Immobili
Veicoli
screenshot youtube
FAIDO
27.11.21 - 23:090
Aggiornamento : 28.11.21 - 15:30

«Da sola non ce l'avrei mai fatta»

Morena Pedruzzi racconta la lunga strada per uscire dall'incubo dell'attentato di Marrakesh

Parla la ticinese sopravvissuta all'attentato terroristico del 28 aprile 2011. E ringrazia tutta la comunità che le è stata vicina

FAIDO - «È stato un taglio netto con tutta la mia vita di prima. La quotidianità, la normalità. È finito tutto». Quel 28 aprile del 2011, a Marrakesh finiva la storia di 17 persone, e iniziava la nuova vita di Morena Pedruzzi. 

Una vita fatta di ospedali, operazioni, terapie. Un «lento ritorno alla normalità» che la sopravvissuta ticinese alla bomba del caffè Argana ha raccontato in un libro, "Risollevarsi", edizioni IET 2021, presentato oggi a Faido. È il primo incontro pubblico a cui la 37enne ha preso parte, e un pubblico numeroso si è riunito nell'aula magna delle Scuole di Faido (pienissime) e sui canali social e web che hanno trasmesso in diretta l'incontro. 

Perché l'attentato terroristico che sconvolse il Ticino è stato una tragedia personale per Pedruzzi, per le tre vittime della comitiva ticinese, Corrado Mondada, Cristina Caccia e André Da Silva Costa, e le loro famiglie. Ma anche una tragedia collettiva. «È diventata una storia di tutti» anche se, dice Pedruzzi, «forse io non potrò mai capire come il Ticino l'ha vissuta, allora, perché non c'ero, ero da un'altra parte, su un altro binario». 

Il binario di Pedruzzi l'ha portata dalle macerie di Marrakesh all'ospedale di Zurigo, dove è stata curata nei primi giorni e seguita nel lungo percorso post-trauma. «È stato molto difficile, sono ripartita da zero anzi da meno di zero. Sono giorni che è difficile dimenticare e che da qualche parte nella mente durano più di 24 ore, ti restano dentro» ha raccontato la 37enne, che ha voluto ringraziare pubblicamente i famigliari presenti in sala. «Tanti mi dicono che sono stata forte. La verità è che da sola avrei esaurito presto le mie energie, sono grata di avervi avuti accanto». 

Pedruzzi ne ha approfittato per ringraziare tutta la comunità, «il mio datore di lavoro, ma anche i datori di lavoro dei miei famigliari, che hanno permesso loro di starmi vicino, e tutti gli amici e le associazioni e le persone che sono stati loro affianco. Non è scontato. Tante persone hanno dato loro forza e normalità, in modo che potessero venire a trovarmi in ospedale con l'energia necessaria». 

Al recupero fisico si è accompagnato - forse ancora più difficile - quello psicologico. Pedruzzi porta ancora nel corpo e nella mente le cicatrici dell'esplosione. E ne parla con serenità. «Ne ho diverse, una in particolare, per fortuna non troppo visibile. Storta, malfatta. Ma non sento più il bisogno di metterla a posto, ha assunto un significato: non per forza qualcosa che si rompe è da buttare e non va bene, anzi magari è ancora più prezioso». 

Prezioso come una testimonianza doverosa, e da molti attesa. «L'affetto della gente mi continua a stupire. Anche quando ero in ospedale, i miei genitori me lo dicevano: tu non puoi capire cosa sta succedendo in Ticino. Tante persone dicono di vedere in me un esempio, di ricevere energia positiva, e chiaramente mi fa molto piacere». Dopo il ritorno al lavoro di ergoterapista - «è stato importantissimo per me, non vedevo l'ora: i bambini mi hanno aiutata tanto» - il passo di condividere la propria esperienza tramite un libro è stato, forse, il culmine della terapia. «Mai avrei pensato, prima, di scrivere un libro. Non sono una scrittrice. Ma poi ho capito che i libri li scrive chi ha qualcosa da raccontare». 

E di cose da raccontare Pedruzzi ne ha tante. Ma una non la racconta: la rabbia. A una domanda del pubblico, la 37enne ha ammesso di averne provata. «E tanta. Un'incazzatura tremenda, infinita». Ma con il tempo ha imparato - e forse questa è la sua lezione più importante - a trasformarla in qualcosa di positivo. «Nell'energia per tornare a vivere».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CHIASSO
47 min
«Insultata e minacciata solo per aver svolto il mio lavoro»
Finita più volte al centro di un polverone mediatico, la dottoressa Mariangela De Cesare ha voluto “vuotare il sacco”.
FOCUS
2 ore
I detenuti che non vogliono uscire
Il reinserimento sociale è un problema, per chi è dietro le sbarre. Tanto che molti preferiscono rimanerci
LUGANO
2 ore
«Non era il pianto di mia figlia»
Una 90enne luganese vittima dei "falsi poliziotti". Racconta come ha morso la foglia
CANTONE
15 ore
«Una relazione moralmente inappropriata, ma legale»
«Si è trattato di una relazione consenziente, e lei aveva 16 anni», si è giustificato il Governo.
CANTONE
20 ore
«Nessun allarme diossina in Ticino»
A differenza del Canton Vaud, in Ticino i valori nel terreno di questi composti sono sotto il livello di guardia.
MENDRISIO
21 ore
Truffano un'anziana, fermati con 40mila franchi
I "falsi poliziotti" tornano a colpire in Ticino. La Polizia mette in guardia
CANTONE
22 ore
Diciotto nuove sezioni in quarantena
Nelle ultime 24 ore si registrano poco più di mille contagi e nessuna vittima dovuta al Covid
CANTONE
1 gior
«Dopo 20 anni di lavoro, mi hanno lasciato a casa con una videochiamata»
La testimonianza di un ex quadro di UBS, "vittima" della riorganizzazione prevista dalla banca.
CONFINE
1 gior
Frontalieri con il reddito di cittadinanza
Nuovi furbetti smascherati dai finanzieri del luinese
CANTONE
1 gior
«Contact tracing: così è ridicolo»
Duro attacco della dottoressa Daniela Soldati, ex direttrice della Santa Chiara di Locarno, al sistema di tracciamento.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile