Immobili
Veicoli
CCL contro il salario minimo: «L'azienda sta pagando il pizzo al sindacato farlocco»
tipress
+7
STABIO
09.09.21 - 15:430
Aggiornamento : 18:32

CCL contro il salario minimo: «L'azienda sta pagando il pizzo al sindacato farlocco»

La denuncia di Unia e Ocst davanti alle porte di Cebi SA: «Chi ritira i nostri volantini viene fotografato»

C'è aria di tensione in vista della sottoscrizione del CCL che, di fatto, congela gli stipendi per 5 anni a pochi mesi dall'entrata in vigore del salario minimo. I sindacati storici chiedono un intervento urgente del Governo per frenare questa tendenza.

STABIO - La tensione era palpabile, e ciò nonostante nemmeno un lavoratore si sia affacciato per assistere alla breve manifestazione di Unia e Ocst, oggi pomeriggio, di fronte ai cancelli della Cebi Micromotors di Stabio. 

L'incontro era voluto per mettere in guardia i lavoratori dal Contratto collettivo di lavoro che alcune aziende del Mendrisiotto hanno tirato fuori per, stando a Vincenzo Cicero, co-segretario di Unia, «aggirare il salario minimo che entrerà in vigore dal 31 di dicembre». Le aziende in questione sono la Plastifil a Mendrisio, Ligo Electric a Ligornetto e, ora, Cebi Micromotors.

«Atteggiamento intimidatorio» - Difficile, per i sindacalisti sul posto, anche solo distribuire dei volantini. Una telefonata svela il motivo: «Dalla direzione stanno fotografando le targhe di chi si ferma a prenderli», spiega Giorgio Fonio segretario regionale Ocst, denunciando «un atteggiamento intimidatorio che sta creando un clima di terrore tra i lavoratori». 

Il nuovo CCL - Oggetto delle tensioni, appunto, il nuovo CCL tirato fuori dal cilindro a pochi mesi dall'entrata in vigore del salario minimo. Un CCL che, stando al volantino di Unia e Ocst, «ha come unico scopo quello di eludere la volontà popolare e continuare a impoverire le lavoratrici e i lavoratori, indipendentemente dalla loro provenienza». E che sarebbe stato imposto ai lavoratori con «la minaccia di licenziamenti e delocalizzazioni». 

Tra le "peculiarità" di questo Contratto collettivo si ha innanzitutto un salario orario di 3/4 franchi inferiore ai 19 franchi l'ora previsti dalla nuova normativa. Ma non solo. Sono diversi i punti che, come sottolinea Nenad Jovanovic – vice Segretario Regionale di Ocst, lo rendono peggiorativo rispetto alle condizioni lavorative preesistenti. 

L'attacco a TiSin - Dietro a questa manovra, oltre alle aziende sopra citate c'è un sindacato, TiSin, creato un anno e mezzo fa, sostenuto da alcuni esponenti della Lega dei ticinesi, e già ribattezzato come «farlocco» da Ocst e Unia. Per i sindacati storici si tratterebbe infatti di «un'associazione padronale pagata direttamente dall'azienda». «Praticamente l'azienda paga il pizzo al sindacato. Lo sceglie e lo paga», incalza Cicero. «TiSin - prosegue - è un'organizzazione che di fatto serve ai padroni, come dimostra la scelta d firmare questi contratti collettivi aziendali che vanno a esclusivo vantaggio delle imprese. E non è un sindacato, visto che il diritto di voto non lo hanno gli associati, ma i fondatori». 

L'appartenenza politica di questi fondatori è un altro punto della discussione. «TiSin è una creatura della Lega dei Ticinesi, un partito che si è costruito politicamente istigando la popolazione ticinese contro i frontalieri additandoli come la causa di tutti i mali - si legge sul volantino -. Oggi mostrano con chiarezza la loro faccia schierandosi al fianco dei peggiori padroni che circolano in Ticino, promuovendo il dumping salariale e sociale».

La richiesta di intervento - Unia e Ocst chiedono dunque ai lavoratori di segnalare situazioni come quelle che si stanno venendo a creare, a soprattutto chiedono un «intervento politico urgente». «Il Dipartimento delle finanze e dell'economia (DFE) dice che saranno i tribunali a decidere il da farsi, ma il Governo non può nascondere la testa dentro la sabbia. Deve annullare subito questi CCL». 

tio/20minuti
Guarda tutte le 11 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
BELLINZONA
1 ora
Furto con scasso alle scuole Semine
L'autore si è introdotto nello stabile durante la notte e ha rubato un paio di computer
CANTONE
5 ore
Mezzo pesante in avaria nel San Gottardo, forti disagi sull'A2
La panne si è verificata poco prima delle 10 di questa mattina. Il tunnel è già stato riaperto
CANTONE
23 ore
Ecco dove saranno posizionati i radar in Ticino
I controlli della velocità saranno sparpagliati in sei degli otto distretti cantonali.
AIROLO
1 gior
Auto contro camion, San Gottardo riaperto
L'incidente, avvenuto in territorio urano attorno alle 14.15, ha provocato la chiusura della galleria per circa tre ore.
CONFINE
1 gior
Auto ticinese si schianta a Maccagno, gravissimo un 15enne
L'incidente è avvenuto ieri sulla strada statale del Lago, a non molti chilometri dalla dogana di Dirinella.
LOCARNO
1 gior
«Spero che la giustizia mi dica chi ha ucciso mio figlio»
Parla la mamma del ragazzo di 23 anni trovato morto nell'appartamento di via Muro della Rossa
CANTONE
1 gior
STEG chiude le sue filiali in Ticino
I negozi di Lugano e Giubiasco cesseranno l'attività dal prossimo 9 luglio
LOCARNO
1 gior
L'uomo ritrovato nell'appartamento di Solduno aveva un taglio sul volto
La lacerazione sarebbe stata così evidente da rendere la vittima quasi irriconoscibile.
CANTONE
1 gior
Il vaiolo delle scimmie in Ticino? «Era solo questione di tempo»
In virtù del primo contagio registrato martedì in Ticino, abbiamo scambiato due parole con il medico cantonale.
FOTO
BELLINZONA
1 gior
Auto contro auto in centro a Bellinzona
L'incidente è avvenuto intorno alle 18.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile