Immobili
Veicoli
deposit
LOCARNO
29.12.21 - 06:000

In settimana bianca col Covid, i positivi sono almeno quindici

La testimonianza di un genitore: «Contagi anche in famiglia».

Il Decs: «Sarebbe potuto avvenire anche in classe, impossibile azzerare i rischi di contagio».

LOCARNO - Da settimana bianca a settimana in quarantena il passo è stato breve. Almeno per le quattro classi delle medie di Locarno 2 partite domenica 19 dicembre per Lenzerheide, nei Grigioni.
 
La vicenda è in parte già nota: uno dei 65 giovani saliti sul bus già durante il viaggio presentava sintomi sospetti. All’arrivo viene tamponato e con lui il ragazzo che gli era seduto affianco. Risultato: positivi. Le famiglie dei due ragazzi, contattate dalla scuola, recuperano i figli in tarda serata.
 
La sera stessa la direzione scolastica contatta il medico cantonale e per precauzione si organizza un test PCR salivare a tappeto da effettuare il martedì mattina. Il martedì sera arrivano i risultati: «Iniziano a spuntare altri positivi. Al momento sarebbero diversi», ci raccontava la mamma di uno dei ragazzini coinvolti. Tutti gli studenti pare abbiano avuto un decorso lieve della malattia, hanno fatto le feste a letto, isolati, ma non sono stati male.

Il DECS ci conferma che sui 63 allievi testati martedì mattina, gli allievi risultati positivi erano 9 emersi alla sera, ai quali si sono aggiunti ulteriori 4 casi comunicati dal laboratorio il mercoledì. «Purtroppo ora si stanno ammalando anche dei genitori - prosegue la mamma -. Speriamo che non ci sia ad attenderli una forma grave di questo virus. Certo è che, viste le feste imminenti, tutto questo si sarebbe potuto evitare».
 
L'invito al tampone e la quarantena – A seguito dei casi positivi, la direzione scolastica ha intimato «su delega dell'Ufficio del medico cantonale» una quarantena dal 22 al 31 dicembre compresi per tutti i compagni di classe degli allievi risultati positivi, eccezion fatta per gli allievi asintomatici vaccinati o guariti. Nello scritto i familiari sono stati invitati a far testare i propri figli «idealmente a partire dal quinto giorno dopo l'ultimo possibile contatto (lunedì 27 dicembre) presso il proprio medico curante o presso una farmacia autorizzata e di comunicarne l'esito alla direzione scolastica». «Per quanto riguarda la sua famiglia - viene aggiunto -, la misura della quarantena riguarda unicamente suo/a figlio/a». Questo significa che gli altri membri della famiglia non sono in quarantena e «possono pertanto continuare la propria vita normalmente».
 
Ma cosa ne pensa il Decs di questa situazione? I contagi erano evitabili? «L'attuale situazione pandemica rende impossibile azzerare i rischi di contagio, a scuola come in qualunque altro luogo», ci rispondono dalla direzione del Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport. «Detto ciò, la direzione della Scuola media di Locarno 2 ha organizzato la settimana bianca attenendosi alle indicazioni dipartimentali, concedendo l'accesso unicamente agli allievi non in isolamento, non in quarantena, privi di sintomi e raccomandando caldamente di effettuare un test prima della partenza. Si è dunque fatto affidamento anche sulla responsabilità individuale di tutti i partecipanti alla gita per partire con i migliori presupposti».

Qualcuno ha viaggiato senza indossare le dovute protezioni?
«Tutti gli allievi hanno viaggiato indossando una mascherina, come da piano di protezione, e alloggiavano suddivisi in camere separate, in modo che i gruppi a stretto contatto durante la notte e i pasti, momenti senza mascherina, fossero stabili. Sono state dunque prese le precauzioni ragionevoli necessarie per minimizzare i rischi di portare persone positive in gita o diffondere un eventuale contagio in loco».

È vero che il bus ha viaggiato con un ragazzo positivo?
«Un allievo ha presentato sintomi durante il viaggio. Indossava la mascherina. Testato all’arrivo è risultato positivo ed è stato pertanto posto in isolamento e poi immediatamente rimandato a casa.

Vista la situazione non poteva essere meglio annullare la gita?
«Riconfermiamo che i presupposti per effettuare la gita con rischi molto contenuti erano dati. Altre gite avvenute nelle settimane precedenti utilizzando piani di protezione analoghi, una delle quali di un'altra scuola media nel medesimo luogo, si sono svolte con successo e senza alcun problema. In questo caso il virus si è purtroppo diffuso prima che lo si potesse identificare».

Come è stato gestito il focolaio?
«Al momento dell'emergere del primo caso positivo, la direzione della scuola, supportata dalle autorità sanitarie del Canton Ticino e del Canton Grigioni, ha reagito come da protocollo, con calma e professionalità. Tenuto conto dei numerosi casi di persone positive segnalate negli ultimi giorni, è altamente verosimile che quanto avvenuto a Lenzerheide sarebbe comunque purtroppo avvenuto anche se gli allievi fossero stati a scuola a Locarno, oltretutto con la possibilità di contagiare direttamente i familiari nei momenti di vita quotidiana. Abbiamo sempre voluto garantire la scuola in presenza, prendendo tutte le precauzioni del caso, sia per dare agli allievi un'educazione il più possibile ordinaria, sia per continuare a dare loro dei contatti sociali tra pari. Purtroppo il rischio di contagiarsi e restare qualche giorno in isolamento o di essere posti in quarantena non può essere escluso del tutto, a scuola, durante le uscite o nel resto della società, malgrado tutte le precauzioni che si possono prendere e che vengono prese in tutte le circostanze».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / URI
31 min
L'Ascensione mette alla prova la pazienza dei conducenti
Malgrado la recente apertura del passo le code raggiungono già i sei chilometri con attese di circa un'ora.
CUGNASCO GERRA
3 ore
Dieci anni dopo, in memoria di Alan
Giubileo per la Birra Bozz. Il titolare Richy Bozzini porta avanti il sogno del fratello, morto di cancro alle ossa.
FOTOGALLERY
BEDRETTO
5 ore
Il Passo della Novena è uscito dal letargo invernale
La strada che collega Bedretto a Ulrichen è stata riaperta questa mattina alle nove.
CANTONE
9 ore
Ladri "elettrizzati" fanno incetta di bici (e di denunce)
Nei primi mesi del 2022 la Polizia cantonale ha ricevuto parecchie denunce per furti di biciclette.
LUGANO/BELLINZONA
15 ore
"Vestito nuovo" per l'escape in centro
Il progetto ticinese cresce e si espande. E dopo Zurigo arriva anche a Zugo e Lucerna
CANTONE
17 ore
Imposta di circolazione: i deputati accelerano
Firmato oggi in Commissione Gestione il rapporto di minoranza. Il Parlamento voterà a giugno
LUGANO / UCRAINA
19 ore
A Lugano «per ricostruire l'Ucraina»
All’evento sul Ceresio parteciperanno una quarantina di Stati e diciotto organizzazioni internazionali.
CONFINE/CANTONE
21 ore
Violentate e costrette a prostituirsi in Ticino. Tre arrestati
Gli uomini finiti in manette sono accusati anche di spaccio di droga.
CANTONE
23 ore
Pensionati del Cantone: «Decisione scandalosa»
Il Vpod promette un autunno "caldo" di proteste contro i tagli alle rendite
ROSSA (GR)
1 gior
Trovato morto un escursionista dato per disperso
L'uomo ieri non si era presentato al lavoro. È precipitato da una parete rocciosa sopra il Lagh de Calvaresc.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile