Foto d'archivio (Keystone)
CANTONE
25.08.14 - 16:070
Aggiornamento : 23.11.14 - 22:09

"Non accompagnate i vostri figli a scuola in macchina"

I dieci consigli dell'ATA per un percorso casa-scuola sicuro ed ecologico

BELLINZONA - Il 1° settembre è ormai alle porte. Le scuole si riaprono e un nuovo anno scolastico ha inizio. Oggi l'ATA, l'Associazione traffico e ambiente, ha diramato un comunicato stampa in cui si invita i genitori a insegnare ai loro figli di fare a piedi il percorso fra casa e scuola. "Solo così possono impararre a muoversi sicuri nel traffico" si legge nella nota. 

Sono tanti i genitori che, invece, preferiscono accompagnare i loro figli a scuola in macchina. Vuoi perché il traffico motorizzato aumenta costantemente (217.829 le auto in circolazione in Ticino, 4,3 milioni in tutta la Svizzera), vuoi perché le sedi scolastiche si concentrano sempre più nei centri urbani e si abbandonano quelle periferiche, sono sempre di più i genitori che accompagnano in macchina i loro figli a scuola. "Tuttavia, i genitori-taxi non fanno un favore ai propri figli", osserva l'ATA. "In auto i bambini non acquisiscono quelle competenze che permettono loro di muoversi nel traffico e queste capacità sono poi necessarie anche nel tempo libero".

L'ATA, consapevole dei pericoli del traffico, ritiene molto importante per lo sviluppo sociale e individuale fare a piedi il percorso casa-scuola: "i bambini imparano a comportarsi in modo adeguato con gli adulti e a risolvere i conflitti coi coetanei. Inoltre, le manovre dei genitori-taxi davanti alle scuole finiscono per mettere in pericolo altri bambini".

L'ATA indica le tappe che dovrebbero permettere ai bambini di apprendere il percorso casa-scuola:

"In una prima fase i genitori dovrebbero accompagnare i loro figli a scuola a piedi. Un'altra soluzione è il «pedibus», già sperimentato da anni con successo anche in Ticino. I bambini si recano a scuola a piedi in gruppi, accompagnati da un adulto. Il «pedibus» segue tracciati fissi e ha un orario. I bambini possono aggregarsi al gruppo alle apposite fermate (www.pedibus.ch). Se il percorso casa-scuola presenta difficoltà o pericoli eccessivi, è bene rivolgersi al proprio Comune. Spetta ai Comuni assicurare dei percorsi casa-scuola sicuri, per esempio con l’adozione di piani di mobilità scolastica (http://www4.ti.ch/dss/dsp/upvs/progetti/alimentazione-e-movimento/meglio-a-piedi)".

I 10 consigli dell’ATA per un percorso casa-scuola sicuro:

1.    Scegliete il percorso più sicuro e non quello più breve.

2.    Fate diverse volte il percorso col vostro bambino già prima dell'inizio delle scuole.

3.    Discutete col bambino le situazioni pericolose che possono presentarsi, in modo che possa riconoscerle.

4.    Se le condizioni del traffico non permettono che il bambino vada da solo, accompagnatelo a piedi fino alla scuola. Col tempo imparerà a fare il tragitto da solo.

5.    Vestite il bambino con abiti ben visibili (vestiti chiari e materiali catarifrangenti).

6.    Fate in modo che il bambino abbia abbastanza tempo per il percorso casa-scuola e non debba affrettarsi perché in ritardo.

7.    Insegnate al bambino che non deve fidarsi di adulti sconosciuti e seguirli.

8.    Se possibile, è meglio se il bambino può andare a scuola insieme ai compagni.

9.    In caso di difficoltà, è bene se il bambino ha dei punti di riferimento, rispettivamente persone a cui rivolgersi (per esempio la cassiera del negozio di paese, una casa dove il bambino può eventualmente chiedere aiuto).

10.    Skateboard, pattini a rotelle Inline e attrezzi simili non sono adatti per il percorso casa-scuola.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Ticino
CANTONE/SVIZZERA
6 ore
«Avere figli è considerato un “problema” delle donne»
Daria Pezzoli-Olgiati è riuscita ad affermarsi come lavoratrice e mamma ma reclama un cambiamento di mentalità.
FOTO
MUZZANO
8 ore
Dopo la caduta, riparte dal cavallo la riabilitazione di Sonia
Momenti emozionanti stamattina quando la nota marciatrice di Gaggio ha ripreso confidenza con sella e briglie.
CANTONE
8 ore
Coronavirus a scuola: «No al tampone agli asintomatici»
Se due allievi della stessa classe risultano positivi, tutti i compagni restano a casa: «Non si testa chi non ha sintomi»
CANTONE
9 ore
Copernicus Holding SA e Finpartner uniscono le forze
L'accordo porta alla creazione di una boutique di riferimento nel Wealth Management in Ticino e in Svizzera.
MENDRISIO
12 ore
L'acqua momò è potabile
Le Aziende industriali di Mendrisio rassicurano la popolazione sul pesticida clorotalonil
CANTONE
12 ore
Idrossiclorochina: «Mai applicare il fai-da-te con i medicamenti»
La richiesta di Plaquenil si è alzata a partire da marzo. Ma negli ultimi due mesi è tornata ai livelli pre-Covid.
BELLINZONA
14 ore
Paglia non pervenuto
Sorpassi di spesa: è arrivato l'esito dei due audit. Nessuna rilevanza penale, ma il municipale resta dimezzato
FOTO
CANTONE
14 ore
Mangia l'Amanita, luganese in coma
L'uomo ha ingerito delle muscarie. Ora si trova ricoverato al Civico di Lugano
VEZIA
16 ore
Volo di tre metri mentre taglia la siepe
Ferito un giardiniere 50enne del Luganese.
LOSONE
16 ore
Covid-19 alle Medie di Losone, revocata la quarantena di classe
Il provvedimento non è più ritenuto necessario. Ma altri compagni valuteranno se sottoporsi al tampone
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile