Immobili
Veicoli
Deposit
CANTONE
17.01.22 - 14:580
Aggiornamento : 15:48

Ticino (e Moesano) terreno fertile per la malattia del legionario

A favorire la diffusione di questa patologia polmonare vi sarebbero fattori ambientali (come l'inquinamento).

L'UFSP ha rilevato che il numero di casi è più che quintuplicato negli ultimi due decenni. Il Ticino guida la graduatoria con 15,8 casi ogni centomila abitanti.

BELLINZONA - Ticino - Leventina esclusa - e Moesano sono degli "hot spot" per quel che concerne la legionellosi. La composizione della popolazione e fattori ambientali come l'inquinamento atmosferico sembrano influenzare la frequenza della malattia. Lo indica l'Ufficio federale della sanità (UFSP) nel suo ultimo bollettino, precisando che analisi più dettagliate sono necessarie.

Ricercatori dell'Istituto svizzero di salute pubblica e tropicale (Swiss TPH), hanno analizzato su incarico dell'UFSP la distribuzione geografica dei casi di legionellosi segnalati negli ultimi anni. La malattia è un'infezione polmonare causata da un batterio chiamato Legionella.

L'infezione non si trasmette da persona a persona, ma tramite flussi d'aerosol. La Legionella è presente in natura in quasi tutti gli ambienti acquatici. Poiché i batteri prosperano principalmente nell'acqua stagnante tra 25° e 45° C, si trovano anche nei sistemi di distribuzione dell'acqua creati dall'uomo, come le docce e le vasche idromassaggio.

Il numero di casi di questa malattia è più che quintuplicato negli ultimi due decenni ed è più che raddoppiato negli ultimi dieci anni, raggiungendo un picco di 567 casi nel 2018. Anche la maggior parte dei Paesi europei ha registrato un aumento dei casi, ma la Svizzera è uno dei più toccati. Il numero di segnalazioni, che sono più elevate alla fine dell'estate, è poi sceso nel 2019 (530 casi) e nel 2020 (435).

Tra gennaio 2017 e dicembre 2020, periodo considerato dallo studio, sono stati registrati 1603 casi certi o probabili di legionellosi. La malattia ha colpito principalmente gli uomini (69,1%). L'età media era di 65 anni. Al momento della segnalazione, la maggior parte dei malati (88,6%) era ricoverata in ospedale e 73 pazienti (4,6%) erano già deceduti.

Durante la ricerca è stata constatata, in Svizzera, una forte disparità regionale. Il cantone più colpito è il Ticino, con 15,8 casi ogni 100'000 abitanti. A livello di distretti, è quello di Lugano il più toccato (22,9/100'000 abitanti), ma sette degli otto distretti del Ticino e la regione Moesa nei Grigioni sono stati definiti «hot spot». Nella Svizzera orientale, invece, il tasso è inferiore al previsto.

La composizione della popolazione - in particolare l'età media, la densità di urbanizzazione e la situazione socio-economica - sembra influenzare il numero di casi. Nei distretti in cui il livello socio-economico medio era basso è stato osservato un numero di casi superiore del 40%. Ciò potrebbe spiegarsi con la presenza più frequente in queste regioni di fattori a rischio, come il fumo e le malattie croniche.

Lo studio mostra anche un chiaro legame tra l'inquinamento atmosferico e la malattia: dove la densità di polveri sottili inferiori a 2,5 μm è maggiore di 1,9 μg/m3 si verifica il 56% di casi in più. Secondo l'UFSP, il legame con l'inquinamento e quello con gli "hot spot" meriterebbero analisi più dettagliate.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Nmemo 4 mesi fa su tio
Chi risparmia energia non scaldando l’acqua a più di 60 gradi per almeno un quarto d’ora al giorno si pone al rischio legionella. Risparmiare energia è uno “slogan verde” al quale nessun venditore rinuncia. Può essere un danno per la salute.
Gus 4 mesi fa su tio
La Leventina è la regione più salubre del Ticino. Ovvio, la popolazione è costretta ad andarsene, perché il Cantone non fa assolutamente niente per metterci mezzo posto di lavoro (uffici cantonali, scuole e servizi). E analogamente La Posta, le FFS.
Ala 4 mesi fa su tio
Sarete anche diventati specialisti infettivologi ma questo non vi esime dall'essere corretti e precisi nelle vostre informazioni!!!!! La trasmissione tra persona e persona è possibile ma estremamente rara!! Il contatto avviene principalmente con l'inalazione di goccioline di aerosol contenenti i batteri della legionella. Tali aerosol si formano soprattutto durante le docce. Le legionelle NON si annidano nelle vasche da bagno, si trovano laddove l'acqua ristagna all'interno delle condotte dell'acqua (soprattutto calda) e dei rubinetti e quando le temperature non raggiungono almeno i 60°C o più con una certa frequenza. In pratica tutti gli impianti nuovi vittime del terrorismo ambientale che vuole la temperatura dell'acqua ridotta a fini di risparmio energetico. Poi si è ovviato aggiungendo sistemi di surriscaldamento dei bollitori che sono però inutili nel caso di condotte contaminate (soprattutto zincate) vecchie o lunghe. I batteri della legionella sono naturalmente presenti negli acquedotti. In Ticino alcuni acquedotti sembrano essere più soggetti, vi è poi la vetustà degli impianti privati ed il loro stato di manutenzione. Il fattore inquinamento è secondario e sembra che statisticamente aumenti leggermente la predisposizione di alcuni soggetti ad ammalarsi. Le vere cause, come detto, vanno però ricercate altrove. Visto che volete essere paladini della salute pubblica almeno un minimo di precisione, perbacco!
cle72 4 mesi fa su tio
@Ala Concordo pienamente su quanto scritto. Fare terrorismo mediatico, sembra stia diventando un passatempo comune.
dan007 4 mesi fa su tio
Controlli più severi
Ala 4 mesi fa su tio
@dan007 controlli di cosa? non esiste un ente che effettua i controlli sull'acqua nelle abitazioni ...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
Ladri "elettrizzati" fanno incetta di bici (e di denunce)
Nei primi mesi del 2022 la Polizia cantonale ha ricevuto parecchie denunce per furti di biciclette.
LUGANO/BELLINZONA
8 ore
"Vestito nuovo" per l'escape in centro
Il progetto ticinese cresce e si espande. E dopo Zurigo arriva anche a Zugo e Lucerna
CANTONE
10 ore
Imposta di circolazione: i deputati accelerano
Firmato oggi in Commissione Gestione il rapporto di minoranza. Il Parlamento voterà a giugno
LUGANO / UCRAINA
12 ore
A Lugano «per ricostruire l'Ucraina»
All’evento sul Ceresio parteciperanno una quarantina di Stati e diciotto organizzazioni internazionali.
CONFINE/CANTONE
14 ore
Violentate e costrette a prostituirsi in Ticino. Tre arrestati
Gli uomini finiti in manette sono accusati anche di spaccio di droga.
CANTONE
15 ore
Pensionati del Cantone: «Decisione scandalosa»
Il Vpod promette un autunno "caldo" di proteste contro i tagli alle rendite
ROSSA (GR)
16 ore
Trovato morto un escursionista dato per disperso
L'uomo ieri non si era presentato al lavoro. È precipitato da una parete rocciosa sopra il Lagh de Calvaresc.
LAMONE
17 ore
Poliziotti sotto indagine: «Diamo massima fiducia. L'inchiesta è chiusa»
Il Municipio di Lamone e la Commissione intercomunale della Polizia del Vedeggio si esprimono sugli agenti indagati.
CANTONE/UCRAINA
19 ore
Ricostruire l'Ucraina, partendo da Lugano? «Va fatto nel modo giusto»
L'appello delle Ong svizzere al Consiglio federale: «Non decidano solo i Governi, si ascoltino le popolazioni colpite»
CANTONE
20 ore
Covid, terapie intensive vuote
È la prima volta da oltre 10 mesi. Negli ospedali ticinesi restano ricoverate 43 persone
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile