricorda più nulla»

Il 21 settembre si celebra la Giornata mondiale della "ladra dei ricordi". «Mi prendo cura della mia piccolina. Le sue carezze mi fanno sentire fortunato»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile