Tipress
Il rettore dell'USI Erez e, a destra, il direttore generale della SUPSI Franco Gervasoni
CANTONE
22.09.21 - 09:060

Certificato Covid negli atenei, Boas Erez: «Difficili e onerosi i controlli». Gervasoni: «Noi, in linea con l'Università di Basilea»

Da uno scambio di note interne emerge lo scetticismo del rettore dell'USI per la "via" imboccata dalla SUPSI

Ma il direttore generale Gervasoni difende la scelta: «La strategia di controlli a campione che intendiamo implementare è già stata adottata anche in altri Cantoni svizzeri». In particolare cita l'esempio basilese.

LUGANO - Ormai è chiaro non esiste una sola “ricetta” per tornare nelle aule universitarie. Eppure sta creando dibattito tra allievi e docenti la diversa strategia adottata da USI e SUPSI. Questa, si fa per dire, la "vexata quaestio"...

Tornano dunque le lezioni all’Università della Svizzera italiana, ma ripartono con la «regola dei due terzi» di occupazione delle aule, fatta propria dal rettore Boas Erez. Ma riparte anche l’attività di studio e ricerca alla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana, nelle cui sedi dal 20 settembre l’accesso soggiace invece all’obbligo del Certificato Covid. La SUPSI, ha spiegato in una comunicazione interna ai colleghi lo stesso direttore generale Franco Gervasoni, procederà «già a partire dalla prossima settimana con controlli regolari a campione, svolti dal personale adeguatamente formata nel rispetto della protezione della privacy».

Due atenei, due metodi. Ed è sulla difficoltà dei controlli che fa leva invece il rettore Boas Erez, che a sua volta per iscritto a tutti «i membri della comunità dell’Usi», difende la scelta dell’Usi di non aver scelto la via del Certificato Covid obbligatorio e dei conseguenti controlli. «Bisogna sottolineare che le università che avevano scelto questa via avevano in programma di effettuare i controlli a campione. Ora, l’Ufficio federale della salute pubblica (Ufsp) ha indicato ieri che (la mail del rettore dell’USI è stata inviata venerdì 17 settembre alle 12.05, ndr) questo non è compatibile con l’Ordinanza e che i controlli devono essere effettuati sistematicamente (“lückenlos”). È chiaro che i controlli sistematici sono difficili e onerosi da effettuare e a oggi non è chiaro come le nostre consorelle intendono procedere». A scanso d’equivoci, Erez sottolinea che «la scelta della regola dei due terzi non significa che non sosteniamo la campagna di vaccinazione, anzi». L’USI, annuncia il rettore, si sta infatti organizzando per aver delle unità vaccinali sui campus, a disposizione e senza appuntamento.

Fin qui i dubbi di Erez sulla fattibilità, e soprattutto la compatibilità con l’Ordinanza federale, di verificare a campione i Certificati Covid. Dubbi su cui lo stesso direttore generale della SUPSI prende posizione con Tio/20Minuti.

Ai collaboratori la direzione ha chiesto un'autodichiarazione e procederà, dalla prossima settima, «con controlli regolari a campione». Questa modalità è compatibile con i controlli sistematici che, ricordano all'Usi, sono richiesti dall'Ufsp?
«L’impossibilità di svolgere le proprie lezioni occupando solo i 2/3 delle aule, e la contemporanea volontà di riprendere la formazione di qualità in presenza hanno portato la Direzione della SUPSI a decidere l’introduzione dell’obbligo del certificato COVID. Quale misura di sicurezza complementare - prosegue Gervasoni - abbiamo deciso anche di mantenere per ora l’obbligo del porto della mascherina negli spazi interni, misura che abbiamo imparato a conoscere come elemento protettivo particolarmente efficace alla limitazione della diffusione del Covid. La strategia di controlli a campione che intendiamo implementare è già stata adottata anche in altri Cantoni svizzeri. In particolare l’Università di Basilea, cantone in cui si è considerata adeguata l’interpretazione dell’ordinanza federale di attuare controlli a campione del certificato Covid laddove vi è l’obbligo di porto della mascherina. I controlli all’interno della comunità accademica sono già iniziati ieri. Siamo costantemente in contatto con la competente autorità cantonale allo scopo di affinare il dispositivo di controlli e renderlo il più performante e sostenibile possibile, ritenuta la specificità del contesto universitario».

Dal 20 settembre vale per tutti i collaboratori SUPSI l'obbligo del Certificato Covid per accedere alle sedi. La richiesta non vale per gli studenti che seguono la Formazione continua per classi fino a 30 partecipanti (e occupazione massima dei due terzi della capienza delle aule). Qual è il primissimo bilancio da parte di SUPSI?
«Trarre bilanci a poco più di un giorno dall’introduzione dell’obbligo di certificato è prematuro. Tuttavia molte sono state le testimonianze interne positive, che hanno apprezzato il fatto di lavorare e studiare in spazi in cui vi è un minor rischio di diffusione dei contagi ritenuto l’obbligo di disporre di un certificato valido e il contemporaneo obbligo di portare la mascherina negli spazi interni. Eravamo e siamo tutt’oggi consapevoli dei disagi che ciò possa comportare, tuttavia per permettere un insegnamento di qualità in presenza e contribuire alla tutela della salute di collaboratori e studenti siamo convinti unitamente alla maggioranza delle altre istituzioni universitarie svizzere, di aver effettuato la scelta necessaria e opportuna come raccomandato da Swissuniversities».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
uriah heep 3 sett fa su tio
Marco 17 e Rettore Usi! Comunisti !!😩😩con questa mentalità non si va da nessuna parte , solo mettere zizzania e confusione ! Bravi !!
vulpus 3 sett fa su tio
Cari signori direttori. E se evitaste di duellare sulla questione? Non fate che creare confusione tra studenti e non. Questa gara a chi è il più bravo o il più permissivo non è pagante!
lollo68 3 sett fa su tio
Si vuole imporre un certificato quando uno studio americano ha dimostrato che i giovani maschi hanno 4 volte più probabilità di morire per il vaccino che per il Covid19! La Supsi vuole prendersi questa responsabilità? Perché uno studente sano deve fare il tampone ogni 48 ore? Non sono gli asintomatici che contagiano, ultimamente sono i vaccinati!
Güglielmo 3 sett fa su tio
ma il rettore dell'USI era quello che faceva l'avvocato del diavolo per i molinari dai.... Rettore dell'USI...........
Duca72 3 sett fa su tio
Discutere l’obbligo del certificato nei posti chiusi è una perdita di tempo, presto saranno obbligati per legge. Inutile parlare di libertà personali quando si è liberi di scegliere se vaccinarsi o meno , le conseguenze devono essere accettare per rispetto delle persone più deboli.
marco17 3 sett fa su tio
@Duca72 Inutile parlare di libertà personali con chi, come te, non sa nemmeno di che cosa sta parlando.
marco17 3 sett fa su tio
Contrariamente a quanto pensa l'autore dell'articolo esiste la ricetta giusta: sopprimere l'obbligo del vergognoso certificato sanitario! E complimenti al rettore dell'USI che ha saputo resistere all'iniqua introduzione dell'apartheid sanitario.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Coronavirus in Ticino: 18 positivi e ricoverati stabili
Nelle strutture ospedaliere rimangono 7 le persone affette dalla malattia.
BELLINZONA
2 ore
Li richiami e il loro numero "non esiste"
Telefonate che arrivano da normalissimi 079, 078 o 076. Boom di recapiti "fantasma". Cosa c'è dietro?
CANTONE / GINEVRA
5 ore
Vegana in ospedale: «Mi hanno portato dal salmone alla polenta col formaggio»
Un'esperienza da dimenticare quella di P., ricoverata per quattro giorni a Ginevra.
CANTONE / SVIZZERA
11 ore
Merlot ticinesi sugli scudi al Grand Prix du Vin Suisse
Nella categoria legata a questo vitigno si sono imposti il Quattromani 2018 davanti alla Tenuta San Rocco - Porza 2018.
CANTONE
13 ore
«Una brutta faccenda di sfruttamento salariale alla ticinese»
Ghisletta punta il dito contro quei benzinai «ostili» al contratto collettivo di lavoro per chi è impegnato negli shop.
FOTO
BELLINZONA
13 ore
Scontro tra due veicoli su via San Gottardo
L'incidente, avvenuto questa sera, ha provocato solo danni materiali.
LUGANO
14 ore
Morta la vedova Zappa, appello ai creditori
Si è spenta a 67 anni una delle protagoniste della cronaca giudiziaria ticinese
MENDRISIO
16 ore
A Ligornetto «non facciamo favoritismi»
Il blocco del traffico nel quartiere ha intasato il Mendrisiotto. E innescato polemiche
FOTO
MENDRISIO
23 ore
«Oggi qualcuno sorride, ma altri piangono»
È entrato in vigore stamattina il divieto di transito attraverso il nucleo di Ligornetto. Non mancano però le lamentele.
CANTONE
1 gior
Tre nuove quarantene di classe in Ticino
Scendono a quota 7 gli ospedalizzati a causa del virus.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile