Immobili
Veicoli
Imago
CANTONE / SVIZZERA
11.11.21 - 19:030
Aggiornamento : 21:11

Vende della merce online, tentano di truffarla

Una giovane ticinese è stata contattata via WhatsApp dopo aver pubblicato delle inserzioni su tutti.ch

I finti acquirenti le facevano pressione perché inserisse i dati della sua carta di credito su un presunto portale della Posta

BELLINZONA - «Sono interessato alla sua merce, ma non posso passare a ritirarla. Ho già effettuato il pagamento. Per ricevere i soldi deve soltanto inserire i dati della sua carta di credito sulla piattaforma online della Posta che le mando». Queste sono le indicazioni, scritte in tedesco, che una giovane ticinese ha ricevuto in risposta a un suo annuncio pubblicato sul portale tutti.ch. Ma lei si è insospettita e ha interrotto i contatti. Ha fatto bene: si trattava infatti di un tentativo di truffa.

I messaggi su WhatsApp - «Due persone mi hanno contattata via WhatsApp, dicendosi interessate a degli articoli: delle videocassette e un paio di cuffie» ci racconta la venditrice. Erano messaggi provenienti da un numero tedesco e da uno portoghese. «Mi hanno spiegato - continua - che non potevano venire a ritirarli a casa mia, dicendomi però che si sarebbero occupati loro della spedizione». Entrambi sostenevano infatti che avrebbero organizzato un corriere. «Tra l'altro, senza chiedermi nemmeno l'indirizzo».

Un presunto portale della Posta - E per quanto riguarda il pagamento? «Sostenevano di aver versato i soldi per la merce tramite “un sito sicuro della Posta” e che per completare la transazione io avrei dovuto aprire il link che mi avevano inviato e inserire i dati della mia carta di credito, e avrei avuto soltanto poche ore per farlo». A questo punto la giovane ha dunque smesso di rispondere. Ma loro hanno continuato a insistere, invitandola anche a fare riferimento al servizio chat disponibile sul sito sospetto. «La loro irritazione aumentava man mano che diventava loro chiaro che non avrei inserito la mia carta di credito».

La truffa va denunciata - La truffa è nota a tutti.ch, come ci conferma la portavoce Patrizia Negri. «Purtroppo - aggiunge - siccome quasi sempre i venditori vengono contattati tramite WhatsApp e quindi al di fuori della nostra piattaforma, sfortunatamente non possiamo fare molto per evitare questi tentativi di truffa». Sul sito è stato pubblicato un avviso rivolto agli utenti, che appare quando viene effettuato il login. E viene consigliato di effettuare le comunicazioni con gli acquirenti «direttamente tramite il nostro sistema di messaggistica» e «di contattare il nostro servizio clienti in caso di dubbi». Se invece si viene ingannati, l'invito è di contattare immediatamente l'istituto emittente della carta di credito per bloccarla e di sporgere denuncia in polizia.

Anche la Posta vittima dei criminali - In questo come in molti altri casi, i truffatori cercano di ottenere la fiducia delle vittime sfruttando il marchio della Posta. «Purtroppo capita spesso: siamo così vittima dei criminali, proprio come le persone coinvolte» ci dice Erich Goetschi, portavoce del gigante giallo. E aggiunge: «In linea di principio la Posta non chiede mai ai propri clienti di trasmettere dati personali come password o numeri di carta di credito per telefono, SMS o e-mail, né richiede un importo di denaro che dovrebbe generare il recapito a domicilio del pacco o dell'invio».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CONFINE
4 ore
Frontalieri italiani, l'accordo avanza
La commissione economia e tributi del Nazionale promuove la riforma fiscale (quasi) all'unanimità
CANTONE
7 ore
La marcia di chiusura dei Centri vaccinali: «Affrettatevi ad iscrivervi»
Il rallentamento delle richieste ha portato le autorità a ridimensionare progressivamente il dispositivo
CANTONE
9 ore
Identikit dell'astensionista ticinese
Chi è, che lavoro fa, cosa ha votato e perché non vuole votare più. Lo studio dell'Università di Losanna
BELLINZONA
10 ore
La capitale è ancora più grande
A fine 2021 sotto l'ombra dei Castelli abitavano 44'530 persone, ovvero 474 in più rispetto a un anno prima.
CANTONE
11 ore
Altri due decessi in Ticino, dieci nuove quarantene nelle scuole
Negli ospedali si contano quattro Covid-pazienti in meno, per un totale di 173.
CHIASSO
14 ore
«Insultata e minacciata solo per aver svolto il mio lavoro»
Finita più volte al centro di un polverone mediatico, la dottoressa Mariangela De Cesare ha voluto “vuotare il sacco”.
FOCUS
15 ore
I detenuti che non vogliono uscire
Il reinserimento sociale è un problema, per chi è dietro le sbarre. Tanto che molti preferiscono rimanerci
LUGANO
16 ore
«Non era il pianto di mia figlia»
Una 90enne luganese vittima dei "falsi poliziotti". Racconta come ha morso la foglia
CANTONE
1 gior
«Una relazione moralmente inappropriata, ma legale»
«Si è trattato di una relazione consenziente, e lei aveva 16 anni», si è giustificato il Governo.
CANTONE
1 gior
«Nessun allarme diossina in Ticino»
A differenza del Canton Vaud, in Ticino i valori nel terreno di questi composti sono sotto il livello di guardia.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile