Archivio Tipress
CANTONE
06.09.21 - 17:480
Aggiornamento : 20:49

Tra certificato Covid e vaccinazione: le riflessioni sulle piste da sci

Un comprensorio grigionese opta per il certificato Covid. Per Frapolli (Bosco Gurin) è fuori discussione: «Non da soli»

AIROLO / BOSCO GURIN - Lo scorso mercoledì la decisione era rimasta in sospeso: il Consiglio federale aveva rinunciato, al momento, all'estensione del certificato Covid a bar e ristoranti, e alle strutture del tempo libero. Ma la situazione potrebbe presto cambiare: già nella sua prossima seduta, il Governo potrebbe infatti stabilire una data di entrata in vigore dell'obbligo.

Nel frattempo c'è chi ha già deciso di chiedere il certificato Covid, pur non rientrando nelle categorie interessate dall'eventuale provvedimento. Si tratta del piccolo comprensorio sciistico delle Fideriser Heuberge, nei Grigioni: durante la prossima stagione invernale il documento sarà necessario per gli impianti di risalita ma anche per accedere alle strutture ricettive e ai bus.

«Tutti vaccinati» - In questo caso si parla di una piccola località grigionese. Ma qualcosa si muove pure nei comprensori invernali ticinesi, anche se non nella direzione dell'obbligo di certificato Covid per sciatori e snowboarder. «Entro la fine di ottobre tutto il personale degli impianti e della ristorazione dovranno essere vaccinati» ci dice infatti Giovanni Frapolli, proprietario degli impianti turistici di Bosco Gurin.

Ma un obbligo di certificato Covid per potersi recare sulle piste è per Frapolli fuori discussione, a meno che non si tratti di una decisione comune che riguarda tutti i comprensori. «Se la piccola stazione grigionese fa questa scelta da sola, resterà sola» afferma. Insomma, gli sciatori sceglieranno altre destinazioni invernali.

Una decisione «nel momento giusto» - Anche ad Airolo-Pesciüm al momento non si parla dell'introduzione di un tale obbligo. Simone Beffa, neodirettore di Valbianca SA (in carica dallo scorso 1. settembre), non si dice comunque né favorevole né contrario: «Vediamo la tendenza della pandemia e al momento giusto prenderemo una decisione».

Sulle piste di Airolo la scorsa stagione invernale ha visto un forte calo di presenze (-36,2% rispetto a quella precedente) in particolare a causa della limitazione al 60% della capacità di trasporto e alla chiusura dei punti di ristoro. «Bisogna anche capire - ci dice ancora Beffa - se con l'impiego del certificato Covid si potranno evitare i limiti di presenze». Ma, come detto, della questione non si è ancora discusso.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CHIASSO
2 min
Cinquanta milioni per cinquanta impieghi?
L'Mps punta il dito contro la Scuola di Moda di Chiasso. Costi troppo elevati rispetto all'impatto sul territorio
CANTONE
4 ore
«Il medico di famiglia vi farà risparmiare»
Dietro le quinte del progetto mediX ticino, coordinato dall'infettivologo Christian Garzoni.
LUGANO
15 ore
S'invola per gli Emirati, lasciando un cavallino nero in Ticino
Sul sito delle aste dell'Ufficio di esecuzione è sbucata una Ferrari 458 nera
CANTONE
16 ore
La “pandemia dei bambini”... anche nelle scuole ticinesi
In molti si dicono favorevoli all'introduzione dei test ripetuti e alla mascherina obbligatoria dalla quarta elementare
CANTONE
18 ore
Alle medie mancano professori di francese
Formazione dei docenti, il DECS e il DFA hanno fatto il punto della situazione tra passato, presente e futuro.
CANTONE
21 ore
Esplosione di casi nelle scuole
Durante il weekend sono state segnalate ben ventidue quarantene di classe (sedici alle elementari).
CANTONE
22 ore
Le novità sui cantieri delle FFS in Ticino
Dal nuovo cantiere di Riviera-Bironico fino alla chiusura (temporanea) dei lavori a Maroggia-Melano
CANTONE
23 ore
Altri 344 contagi e due decessi nel weekend
Salgono a settanta i pazienti ricoverati in ospedale. Sette si trovano nel reparto di cure intense.
LUGANO
1 gior
L'acqua potabile luganese costerà di più
Il 1. gennaio 2022 la tariffa aumenterà del 20%, sia per la tassa di base sia per quella di consumo
CANTONE
1 gior
L'USTRA «irrispettosa» nei confronti del Mendrisiotto
I deputati PPD della regione interrogano il Governo sul progetto per la corsia destinata allo stazionamento dei tir
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile