foto HRS
LUGANO
27.10.21 - 08:010
Aggiornamento : 13:26

Martin Kull, chi è l'imprenditore che costruirà (forse) lo stadio di Lugano

Chi è l'imprenditore che realizzerà il Polo Sportivo, votazione permettendo? Lo abbiamo intervistato.

Martin Kull ha trasformato un'azienda familiare nel secondo colosso dell'edilizia elvetica. Sta investendo nella campagna per il "sì" e promette abitazioni «a prezzi moderati».

LUGANO - Se il 28 novembre passerà il "sì" alla votazione sul Polo sportivo di Lugano, a costruirlo sarà Martin Kull. Il nome dice poco ai ticinesi. Eppure il 62enne di Frauenfeld ha firmato alcuni dei più grandi cantieri degli ultimi anni in Svizzera - tra cui lo stadio di Bienne - trasformando la sua ditta familiare nel secondo colosso delle costruzioni del paese. Il suo segreto? «L'affidabilità, e metterci la faccia» dice. «Rimaniamo un'azienda gestita dai proprietari».  

Signor Kull, è vero che si è sposato in un cantiere?
«Verissimo. Mia moglie e io siamo soci in affari. Abbiamo scelto un luogo adatto». 

È cresciuto in una fattoria in Turgovia, in mezzo al verde. Ma non è molto amato dai Verdi, almeno a Lugano. È un nemico della natura?
«L'ecologia è fondamentale in ogni progetto immobiliare oggi. Ci impegniamo molto più di tante altre aziende nel costruire adottando le metodologie ecosostenibili più moderne. E questo è anche uno dei motivi per cui abbiamo successo». 

Cosa ne pensa della città di Lugano? Alcuni dicono che c'è troppo cemento. 
«Lugano è senza dubbio una delle città più affascinanti d'Europa. La posizione è straordinaria e l'atmosfera ticinese rende Lugano "the place to be"».

I toni della campagna referendaria si stanno scaldando. I contrari parlano di speculazione. 
«A mio avviso la campagna si sta svolgendo con la massima correttezza e ognuno espone i propri argomenti. Il progetto del Pse ha senso sotto tutti i punti di vista, ed è di fondamentale importanza per la popolazione luganese. Lugano è un'importante città svizzera e necessita finalmente di una valida infrastruttura sportiva». 
 
Per la Città il progetto non è realizzabile, senza coinvolgere i privati. Per voi lo Stadio non è un investimento interessante, senza la parte immobiliare?
«Dobbiamo essere consapevoli che grandi infrastrutture sportive possono essere costruite sostanzialmente solo attraverso un finanziamento misto, ad esempio una combinazione di abitazioni, uffici e strutture sportive, come a Lugano. In tal modo i costi sono sostenibili per tutte le parti coinvolte». 

Si teme che saranno abitazioni fuori mercato. Troppo costose.
«I prezzi saranno moderati e orientati al mercato»

Avete costruito stadi in altre città svizzere. Quello di Lugano è un osso particolarmente duro?
«Non direi. Siamo stati confrontati più volte con votazioni, l'ultima volta a Zurigo. Ritengo assolutamente sensato che simili progetti siano legittimati dal voto popolare. A Lugano la particolarità è che il committente non è un privato, ma la città stessa».  

Il cantiere avrà un indotto economico sul territorio?
«Ovviamente costruiamo, laddove ha senso, insieme a imprese locali. Conviene anche in termini economici. Ma non sono in grado di dire quante persone lavoreranno nel cantiere e dopo, negli uffici. Bisognerebbe chiederlo alla Città». 

La Hrs sta investendo nella campagna referendaria?
«I sostenitori hanno creato un fondo in cui versano ciascuno il proprio contributo, a eccezione della Città. Hrs vi prende parte, come tante altre organizzazioni partecipanti». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
CANTONE
1 ora
Bianco risveglio in buona parte del Ticino
A San Bernardino si misurano attualmente ben 25 centimetri di neve. Un centimetro anche a Lugano.
CANTONE / SVIZZERA
4 ore
Tre temi federali e il PSE: ancora poche ore per votare
Fino a mezzogiorno sarà possibile recarsi alle urne per esprimere la propria opinione sui tre oggetti federali.
FAIDO
13 ore
«Tanta rabbia, da sola non ce l'avrei fatta»
Morena Pedruzzi racconta la lunga strada per uscire dall'incubo dell'attentato di Marrakesh
FAIDO
18 ore
Marrakesh, il racconto dieci anni dopo
Morena Pedruzzi è l'unica sopravvissuta ticinese all'attentato terroristico del 2011. Si racconta in un libro
CANTONE
20 ore
L'Udc non parla con la Rsi
«Troppo parziale». I democentristi domani non commenteranno le votazioni ai microfoni di Comano
FOTO E VIDEO
CUGNASCO-GERRA
1 gior
Fiamme dalla canna fumaria, intervengono i pompieri
L'incendio, divampato questa mattina a Cugnasco, si è propagato anche al tetto.
RIVA SAN VITALE
1 gior
A processo per tentato omicidio
Rinviata a giudizio la 43enne che sei mesi fa accoltellò al collo il compagno.
BOSCO GURIN
1 gior
«Rabbia per l'ingiustizia subita...» da Frapolli
Fumata nera dopo gli incontri: niente sconti a maestri e bambini da parte del gestore degli impianti
CANTONE
1 gior
«Aumento delle indennità al Gran Consiglio? No, grazie»
Presentata un'iniziativa parlamentare che chiede lo stralcio dell'automatismo degli aumenti
CANTONE
1 gior
Radar, ecco dove
Come ogni venerdì la Polizia comunica le località in cui potrebbero esserci controlli della velocità.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile