CCL contro il salario minimo: «L'azienda sta pagando il pizzo al sindacato farlocco»
tipress
+7
STABIO
09.09.21 - 15:430
Aggiornamento : 18:32

CCL contro il salario minimo: «L'azienda sta pagando il pizzo al sindacato farlocco»

La denuncia di Unia e Ocst davanti alle porte di Cebi SA: «Chi ritira i nostri volantini viene fotografato»

C'è aria di tensione in vista della sottoscrizione del CCL che, di fatto, congela gli stipendi per 5 anni a pochi mesi dall'entrata in vigore del salario minimo. I sindacati storici chiedono un intervento urgente del Governo per frenare questa tendenza.

STABIO - La tensione era palpabile, e ciò nonostante nemmeno un lavoratore si sia affacciato per assistere alla breve manifestazione di Unia e Ocst, oggi pomeriggio, di fronte ai cancelli della Cebi Micromotors di Stabio. 

L'incontro era voluto per mettere in guardia i lavoratori dal Contratto collettivo di lavoro che alcune aziende del Mendrisiotto hanno tirato fuori per, stando a Vincenzo Cicero, co-segretario di Unia, «aggirare il salario minimo che entrerà in vigore dal 31 di dicembre». Le aziende in questione sono la Plastifil a Mendrisio, Ligo Electric a Ligornetto e, ora, Cebi Micromotors.

«Atteggiamento intimidatorio» - Difficile, per i sindacalisti sul posto, anche solo distribuire dei volantini. Una telefonata svela il motivo: «Dalla direzione stanno fotografando le targhe di chi si ferma a prenderli», spiega Giorgio Fonio segretario regionale Ocst, denunciando «un atteggiamento intimidatorio che sta creando un clima di terrore tra i lavoratori». 

Il nuovo CCL - Oggetto delle tensioni, appunto, il nuovo CCL tirato fuori dal cilindro a pochi mesi dall'entrata in vigore del salario minimo. Un CCL che, stando al volantino di Unia e Ocst, «ha come unico scopo quello di eludere la volontà popolare e continuare a impoverire le lavoratrici e i lavoratori, indipendentemente dalla loro provenienza». E che sarebbe stato imposto ai lavoratori con «la minaccia di licenziamenti e delocalizzazioni». 

Tra le "peculiarità" di questo Contratto collettivo si ha innanzitutto un salario orario di 3/4 franchi inferiore ai 19 franchi l'ora previsti dalla nuova normativa. Ma non solo. Sono diversi i punti che, come sottolinea Nenad Jovanovic – vice Segretario Regionale di Ocst, lo rendono peggiorativo rispetto alle condizioni lavorative preesistenti. 

L'attacco a TiSin - Dietro a questa manovra, oltre alle aziende sopra citate c'è un sindacato, TiSin, creato un anno e mezzo fa, sostenuto da alcuni esponenti della Lega dei ticinesi, e già ribattezzato come «farlocco» da Ocst e Unia. Per i sindacati storici si tratterebbe infatti di «un'associazione padronale pagata direttamente dall'azienda». «Praticamente l'azienda paga il pizzo al sindacato. Lo sceglie e lo paga», incalza Cicero. «TiSin - prosegue - è un'organizzazione che di fatto serve ai padroni, come dimostra la scelta d firmare questi contratti collettivi aziendali che vanno a esclusivo vantaggio delle imprese. E non è un sindacato, visto che il diritto di voto non lo hanno gli associati, ma i fondatori». 

L'appartenenza politica di questi fondatori è un altro punto della discussione. «TiSin è una creatura della Lega dei Ticinesi, un partito che si è costruito politicamente istigando la popolazione ticinese contro i frontalieri additandoli come la causa di tutti i mali - si legge sul volantino -. Oggi mostrano con chiarezza la loro faccia schierandosi al fianco dei peggiori padroni che circolano in Ticino, promuovendo il dumping salariale e sociale».

La richiesta di intervento - Unia e Ocst chiedono dunque ai lavoratori di segnalare situazioni come quelle che si stanno venendo a creare, a soprattutto chiedono un «intervento politico urgente». «Il Dipartimento delle finanze e dell'economia (DFE) dice che saranno i tribunali a decidere il da farsi, ma il Governo non può nascondere la testa dentro la sabbia. Deve annullare subito questi CCL». 

tio/20minuti
Guarda tutte le 11 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
19 min
Altri 344 contagi e due decessi nel weekend
Salgono a settanta i pazienti ricoverati in ospedale. Sette si trovano nel reparto di cure intense.
LUGANO
49 min
L'acqua potabile luganese costerà di più
Il 1. gennaio 2022 la tariffa aumenterà del 20%, sia per la tassa di base sia per quella di consumo
CANTONE
2 ore
L'USTRA «irrispettosa» nei confronti del Mendrisiotto
I deputati PPD della regione interrogano il Governo sul progetto per la corsia destinata allo stazionamento dei tir
CANTONE / SVIZZERA
4 ore
«Senza l'IPG Corona, passeremo un bruttissimo Natale»
Tassisti e altri indipendenti restano senza aiuto economico: con le attuali restrizioni non sarebbe giustificato
LOSTALLO
12 ore
Contro la ringhiera, finisce nel prato
Ferite gravi per un'automobilista uscita di strada a Lostallo
LUGANO
14 ore
«Contenti loro, contenti tutti»
Fulvio Pelli dopo la sconfitta alle urne fa gli auguri al Polo Sportivo. «Non brontolo, staremo a vedere»
LUGANO
18 ore
Polo sportivo, ecco cosa accadrà da domani
Tutte le prossime tappe che porteranno alla costruzione del nuovo stadio e dell'intero progetto
CANTONE
18 ore
Votazioni federali: due "sì" e un "no" dal Ticino
Il 65,3% dei votanti ha dato via libera alla Legge Covid-19, mentre il 56,1% ha sostenuto l'iniziativa sugli infermieri.
LUGANO
18 ore
Paolo Beltraminelli è il nuovo presidente del PPD di Lugano
L'ex consigliere di Stato è stato nominato quest’oggi durante l'assemblea svoltasi a Pregassona
FOTO
CANTONE
23 ore
Bianco risveglio in buona parte del Ticino
A San Bernardino si misurano attualmente ben 25 centimetri di neve. Un centimetro anche a Lugano.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile