Rescue Media/Nicola Liver
+ 20
MENDRISIO
19.02.15 - 08:560
Aggiornamento : 10.01.18 - 10:20

Exten, i lavoratori in lotta

I dipendenti della ditta hanno interrotto la produzione dopo i tagli salariali

MENDRISIO - Con il supporto di Unia, i lavoratori dell’azienda Exten SA di Mendrisio dalle 5.00 di questa mattina hanno interrotto la produzione, rifiutando di lavorare dopo i tagli salariali annunciati. Si tratta di riduzione del 26% per i frontalieri e del 16% per i residenti, motivati con il rafforzamento del franco svizzero sull’euro.

Come spiegato, ai lavoratori non sarebbe stata data alcuna alternativa: “Se non firmi il nuovo contratto, chiudiamo la fabbrica. A partire dall’11 febbraio, i dipendenti della Exten SA sarebbero stati chiamati uno ad uno, davanti a tre rappresentanti della proprietà, per firmare i nuovi contratti di lavoro, senza nessuna possibilità di riflettere".

“Il sindacato Unia - spiega l’organizzazione - è intervenuto tempestivamente per chiedere l’apertura immediata di un confronto. La direzione ha risposto tardivamente, prendendo tempo nonostante la gravità della sua decisione e la sua rapida entrata in vigore. Nonostante la firma dei nuovi contratti, una parte importante dei lavoratori non accetta questa nuova situazione e progressivamente nasce la volontà di reagire, di mobilitarsi e di lottare per non subire questo attacco violento. E anche per riacquistare la propria dignità”.

L’assemblea dei lavoratori del 18 febbraio porta le seguenti rivendicazioni:

1)   I lavoratori e le lavoratrici della produzione della Exten SA chiedono l’immediato ritorno alla situazione contrattuale precedente, sopprimendo quindi le modifiche contrattuali  che prevedono i pesanti tagli salariali;

2)   I lavoratori e le lavoratrici della produzione della Exten SA chiedono, una volta risolto il punto 1), l’apertura di un confronto franco con la direzione dell’impresa al fine di valutare, sulla scorta di tutte le informazioni finanziarie ed economiche, i problemi, veri o supposti, dell’azienda e le sue strategie future, come anche la risoluzione delle criticità emerse nella gestione della strategia aziendale;

3)   I lavoratori e le lavoratrici della produzione della Exten SA decidono la creazione di una commissione sindacale d’impresa, per gestire i rapporti futuri aziendali, in particolare l’applicazione delle misure contenute al punto 2);

4)   I lavoratori e le lavoratrici della produzione della Exten SA chiedono che la direzione non prenda nessuna misura disciplinare nei confronti di coloro che partecipano alla misure di lotta.

Rescue Media/Nicola Liver
Guarda tutte le 24 immagini
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora

Consonni: «Siamo sconcertati»

La sentenza sul caso di mala-edilizia non ha lasciato indifferente il sindacato Ocst, che valuterà un ricorso. Duro anche l'MPS: «Indignazione e vergogna»

LUGANO
1 ora

Venti sub per 3 tonnellate di spazzatura nel lago

È questo il risultato dell'operazione "LagoPulito" svoltasi fra Ponte Tresa e Caslano

CANTONE
2 ore

Droga: 6 arrestati, un centinaio i denunciati

Lo stupefacente veniva principalmente spacciato nel Locarnese, in Vallemaggia e nel Luganese

LUGANO
3 ore

«Io prete che ha vissuto la depressione, vi racconto l’amore»

Don Luigi Verdi, classe 1958, è il fondatore della "Fraternità di Romena", in Toscana. Nella serata di oggi sarà in Ticino per parlare della sua resurrezione: «Le tecnologie ci hanno rincoglioniti»

LUGANO
4 ore

Il caso «più grave di sempre» si è sgonfiato

Mala-edilizia, la sentenza a sorpresa: tutti prosciolti gli imputati nel processo Consonni

CANTONE
5 ore

Le polizie comunali sono sotto-dotate

È quanto è emerso, tra le altre cose, dalla Conferenza cantonale sulla sicurezza organizzata dal Dipartimento delle istituzioni

CANTONE
5 ore

Forti piogge, allerta alla diga del Sambuco

Il bacino in Val Lavizzara a rischio sfioro nelle prossime 12 ore. Attesi aumenti improvvisi anche per i fiumi Maggia e Bavona

MONTECENERI
8 ore

Investita di fronte alla stazione

Sul posto Polizia e Pompieri

VIDEO
LOCARNO
9 ore

Dal Ticino un’idea che potrebbe rivoluzionare la sicurezza stradale

Si tratta di un sistema che informa i conducenti sull’intensità della frenata dei veicoli. In modo da reagire tempestivamente ed evitare i tamponamenti

CANTONE / CONFINE
10 ore

«Niente da dichiarare». Ma con 50mila euro nelle mutande

Multa salata per una coppia fermata dai finanzieri italiani

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile